laRegione
gli-ospedali-pronti-a-reggere-un-aumento-dei-contagi
22.03.22 - 15:03
Aggiornamento: 16:13
Ats, a cura di Marco Narzisi

Gli ospedali pronti a reggere un aumento dei contagi

A contribuire alla stabilità della situazione ospedaliera il buon tasso di immunità tra la popolazione e la minor pericolosità della variante Omicron

Nonostante la forte circolazione del coronavirus – specie della sottovariante BA.2 di Omicron – gli ospedali non rischiano un sovraccarico, anche se nelle prossime settimane il numero delle infezioni aumenterà. Lo ha affermato oggi Patrick Mathys dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ai media, spiegando tale fenomeno col buon tasso di immunità tra la popolazione e la minor pericolosità della variante Omicron.

Stando a Mathys è difficile dire quando si raggiungerà il picco e potremo assistere ad una diminuzione dei casi. Gli esperti si attendono ancora molte infezioni – oramai oltre mezzo milione a settimana – fino ad aprile inoltrato, dopodiché dovrebbe verificarsi un’inversione di tendenza.

Prima di snocciolare le cifre relative all’infezione, Mathys ha ricordato – in occasione della centesima conferenza stampa – che anche dopo due anni dalla sua apparizione, e la fine di molte restrizioni che ci hanno consentito il ritorno ad una vita quasi normale, "siamo ancora confrontati col Covid". L’effetto della pandemia si fa soprattutto sentire a livello di assenze dal lavoro, per esempio.

Quanto agli effetti sul sistema sanitario, il numero di decessi si attesta in media a una decina al giorno, mentre oltre 100 persone devono recarsi all’ospedale per farsi assistere. Il numero di persone che necessita di cure intensive è di 126 al momento, ha sottolineato. Ad ogni modo, Mathys ha insistito ancora sui benefici della vaccinazione – booster compreso – e la minore virulenza del virus, caratteristiche che si ripercuotono positivamente sull’occupazione dei nosocomi.

In merito alla variante Omicron, la presidente della Task Force Covid-19 del Consiglio federale, Tanja Stadler, ha sottolineato che tale variante è ancora molto pericolosa. Tuttavia, in una popolazione con molti vaccinati e guariti, il decorso della malattia è meno grave. Lo dimostra a suo parere quanto sta accadendo a Hong Kong, con una copertura vaccinale molto scarsa, rispetto alla Nuova Zelanda. Entrambe le aree hanno un numero simile di casi, ma a Hong Kong il tasso di mortalità è circa il 50% più elevato, ha spiegato la docente al Politecnico federale di Zurigo.

Secondo Stadler è difficile stimare l’evoluzione della pandemia. Per esempio, se non ci fosse più l’obbligo della mascherina, il virus potrebbe diffondersi molto più facilmente. "Ad un certo punto, però, il virus non avrà più vittime da infettare", ha aggiunto Mathys. Secondo Stadler, è anche verosimile che appaiano nuove varianti. E in autunno, comunque, il virus probabilmente circolerà di nuovo con maggior intensità a causa di fattori stagionali.

Ad ogni modo, Mathys ha assicurato che la sorveglianza proseguirà anche nei prossimi mesi, specie in vista dell’autunno. Il Covid ci ha già dato brutte sorprese, ha spiegato l’alto funzionario. Per questo si continuerà con l’analizzare le acque reflue, eseguire test a campione su diverse categorie di persone e a sequenziare il virus alla caccia di nuove varianti. Il sistema è simile a quanto già si fa per l’influenza col sistema "Sentinella".

Richiamo non necessario ora

Per quanto riguarda le vaccinazioni, per Christopher Berger, presidente della apposita commissione federale, una seconda dose di richiamo avrebbe poco effetto in questo momento.

Uno studio eseguito in Israele sul personale sanitario mostra che una seconda dose di richiamo è solo marginalmente efficace contro un’infezione, ha spiegato. Questo è vero per la popolazione generale e anche per i pazienti più vulnerabili.

La protezione offerta dai vaccini mRNA, con le due dosi di base e una dose di richiamo, è efficace contro le forme gravi della malattia e riduce le ospedalizzazioni. In questo senso l’obiettivo è stato raggiunto, secondo Berger.

Ma con l’arrivo dell’autunno, dobbiamo essere preparati a diversi scenari. È possibile che sia necessaria una seconda dose di richiamo, per esempio per le persone vulnerabili. Si tratta di avere piani di vaccinazione per prendere la decisione al momento opportuno. A detta di Berger, si può confrontare la situazione con la vaccinazione contro l’influenza stagionale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus omicron svizzera variante omicron
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
17 ore
Caduta fatale per un’alpinista sul Pilatus
Una donna di 36 anni è morta dopo esser precipitata per centinaia di metri nel settore di Gsäss
Svizzera
18 ore
Gli imprenditori: non ci sarà un aumento astronomico dei salari
Il presidente dell‘Unione svizzera degli imprenditori (USI) Valentin Vogt ritiene irrealistiche le richieste dei sindacati: ’gettano fumo negli occhi’
Svizzera
1 gior
Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe
In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
1 gior
Incidente mortale ieri sera a Schlatt
Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
1 gior
Ventisettenne annega nel lago di Zurigo
È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
1 gior
HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte
Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
1 gior
Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9
A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
1 gior
Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade
Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
1 gior
Derubato di telefono e portafoglio da ignoti
Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
1 gior
Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave
L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
© Regiopress, All rights reserved