laRegione
l-ue-armonizza-la-navigazione-interna-incertezze-in-svizzera
Keystone
20.03.22 - 13:32
Aggiornamento: 14:15
Ats, a cura di Marco Narzisi

L’Ue armonizza la navigazione interna, incertezze in Svizzera

La centralizzazione delle competenze prevista da Bruxelles potrebbe creare un problema per i porti svizzeri sul Reno

La Commissione centrale per la navigazione del Reno (CCNR), di cui la Svizzera è membro, assicura il flusso regolare di merci e persone sul fiume. Tuttavia, Bruxelles vuole ora armonizzare la navigazione interna in Europa e centralizzare le competenze. Ciò potrebbe rappresentare un problema per i porti svizzeri del Reno.

"Il traffico merci sul Reno attualmente funziona molto bene", dice a Keystone-ATS Florian Röthlingshöfer, direttore dei porti svizzeri del Reno. È un fatto importante per l’economia elvetica.

Uno sguardo alle cifre lo conferma: "Più del 10% di tutto il commercio estero svizzero" passa attraverso il Reno, scrive l’Ufficio federale dei trasporti (UFT) sul suo sito web. Secondo i porti svizzeri del Reno, ogni anno vengono trasbordate circa sei milioni di tonnellate di merci e circa 125’000 container.

Per rafforzare ulteriormente la già buona cooperazione sul fiume, Röthlingshöfer mercoledì firmerà un cosiddetto memorandum d’intesa con il porto di Rotterdam (Paesi Bassi). Sarà presente anche la consigliera federale Simonetta Sommaruga, responsabile del Dipartimento federale dei trasporti (DATEC).

Ma la situazione potrebbe presto diventare più difficile per i porti svizzeri del Reno. Con la graduale integrazione del mercato interno dell’Ue, la Commissione europea sta armonizzando anche la navigazione interna.

Incertezze per la Svizzera

Di per sé, questo è un passo positivo per il settore, afferma Röthlingshöfer. "Ma abbiamo constatato che, nell’ambito di questa armonizzazione, la Commissione europea vorrebbe che delle competenze della CCNR le siano attribuite".

Questa tendenza dovrebbe anche essere rafforzata dal Patto verde europeo (spesso designato in area italofona anche come Green Deal europeo), ossia l’insieme di iniziative politiche proposte dall’esecutivo europeo con l’obiettivo generale di raggiungere la neutralità climatica in Europa entro il 2050.

Per ridurre le emissioni di CO2, Bruxelles vorrebbe sviluppare la navigazione interna. Secondo la commissaria europea ai Trasporti Adriana Valean, la navigazione interna "ha il potenziale per giocare un ruolo centrale nella decarbonizzazione del nostro sistema di trasporto".

Accesso alle banche dati

Per Röthlingshöfer, l’obiettivo è di per sé positivo per i porti interni. Ma questo sviluppo potrebbe prima o poi porre problemi alla Svizzera. Ad esempio, nel caso delle licenze di guida per le imbarcazioni. Attualmente, queste sono registrate in una banca dati centrale a cui hanno accesso gli Stati membri della CCNR. In caso di trasferimento di competenze, per la Svizzera si porrebbe la questione dell’accesso a tali informazioni.

La cooperazione tra gli Stati all’interno della CCNR si è rivelata finora un successo. La sua base giuridica è il Mannheimer Akte, un accordo che risale al 1868. Grazie ad esso, la navigazione è stata armonizzata e i regolamenti sono uniformi. Il compito della Commissione centrale è di continuare a impegnarsi per la "libera navigazione sul Reno", secondo il suo sito web.

I membri della CCNR sono Germania, Francia, Paesi Bassi, Belgio e Svizzera. Poiché la Confederazione è "l’unico Paese non membro dell’Ue, questo organismo è estremamente importante per noi", sottolinea Röthlingshöfer.

Se un trasferimento di competenze a Bruxelles dovesse concretizzarsi, la Svizzera non avrebbe altra scelta che riprendere i regolamenti dell’Ue nel campo della navigazione interna. La navigazione svizzera sul Reno potrebbe anche diventare una questione politica, come avvenuto per la Borsa svizzera e il settore della tecnologia medica.

La Camera di commercio delle due Basilea è consapevole del problema. La sua presidente, nonché consigliera nazionale, Elisabeth Schneider-Schneiter (Centro/BL) chiede al Consiglio federale di chiarire al più presto le questioni istituzionali con l’Ue: "È l’unico modo per garantire la sicurezza giuridica così importante per i porti del Reno di Basilea e per le imprese svizzere".

Secondo Röthlingshöfer, gli Stati membri della Commissione centrale stessa costituiscono un atout riguardo al mantenimento delle sue competenze "poiché la cooperazione all’interno dell’ente è semplice e funziona perfettamente". Vogliamo mantenere questa qualità, ma allo stesso tempo cercare una cooperazione costruttiva con l’Ue, aggiunge.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
navigazione interna porti svizzeri reno svizzera ue
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 min
Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Street Parade
Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
1 ora
Derubato di telefono e portafoglio da ignoti
Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
2 ore
Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave
L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
3 ore
Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione
Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
4 ore
Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano
L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
Svizzera
20 ore
In Svizzera moria di pesci di ‘proporzioni storiche’
La federazione dei pescatori teme che un numero ancora maggiore di specie autoctone possa scomparire per sempre
Svizzera
21 ore
Unia: ‘Divario salariale aumenta, occorre intervenire’
Il sindacato denuncia la stagnazione degli stipendi più bassi e l’aumento di quelli dei dirigenti
Svizzera
22 ore
Aumentano i posti vacanti fra le imprese svizzere
Sui siti internet delle 50 imprese più grandi si contano 12’400 annunci: il 34% in più rispetto a un mese fa
Svizzera
1 gior
Peste suina: Turgovia addestra cani per individuarla
La malattia è mortale per cinghiali e maiali, non per l’uomo. C’è un rischio elevato che arrivi presto in Svizzera, ritiene l’Ufficio federale competente
Svizzera
1 gior
Poca acqua nel Reno, il costo della benzina resta alto
Le navi possono trasportare un quarto delle merci rispetto a un anno fa. I costi di trasporto sono dunque fortemente aumentati.
© Regiopress, All rights reserved