laRegione
24.03.22 - 11:04
Aggiornamento: 18:55

Futuri caccia F-35A svizzeri prodotti in Piemonte

Se acquistati, almeno 24 velivoli verranno costruiti a Crameri e consegnati a partire dal 2027

Ats, a cura de laRegione
futuri-caccia-f-35a-svizzeri-prodotti-in-piemonte
Keystone

Già nell’aria da diversi mesi, ora c’è certezza: il grosso dei futuri caccia F-35A dell’esercito svizzero – a condizione che vengano effettivamente acquistati – verranno prodotti a Cameri, in Piemonte, nello stabilimento di Leonardo. Qui si assemblano già gli F-35A delle Forze aeree olandesi.

In una nota, Armasuisse spiega che nella fabbrica verranno prodotti almeno 24 dei complessivi 36 aerei da combattimento. Attualmente si sta studiando la possibilità di realizzare in Svizzera, negli stabilimenti della Ruag, l’assemblaggio finale di altri quattro aerei. A ogni modo, i primi otto saranno prodotti negli Stati Uniti e verranno utilizzati – in loco – per la formazione iniziale di piloti svizzeri.

Nella nota, si specifica che il prezzo concordato e il programma di consegna rimangono invariati: gli aerei verranno consegnati a partire dal 2027 (sull’operazione pende tuttavia un’iniziativa popolare che chiede di rinunciare all’acquisto di questo aviogetto).

Dopo discussioni e approfondimenti, Armasuisse ha raggiunto un accordo col governo statunitense e stabilito che fino a 28 dei 36 aerei saranno prodotti in Italia. Ciò significa che almeno 24 aerei saranno costruiti da Leonardo a Cameri, in provincia di Novara. Tuttavia è in corso una verifica col costruttore degli F-35A, la Lockheed Martin, per capire se i lavori di assemblaggio finale per quattro velivoli potranno essere eseguiti dalla Ruag, in Svizzera, nell’ambito degli affari di compensazione; in caso contrario, anche questi saranno prodotti a Cameri. La Lockheed Martin realizzerà i primi otto aerei nel suo stabilimento di Fort Worth, Texas, in modo da poterli utilizzare per la formazione di pilote e piloti svizzeri negli Stati Uniti.

A Cameri si trova una delle due linee di produzione dell’F-35 fuori dagli Stati Uniti e l’unica in Europa. L’Italia ha partecipato al programma F-35 fin dall’inizio. Sia l’Aeronautica militare italiana che la Marina militare italiana utilizzano aerei F-35A e F-35B.

Leggi anche:

Alcuni aerei F-35A potrebbero venir prodotti in Italia

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
All’aeroporto di Zurigo-Kloten, la ripresa pare confermata
In settembre i movimenti sono stati 20’355, un 3% in meno rispetto ad agosto ma di quasi un terzo superiore allo stesso mese del 2021
Svizzera
1 ora
Scesi dal bus aggrediscono un uomo e gli danno fuoco
Dodici adolescenti sono stati rilasciati al termine dell’interrogatorio, avvenuto a Winterthur, mentre due si trovano in carcerazione preventiva
Svizzera
2 ore
Svizzera ‘razzista sistemica’, ma Berna respinge le accuse
Per l’ambasciatore elvetico alle Nazioni Unite le considerazioni del Gruppo sono in parte basate su ‘supposizioni’ e ‘malintesi’
Svizzera
6 ore
Malgrado le ombre, le prospettive per l’industria non peggiorano
Il comportamento del parametro rappresenta una sorpresa: gli analisti si aspettavano infatti una contrazione a valori compresi fra 54 e 55,6 punti
Svizzera
7 ore
Suicidi quasi dimezzati negli ultimi quarant’anni
La diminuzione è soprattutto evidente tra gli uomini. Il Ticino ha presentato i tassi di suicidio inferiori per tutto l’ultimo decennio
Svizzera
8 ore
Lieve ma significativo rallentamento dell’inflazione
Si tratta del primo calo dopo venti mesi consecutivi con numeri in crescita o stabili. In settembre il rincaro annuo si è attestato al 3,3%
Svizzera
23 ore
Elezioni cantonali a Zugo: Status quo per il governo cantonale
Il Consiglio di Stato rimane quindi composto da tre rappresentanti dell’Alleanza di Centro, due liberali radicali e due Udc
Svizzera
1 gior
Zurigo, 17enne perde la vita dopo una rissa
Altri tre ragazzi sono rimasti feriti nell’alterco scoppiato ieri notte in un appartamento di Oetwil am See
Svizzera
1 gior
L’inflazione colpisce duramente gli anziani
L’indagine ha evidenziato notevoli differenze regionali: gli anziani sono più colpiti in Ticino, dove il 30% dei pensionati vive in condizioni precarie
Svizzera
1 gior
‘Il riscaldamento a 19 gradi? Non s’ha da fare’
A dirlo è il settore immobiliare che critica la raccomandazione del Consiglio federale, poiché una casa troppo fredda è considerata ‘un difetto’
© Regiopress, All rights reserved