laRegione
berna-vieta-l-acciaio-russo-no-al-blocco-dei-media-di-mosca
Keystone
25.03.22 - 15:45
Aggiornamento: 19:19
Ats, a cura di Marco Narzisi

Berna vieta l’acciaio russo. No al blocco dei media di Mosca

Il Consiglio federale ha adottato le misure già prese dall’Ue. Parmelin: ‘Meglio contrastare coi fatti che un divieto interpretabile come censura’

La Svizzera ha aggiornato le proprie sanzioni contro la Russia, adeguandole al quarto pacchetto adottato di recente dall’Ue. "Punito in particolare il settore energetico e siderurgico. Tuttavia, Berna non intende vietare, come deciso da Bruxelles a inizio marzo, la diffusione dei contenuti di Sputnik e Russia Today, ossia i principali media statali russi.

Circa quest’ultimo aspetto, in una nota odierna della Segreteria di Stato dell’economia – organo responsabile dell’applicazione delle sanzioni, n.d.r – si specifica che, pur trattandosi di strumenti di propaganda e disinformazione mirata utilizzati dalla Federazione Russa, il Consiglio federale crede più efficace rispondere con i fatti a dichiarazioni fallaci e dannose, anziché vietarle.

Riunitosi oggi in seduta straordinaria, il Consiglio federale ha ripreso il più recente pacchetto di sanzioni dell’UE – 9 e 15 marzo – che entrano in vigore stasera alle 23. Il 16 marzo scorso, la Confederazione aveva già ampliato la lista delle persone colpite da sanzioni finanziarie.

Le nuove sanzioni

Da oggi sono vietate l’esportazione di beni del settore energetico e la fornitura dei relativi servizi, così come è proibito partecipare o mettere a disposizione prestiti o altri mezzi finanziari alle imprese attive nel settore energetico.

È proibito anche importare prodotti siderurgici provenienti o originari della Federazione Russa, nonché esportare nella Federazione Russa beni di lusso e beni per la navigazione marittima. In ambito finanziario sono vietate le transazioni con talune imprese statali e la messa disposizione di servizi di rating del credito.

Il governo ha anche stabilito deroghe alle sanzioni finanziarie, se finalizzate ad attività umanitarie. Ciò facilita le relazioni commerciali necessarie per l’operato delle organizzazioni umanitarie.

Media statali, passa la ‘linea Parmelin’

L’idea di un divieto dei media russi è stata evocata oggi dai giornali del gruppo CH Media. A inizio marzo, l’UE ha proibito alle due emittenti russe di trasmettere, anche via cavo, satellite, tramite siti web o applicazioni. In particolare, sono state prese di mira le sedi che trasmettono in francese e tedesco.

In linea di principio, il Consiglio federale ha deciso che la Svizzera adotterà tutte le sanzioni contro la Russia, dopo però averle esaminate e soppesate attentamente. La messa al bando dei media è considerata generalmente una grave interferenza nella libertà di opinione e di informazione.

In un’intervista ai giornali del gruppo Tamedia, il ministro dell’economia Guy Parmelin, interrogato sull’argomento, ha definito un simile passo una "questione politica molto delicata". Il ministro democentrista ha aggiunto che una decisione simile potrebbe giustificarsi solo per proteggere gli interessi superiori del Paese.

Non c’è dubbio, per il consigliere federale vodese, che i canali "RT" e "Sputnik" siano "strumenti di propaganda e guerra russa". "Diffondono bugie e disinformazione con l’obiettivo di fomentare l’insicurezza". Un divieto, tuttavia, potrebbe essere interpretato come una censura, secondo Parmelin. Oltre a non essere veramente efficace perché facilmente aggirabile, per il consigliere federale una simile decisione rischia di rendere queste due emittenti ancora più attrattive. Ad ogni modo, secondo Parmelin la popolazione è in grado di giudicare la "propaganda assurda" da ciò che non lo è.

Swisscom/Sunrise, trasmissioni interrotte

Swisscom e Sunrise UPC hanno già deciso all’inizio di marzo di interrompere immediatamente e fino a nuovo ordine la trasmissione del canale statale russo "RT" a causa della situazione straordinaria. "Sputnik" non sarà trasmesso da nessuno dei due provider.

Frattanto, domenica prossima sarà tenuto a battesimo a Zollikofen (BE) un canale televisivo destinato alla diaspora ucraina. Non è ancora chiaro come queste trasmissioni potranno essere ricevute. Maggiori informazioni verranno fornite nel fine settimana.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale sanzioni
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 min
Trasporti pubblici quasi ai livelli pre-covid
Il primo trimestre dell’anno ha fatto segnare un sensibile aumento dei chilometri percorsi a persone, saliti a 4,9 miliardi
Svizzera
37 min
Lavoro e permessi S, le aziende vogliono più sicurezze
Il 56% degli imprenditori ha mostrato interesse ad assumere profughi ucraini, il 10% già l’ha fatto. Ma servirebbero maggiori garanzie
Svizzera
1 ora
Pannelli solari nelle discariche, Consiglio federale favorevole
Le necessarie basi legali saranno create: accolta una mozione in tal senso di Rocco Cattaneo
Svizzera
1 ora
La siccità fa rivedere al ribasso le scorte di petrolio
La scarsa navigabilità del Reno spinge Berna a optare per un ulteriore taglio alle riserve obbligatorie. Che saranno ridotte del 12,8%
Svizzera
1 ora
Torna il sereno sul turismo. Ma la crisi non è alle spalle
Svizzera Turismo tira le somme della prima parte della stagione, ed è un bilancio positivo. In vista dell’autunno la prudenza resta però d’obbligo
Svizzera
2 ore
La ripresa economica spinge l’aumento dell’immigrazione
Nel primo semestre 2022 l’immigrazione nella popolazione residente permanente di nazionalità straniera è cresciuta del 21% rispetto all’anno precedente
Svizzera
3 ore
Dati Ilo: In Svizzera più occupati e disoccupazione in calo
La rilevazione sulla forza lavoro per il secondo trimestre 2022 dell’Ufficio internazionale del lavoro si basa su sondaggi, a differenza di quella Seco
Svizzera
4 ore
Vendita di canapa: Basilea fa da apripista
Il primo studio sperimentale in Svizzera scatterà a metà settembre in riva al Reno. Iscrizioni aperte: i posti sono limitati a 370
Svizzera
4 ore
Caro-benzina, da Berna un nuovo no a misure urgenti
Prezzi artificialmente bassi creerebbero incentivi sbagliati e peggiorare la situazione. Con un aumento dei consumi
Svizzera
5 ore
Viola Amherd ai Campionati europei di Monaco
Domani e dopodomani la ‘ministra’ dello sport sarà in Baviera. Dove assisterà alle gare di atletica e mountain bike
© Regiopress, All rights reserved