laRegione
aziende-impatto-indiretto-della-guerra-pesa-piu-delle-sanzioni
Depositphotos
21.03.22 - 12:13
Aggiornamento: 14:05
Ats, a cura de laRegione

Aziende, impatto indiretto della guerra pesa più delle sanzioni

Secondo Economiesuisse la pressione sui prezzi crescerà ancora. Forte carenza di materie prime e macchine per la produzione

Le aziende svizzere sono più toccate dalle conseguenze indirette della guerra in Ucraina che dalle sanzioni: è quanto emerge da un sondaggio di Economiesuisse.

Circa la metà delle imprese interpellate indica che il conflitto ha un impatto sulla loro attività e un quinto delle società parla di un forte influsso, emerge dai dati resi noti oggi. Tutti i settori sono toccati, ma a gradi diversi: particolarmente sotto pressione sono i comparti dell’industria chimica, delle macchine, dell’elettronica e dei metalli, come pure i produttori di generi alimentari e i grossisti.

Carenza di materie prime e macchine per la produzione

La guerra nell’Est europeo ha reso ancora più acuti i problemi alle catene di approvvigionamento che già esistevano e che si sperava potessero essere superati con la fine della gran parte delle misure antipandemia. Il 57% delle aziende lamenta una carenza di materie prime, il 37% di beni strumentali (per esempio macchine per la produzione), il 25% di beni di consumo e il 12% di energia (per esempio il gas).

Tutto questo ha un forte impatto sui costi. Già prima della guerra in Ucraina erano stati osservati aumenti significativi dei prezzi delle materie prime e dei prodotti intermedi: la guerra contribuisce ora a far rincarare l’energia.

La pressione sui prezzi crescerà ancora

Secondo Economiesuisse la pressione sui prezzi crescerà ancora e di conseguenza avrà un impatto maggiore sui prodotti finali. Per esempio l’industria chimica genera prodotti da materie prime poi utili anche nei consumi quotidiani, dalla plastica ai fertilizzanti: di conseguenza elettrodomestici, automobili, biciclette e molti articoli alimentari potrebbero diventare più cari. Anche le spese di trasporto stanno salendo: il caro benzina non rende più costoso solo il trasporto in nave e in aereo, ma anche quello in camion. Inoltre, a causa della guerra in Ucraina persistono le difficoltà logistiche dovute alla carenza di autisti, situazione che contribuisce a un ulteriore aumento dei prezzi. Nei prossimi sei mesi, le aziende di tutti i settori si aspettano una crescita media dei prezzi di circa il 5%.

Un quarto delle aziende colpito dalle sanzioni

Intanto cominciano a farsi sentire le conseguenze delle sanzioni degli Stati occidentali nei confronti della Russia. Circa un quarto delle aziende intervistate è colpito da queste misure che interessano – stando alle risposte fornite – soprattutto le limitazioni nei pagamenti con le banche russe, un punto che colpisce sia il settore finanziario che quello delle esportazioni. Si denotano anche limitazioni nel traffico aereo; i voli merci e il trasporto passeggeri sottostanno a restrizioni nello spazio aereo russo e devono essere dirottati. Sono stati inoltre imposti divieti di esportazione, per esempio sui beni a doppio utilizzo, civile e militare. Nel segmento turistico si osserva la mancanza di ospiti russi.

Molti operatori di mercato si aspettano che la Russia, a causa delle sanzioni imposte, non sarà più nel prossimo futuro un fornitore di materie prime e si attendono così un’offerta globale ancora più limitata. Oltre al petrolio e al gas, questo potrebbe riguardare anche altre importanti materie prime come il ferro o il nichel. Non ci si può perciò attendere una rapida soluzione alle strozzature dell’offerta: al contrario quasi l’80% delle aziende intervistate si aspetta problemi di approvvigionamento anche nei prossimi mesi.

Il sondaggio è stato condotto da Economiesuisse dal 2 al 10 marzo. Vi hanno partecipato 306 entità di tutte le regioni del Paese ed è stato completato da 13 associazioni professionali che hanno parlato a nome del proprio settore.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aziende economiesuisse prezzi russiaucraina sanzioni
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs
La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
Svizzera
13 ore
Al Ps dell’Inselspital il dolore si calma con la realtà virtuale
Un’équipe dell’ospedale bernese ha testato degli occhiali che portano virtualmente il paziente in ambienti rilassanti. I risultati sono incoraggianti
Svizzera
14 ore
Le Ffs si preparano alla Street Parade con vari treni aggiuntivi
Un orario speciale verrà inoltre adottato sulla rete notturna della Comunità dei trasporti di Zurigo
Svizzera
15 ore
Pollini, il 2022 anno eccezionale per precocità e abbondanza
In Ticino quelli del nocciolo sono presenti dalla fine di dicembre 2021. Vari i record in tutta la Svizzera
Svizzera
17 ore
Dopo l’incendio, il Kunsthaus abbassa il prezzo d’ingresso
Questo per compensare l’offerta ridotta durante i lavori, che dureranno alcuni mesi. La causa del rogo: l’autocombustione di un dispositivo a batteria
Svizzera
20 ore
Due morti in un incidente stradale sul Bernina
Durante un sorpasso un’auto si è scontrata con una moto. La polizia cerca testimoni
Svizzera
1 gior
Zurigo, viaggiatori infastiditi dalla puzza in stazione centrale
Gli odori sono causati dai bioreattori delle toilette dei nuovi treni Dosto, oltre che dal gran caldo. Le Ffs assicurano che il problema verrà risolto
Svizzera
1 gior
Tra cinque anni l’area alpina europea troppo piccola per il lupo
Dopodiché ci sarà un’autoregolazione. Secondo il Gruppo lupo svizzero una maggiore regolamentazione della specie non riuscirà a bloccarne la crescita
Svizzera
1 gior
Scoperto un altro scheletro su un ghiacciaio in Vallese
I resti sono stati ritrovati nei giorni scorsi nella regione di Saas Fee. Gli esperti di medicina legale sono al lavoro
Svizzera
1 gior
Engadina, presenza quasi certa di tre orsi
Sono stati osservati tramite le fototrappole. In assenza di test del Dna, non è possibile certificare con sicurezza che si tratti di esemplari differenti.
© Regiopress, All rights reserved