laRegione
01.03.22 - 18:28

Il seggio al Consiglio sicurezza ONU non ostacola la neutralità

È quanto ha dichiarato oggi Frank Grütter, capo del Dipartimento ONU del DFAE. Il seggio avrebbe effetti positivi sui buoni uffici

ATS, a cura di Marco Narzisi
il-seggio-al-consiglio-sicurezza-onu-non-ostacola-la-neutralita
Keystone

Un eventuale seggio della Svizzera nel Consiglio di sicurezza dell’ONU come membro non permanente è compatibile con il diritto della neutralità, secondo il capo della Divisione ONU del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Lungi dall’essere un problema, avrebbe invece effetti positivi sui buoni uffici.

La neutralità significa che la Svizzera non può prendere parte ad azioni belliche in caso di conflitto, non può adottare misure militari e non può aderire ad un’alleanza militare, cioè la NATO, in tempo di pace. È quanto ha dichiarato oggi Frank Grütter, capo del dipartimento ONU del DFAE, in un briefing per i media sulla candidatura della Svizzera al Consiglio di sicurezza dell’ONU.

La neutralità non è implicata nelle decisioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU perché sono "decisioni della comunità internazionale per riportare un Paese sulla retta via", ha detto Grütter. Inoltre la Svizzera non ha obblighi, non deve inviare truppe e non deve aumentare le sue forze di pace, ha aggiunto.

Un Paese può prendere posizione contro le violazioni del diritto internazionale anche se neutrale. Il conflitto in Ucraina ha dimostrato che "dobbiamo prendere una posizione in un modo o nell’altro". Berna aveva già preso posizione prima dello scoppio della guerra, anche sulle sanzioni.

Aumentare il peso della Svizzera

Il seggio nel Consiglio di sicurezza dell’ONU è una grande opportunità per i buoni uffici. Permette di conoscere più da vicino i dossier e di avere un migliore accesso ai responsabili. La Svizzera guadagnerebbe "più peso", ha riassunto Grütter. Lo scopo del seggio per la Confederazione è di essere "credibile su tutta la linea" per quanto riguarda la difesa del diritto internazionale, il rispetto dei diritti umani e umanitari e la prevenzione dei conflitti.

In un caso come la guerra in Ucraina, la Svizzera "esprimerebbe la sua valutazione della situazione secondo il diritto internazionale", chiederebbe la cessazione delle ostilità e la protezione del personale medico, ha spiegato Grütter. Inoltre ribadirebbe che i conflitti possono essere risolti solo attraverso i colloqui.

La candidatura al Consiglio di sicurezza dell’ONU era stata decisa dal Consiglio federale nel 2011. L’attribuzione di uno dei dieci seggi non permanenti nel Consiglio di sicurezza dell’ONU dal 2023 al 2024 sarà presa il 9 giugno a New York. Le possibilità sono buone, perché finora solo Malta e la Svizzera hanno fatto domanda per i due posti disponibili.

L’UDC si è detta contraria, esprimendo dubbi legati alla neutralità. Una sessione straordinaria sul tema si svolgerà nel corso della sessione primaverile del parlamento.

Se la Svizzera sarà eletta nel Consiglio di sicurezza dell’ONU, il Consiglio federale stabilirà le priorità dopo le vacanze estive. La Confederazione siederà quindi nel Consiglio per tre mesi sino alla fine di dicembre come osservatore senza diritto di voto. Da gennaio 2023, dovrebbe poter partecipare al processo decisionale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
32 min
Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze
Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
40 min
Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’
Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
49 min
Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance
Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
Svizzera
2 ore
Ecco come hanno votato gli italiani in Svizzera
Il Partito democratico perde la leadership dei voti di lista, ma il risultato a livello di coalizione presenta alcune sorprese rispetto al voto in Italia
Svizzera
18 ore
‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’
A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
21 ore
Domenica di bocciature a livello cantonale
La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
23 ore
Allevamento intensivo: il no è netto
La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
23 ore
Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti
Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
23 ore
Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni
La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
1 gior
Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi
Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
© Regiopress, All rights reserved