laRegione
03.03.22 - 13:36
Aggiornamento: 17:43

Giovani, pressione psicologica e consumo di alcol in aumento

Lo indica uno studio condotto su un campione di 100mila 19enni e realizzato nei centri di reclutamento dell’esercito

ATS, a cura de laRegione
giovani-pressione-psicologica-e-consumo-di-alcol-in-aumento
Ti-Press
Consumo di alcolici in crescita fra i giovani

I giovani svizzeri sono per lo più soddisfatti della loro vita. Negli ultimi dieci anni sono però aumentati lo stress psicologico e il consumo eccessivo di alcol. La percentuale di giovani adulti con pensieri suicidi è, ad esempio, quasi raddoppiata negli ultimi anni, passando dall‘11% nel 2014/15 al 20% nel 2018/19. Il dato emerge da un sondaggio condotto su un campione di 100’000 19enni nell’ambito dello ‘Young Adult Survey Switzerland (Yass)’, realizzato nei centri di reclutamento dell’esercito per conto delle Inchieste federali fra la gioventù ch-x.

I principali fattori di rischio per il disagio mentale sono le interruzioni nel percorso scolastico e il basso livello di istruzione. I risultati del sondaggio permettono per la prima volta di osservare le tendenze su un periodo di 10 anni.

Quadro in chiaroscuro

Per quanto riguarda gli stili di vita sani, l’indagine mostra un quadro in chiaroscuro. I giovani adulti fumano meno (si è passati dal 25% nel 2010/11 al 17% nel 2018/19), mentre il consumo eccessivo di alcol è aumentato (dal 10% nel 2010/11 al 17% nel 2018/19). È diminuito anche il tasso di chi pratica sport, sceso dall’84% nel 2010/2011 al 74% nel 2018/19. I responsabili del sondaggio evidenziano anche in questo caso una correlazione fra stile di vita poco sano e basso livello d’istruzione.

L’interesse nei confronti della politica è rimasto abbastanza stabile, passando dal 44% al 46% nel periodo in esame. In termini di orientamento politico si osserva uno spostamento verso il centro e la sinistra, con una tendenza ad assumere le posizioni dei genitori.

L’indagine mostra inoltre un calo dell’omofobia (dal 30% nel 2010/11 al 21% nel 2014/2015), come pure della xenofobia (dal 45% nel 2010/11 al 29% nel 2018/19).

Stabilità ma anche ‘crepe’

Più in generale, la visione d’insieme dei dati decennali mostra una stabilità per gran parte degli indicatori essenziali dello stato d’animo e delle condizioni di vita dei giovani adulti svizzeri. Dietro questa bella facciata si nascondono comunque «un paio di crepe che è opportuno non sottovalutare», scrivono gli autori del sondaggio.

La soddisfazione nei confronti della propria vita è ad esempio molto elevata (al 79% nel 2018/19), ma la minoranza degli insoddisfatti è in crescita (dal 10% nel 2010/11 al 21% nel 2018/19: 21%). Questa insoddisfazione si osserva soprattutto fra i gruppi socio-demografici più vulnerabili, che presentano pure le condizioni di base peggiori per fronteggiare le difficoltà nel corso della vita futura.

Le inchieste di ch-x, realizzate per conto della Confederazione al momento dell’arruolamento, forniscono un quadro delle condizioni di vita e degli orientamenti sociali e politici dei giovani adulti in Svizzera. L’obiettivo è quello di registrare i possibili cambiamenti e di mostrare le tendenze e i trend negli atteggiamenti di vita delle diciannovenni e dei diciannovenni. La prima inchiesta Yass ha avuto luogo nel 2010/2011. Una prima ripetizione ha avuto luogo nel 2014/ 2015, mentre il terzo ciclo copre gli anni 2018/ 2019.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Regolazione del lupo, Regazzi: ‘Era ora’, Gysin: ‘Andati oltre’
La modifica della legge federale sulla caccia permetterà ‘abbattimenti preventivi’. A Palazzo federale un dibattito acceso e opinioni agli antipodi
Svizzera
4 ore
Baume-Schneider, Rösti: l’en plein delle Franches-Montagnes
La regione della consigliera federale eletta esce due volte vincitrice. La ‘Question jurassienne’? Il bernese dice che lui l’aveva già chiusa
Svizzera
6 ore
Ebs, tutte le chiavi di una sorprendente elezione
Simpatica, gradita ai contadini, funzionale agli svizzero-tedeschi con gli occhi puntati sul seggio di Alain Berset. L’analisi, col politologo Georg Lutz
Svizzera
10 ore
Governo: ‘Bel regalo’ o ‘brutta sorpresa’, stampa divisa
La nomina di chi ha preso il posto di Simonetta Sommaruga fa discutere: i pro e i contro del mondo del giornalismo
Svizzera
1 gior
Tra sorpresa e preoccupazione, le reazioni dei deputati ticinesi
Elezioni dei consiglieri federali, Storni (Ps): ‘Pensavo che la questione linguistica avrebbe prevalso’. Marchesi (Udc): ‘Vedrei bene Rösti all’Ambiente’.
Svizzera
1 gior
La centrale elettrica di riserva è una priorità
La Confederazione firma i contratti con i principali gruppi che la costituiranno. A disposizione 280 MW di potenza
Svizzera
1 gior
90 anni, i bastoni da trekking e un figlio consigliere federale
Hanni Rösti non si è voluta perdere l’elezione del figlio: ‘Sono sempre di buon umore, ma oggi un po’ di più’
Svizzera
1 gior
Allarme rientrato a Palazzo federale e nelle sue adiacenze
Il dispositivo d’emergenza era scattato poco prima di mezzogiorno per un oggetto sospetto. Poi rivelatosi innocuo
Svizzera
1 gior
Un nuovo virus trasmesso dalle zecche anche in Svizzera
Oltre alla meningoencefalite c’è anche l’Alongshan. In fase di sviluppo un test diagnostico per individuarlo
Svizzera
1 gior
Palazzo federale, area sgomberata per oggetto sospetto
L’allarme è scattato poco prima di mezzogiorno. Chiarimenti sono in corso da parte delle forze dell’ordine
© Regiopress, All rights reserved