laRegione
19.03.22 - 17:07
Aggiornamento: 17:48

Berna valuta un forfait per l’integrazione dei rifugiati

Fra le misure di integrazione all’attenzione della Sem, sostegno per corsi di lingua e assistenza ai bambini

Ats, a cura di Marco Narzisi
berna-valuta-un-forfait-per-l-integrazione-dei-rifugiati
Keystone

Dato che i rifugiati dall’Ucraina con permesso S, per persone bisognose di protezione, sono autorizzati a lavorare in Svizzera, sono necessarie anche alcune misure di integrazione: la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha quindi annunciato che sta esaminando la possibilità di pagare una somma forfettaria ai Cantoni.

Il permesso S è pensato per un ritorno delle persone e non per la loro integrazione in Svizzera. I rifugiati dall’Ucraina del resto vogliono tornare al più presto nel loro paese d’origine, ha detto oggi la direttrice della SEM, Christine Schraner Burgener, durante la trasmissione Samstagsrundschau della radio svizzerotedesca SRF.

Corsi di lingua e cura dei bambini

Tuttavia, alcune misure di integrazione sono necessarie poiché le persone con statuto S possono lavorare da subito in Svizzera, ha spiegato la segretaria di Stato. Un fattore importante per accedere al mercato del lavoro è costituito dalle competenze linguistiche, che passano necessariamente da appositi corsi. Poiché la maggior parte degli arrivi sono costituiti da donne accompagnate da minori, è importante anche la questione dell’assistenza ai bambini.

La SEM ha discusso di questa questione con i cantoni. L’idea è di introdurre un possibile forfait di integrazione parziale. La consigliera federale Karin Keller-Sutter ha ripetutamente affermato che la Confederazione potrebbe contribuire finanziariamente ai corsi di lingua offerti dai cantoni.

Priorità: un tetto

Stando alla segretaria di Stato, la sfida più grande al momento è quella di assicurare che ogni persona che arriva in Svizzera disponga di un tetto sopra la testa. "Cerchiamo costantemente di allestire più alloggi. Ad esempio, i militari hanno già permesso alla SEM di utilizzare le caserme di Bülach (ZH) e Bure (JU). Anche una palestra dovrebbe essere presto disponibile, secondo Schraner Burgener.

L’obiettivo tuttavia è che le persone che sono fuggite dall’Ucraina non rimangano a lungo in questi centri; dopo due o tre notti, dovrebbero essere alloggiate da privati o presso i cantoni. "La solidarietà è enorme", ha detto il capo della SEM. I privati hanno offerto 61’000 posti letto, che vengono esaminati dalle autorità.

Finora, 9826 persone (767 in più rispetto a ieri) provenienti dall’Ucraina si sono registrate nei sei centri federali d’asilo, ha twittato oggi la SEM e 4417 di loro sono già stati alloggiati da privati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
47 min
Verso il condono edilizio dopo 30 anni per i rustici fuori zona
La mozione approvata da entrambe le Camere riguarda, per il Ticino, circa 2’000 costruzioni illegali secondo i numeri forniti dal ‘senatore’ Marco Chiesa
Svizzera
48 min
Imposta minima Ocse, 75% del gettito va ai Cantoni
Alla Confederazione il restante 25%. Lo ha deciso oggi il Nazionale allineandosi così agli Stati.
Svizzera
7 ore
‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’
Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
cyberpornografia
15 ore
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
16 ore
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
16 ore
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
18 ore
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
21 ore
‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’
Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
21 ore
Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry
Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
1 gior
Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità
Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
© Regiopress, All rights reserved