laRegione
03.03.22 - 11:17
Aggiornamento: 18:49

La Svizzera vuole partecipare ad accoglienza rifugiati

Karin Keller-Sutter intende proporre al Consiglio federale di attivare lo statuto di protezione S per i cittadini ucraini

ATS, a cura de laRegione
la-svizzera-vuole-partecipare-ad-accoglienza-rifugiati
Keystone
La responsabile del Dipartimento di giustizia e polizia

La Svizzera si aspetta che l’Unione europea (Ue) attivi la direttiva sulla protezione temporanea per i cittadini ucraini. Lo ha detto la consigliera federale Karin Keller-Sutter prima della riunione dei ministri degli interni dell’Ue su Schengen e asilo che si tiene a Bruxelles. La responsabile del Dipartimento di giustizia e polizia intende proporre al Consiglio federale di attivare lo statuto di protezione S. Questo significa che le persone che hanno bisogno di protezione dall’Ucraina possono essere ammesse per un periodo limitato di tempo per motivi umanitari.

Gli ucraini possono entrare nell’area Schengen e quindi anche in Svizzera senza un visto, ma possono rimanervi per novanta giorni. Successivamente dovrebbe essere applicato lo statuto S. Con questo statuto, le persone ammesse possono, per esempio, lavorare in Svizzera e ricevere prestazioni sociali. Secondo Keller-Sutter, la direttiva Ue e lo statuto S svizzero sono simili. Sia la direttiva europea, sia lo statuto S non sono mai stati applicati.

Secondo gli ambienti di sinistra lo statuto S dà ai rifugiati meno diritti della direttiva europea. Keller-Sutter ha sottolineato che anche i singoli paesi dell’Ue applicheranno la direttiva in modo diverso. «Penso che lo statuto di protezione S sia più flessibile».

La Svizzera vuole partecipare

In occasione della riunione, Keller-Sutter informerà anche i suoi colleghi ministeriali del fatto che la Svizzera intende partecipare al meccanismo di solidarietà dell’Ue quando sarà attivato. Tale meccanismo dell’Unione europea serve a distribuire le persone tra gli stati membri. La ministra di giustizia e polizia non vuole fornire alcuna cifra sull’ammissione dei rifugiati. «Attualmente abbiamo pochissime persone dall’Ucraina che vengono in Svizzera». Al momento, vanno dove hanno famiglie e parenti, ha aggiunto.

Tuttavia, secondo la consigliera federale, un team di crisi "asilo" è già stato attivato per coordinare l’accoglienza. Se il Consiglio federale decidesse di applicare lo statuto S, dovrebbe anche essere possibile, tra le altre cose, ospitarli in case private.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
8 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
10 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
12 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
12 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
13 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
14 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
15 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
15 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved