laRegione
14.03.22 - 19:34
Aggiornamento: 20:20

Consiglio nazionale, nessun giro di vite per le ‘gole profonde’

Bocciata la mozione di Benedikt Würth (Centro/Sg). A suo avviso le sanzioni previste per le fughe di notizie non sono sufficienti

Ats, a cura de laRegione
consiglio-nazionale-nessun-giro-di-vite-per-le-gole-profonde
Depositphotos

Non ci saranno nuove misure per identificare, correggere e punire le fughe di notizie provenienti dall’amministrazione federale. Il Consiglio nazionale ha tacitamente bocciato oggi una mozione del "senatore" Benedikt Würth (Centro/Sg) che chiedeva maggiore severità contro le "gole profonde".

Nel suo atto parlamentare, citando le indiscrezioni prima e dopo le sedute del Consiglio federale, il sangallese sosteneva come non si potesse più parlare di "casi isolati", ma di un sistema che ha un impatto negativo sui pilastri del sistema politico svizzero come la concordanza, la collegialità e il federalismo, così come sulla difesa degli interessi nei confronti dell’estero. A suo avviso, le sanzioni previste sono insufficienti: ci vogliono "nuovi strumenti" per limitare le fughe di notizie.

La mozione auspicava la realizzazione di un’indagine da parte di un organismo esterno che avrebbe dovuto identificare quali dipartimenti o settori dell’amministrazione fossero maggiormente toccati dal fenomeno. Inoltre, il Consiglio federale avrebbe dovuto pubblicare un rapporto annuale sul numero e il contenuto delle indiscrezioni e le procedure aperte.

Pur riconoscendo che le indiscrezioni in relazione agli affari del Consiglio federale costituiscono un problema – e nuocciono alle istituzioni politiche – la Commissione competente, nel suo rapporto, ritiene che la richiesta formulata nella mozione non sia adatta allo scopo.

Inoltre, visto che negli ultimi anni le procedure in relazione agli affari confidenziali o segreti sono state migliorate, non si vede la necessità di intervenire in questo ambito. Un rapporto sulle indiscrezioni, come chiesto da Würth, è inoltre "discutibile e non opportuno dal punto di vista istituzionale", conclude la Commissione delle istituzioni politiche.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
8 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
13 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
15 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
16 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
17 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
17 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
18 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
19 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
20 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved