laRegione
20.03.22 - 10:58
Aggiornamento: 15:17

‘I contagi giornalieri sono molti di più di quelli registrati’

Secondo il presidente dei medici cantonali Rudolf Hauri le cifre reali si aggirerebbero sui 150’000 casi al giorno

Ats, a cura di Marco Narzisi
i-contagi-giornalieri-sono-molti-di-piu-di-quelli-registrati
Keystone

Il numero di nuove infezioni da coronavirus è probabilmente molto più alto di quanto riportato ufficialmente. In un’intervista alla NZZ am Sonntag, il medico cantonale di Zugo e presidente dell’associazione nazionale dei medici cantonali, Rudolf Hauri, ha stimato che i contagi giornalieri si aggirino attorno a 150’000.

L’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) segnala quotidianamente tra 25’000 e 35’000 casi. Secondo Hauri, l’ondata attuale sarà maggiore di quella di gennaio ed è probabile che anche nelle prossime settimane il numero di casi e di ricoveri aumenterà con l’abbandono delle ultime misure, in particolare con l’addio all’obbligo di indossare la mascherina sui trasporti pubblici.

A metà febbraio il Consiglio federale aveva decretato il "liberi tutti", levando la maggior parte delle restrizioni, dato che l’elevato numero di infezioni non si traduceva in un rischio di intasare le terapie intensive.

Alla domanda se la popolazione prendesse ancora sul serio il coronavirus, il medico cantonale di Zugo ha ricordato che il virus non è scomparso. È probabile, ha aggiunto, che riemerga di nuovo con forza il prossimo autunno.

Per Lukas Engelberger, responsabile del Dipartimento della sanità di Basilea Città nonché presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS), l’abolizione dell’obbligo della mascherina nei trasporti pubblici prevista dal Consiglio federale per l’inizio di aprile rappresenta "un buon tempismo stagionale".

Tuttavia, se la situazione peggiorasse e l’onere per gli ospedali aumentasse significativamente nei prossimi giorni, il governo dovrebbe considerare di estendere la misura attuale. Engelberger si aspetta inoltre che ospedali e case di cura mantengano l’obbligo, poiché vi sono presenti molte persone particolarmente vulnerabili e anche il personale deve essere protetto.

Il rischio di ammalarsi gravemente o di morire a causa del Covid-19 è stato ridotto grazie all’alta immunità, "ma non dobbiamo ancora prendere il virus alla leggera", ha affermato il presidente della CDS, aggiungendo che le persone anziane sono sempre più spesso ricoverate in ospedale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Il prezzo del carburante è in calo. Ma per quanto ancora?
A incidere su altri possibili ribassi diversi fattori: oltre al costo del petrolio, anche i costi di navigazione sul Reno e il tasso di cambio del dollaro
Svizzera
4 ore
Il burro non basta mai: altre 1’000 tonnellate da importare
Quinto aumento nel giro di un anno della quantità extra necessaria per soddisfare la domanda interna
Svizzera
6 ore
‘Shock prevedibile, poteva essere evitato’
L’esperto di Comparis Felix Schneuwly sul pesante aumento dei premi di cassa malati per il 2023
Svizzera
22 ore
In autostrada al massimo a 100 all’ora
È la proposta lanciata dall’Associazione traffico e ambiente per diminuire i consumi energetici
Svizzera
23 ore
Il Parlamento converge... sul solare
Da sabato sarà obbligatorio installare pannelli fotovoltaici sui grandi edifici di nuova costruzione
Svizzera
23 ore
Aborto: 20 anni di regime dei termini
Due decenni fa veniva concessa, in tutti i cantoni, l’interruzione di gravidanza. Presente ai festeggiamenti anche Karin Keller-Sutter.
Svizzera
1 gior
Premi di cassa malati, in Ticino l’aumento sarà del 9,2%
A livello nazionale invece il rincaro sarà pari allo 6,6%.
Svizzera
1 gior
Per i piloti di Swiss mediazione ‘inutile’. Verso lo sciopero.
Nella discussione per il nuovo contratto collettivo di lavoro le maestranze chiedono un incontro con i vertici
Svizzera
1 gior
Vittime di violenza: necessari centri di prima assistenza
La necessità di garantire la documentazione e il rilevamento delle tracce da parte di un medico legale senza obbligo di sporgere denuncia
Svizzera
1 gior
Si prospettano lunghe attese per il pediatra
Due i fattori: la penuria di personale e la scelta dei genitori di recarsi direttamente al Pronto soccorso, senza consultare prima il medico di base
© Regiopress, All rights reserved