laRegione
01.03.22 - 14:26

Aereo nel Lago di Costanza: fu un errore del pilota

Il bimotore, tipo Piper, era partito da Locarno e avrebbe dovuto atterrare ad Altenrhein. AI comandi un pilota domiciliato in Ticino

ATS, a cura di Moreno Invernizzi
aereo-nel-lago-di-costanza-fu-un-errore-del-pilota
Keystone

Era partito dall’aeroporto di Locarno-Magadino con destinazione Altenrhein. Ma quel 18 febbraio di un anno fa, il Piper pilotato da un 70enne tedesco, domiciliato in Ticino, finì il suo volo nelle acque del Lago di Costanza, nei pressi di Staad (Sg). L’indagine condotta dal Servizio d’inchiesta svizzero sulla sicurezza (Sisi) è ora arrivata alla conclusione che lo schianto del bimotore fu provocato da un errore del pilota, che aveva valutato male l’altitudine di volo.

Nel corso di un approccio verso l’aerodromo di Altenrhein (Sg), il pilota aveva mal interpretato l’indicazione degli strumenti. Non aveva quindi notato che il suo aereo, di tipo Piper, stava scendendo, si legge nel rapporto sommario del Sisi sull’incidente.

L’uomo, sulla settantina, aveva deciso di effettuare un atterraggio strumentale, nonostante il fatto che la nebbia rendesse praticamente impossibile l’operazione. Il pilota era cosciente della situazione, ma aveva deciso di proseguire per tenersi allenato. Le condizioni meteorologiche, una quota troppo elevata di partenza e il volo manuale rendevano l’operazione particolarmente difficile. Il pilota non ha poi tenuto conto dell’altitudine per interrompere l’approccio e cercare di riprendere quota quando era ancora possibile.

Atterraggio... a mollo

Il pilota tedesco, domiciliato in Ticino, era decollato da Locarno e si trovava a bordo da solo. Dopo aver sorvolato senza problemi le Alpi, si era trovato nel mezzo di una fitta nebbia nell’approccio ad Altenrhein, sulle sponde del Lago di Costanza. Il bimotore era finito nel lago a circa 300 metri dalla riva.

L’uomo ha comunque avuto fortuna ed era uscito da solo dal velivolo, aggrappandosi poi a delle parti del mezzo rimaste a galla. In seguito, un pescatore lo aveva fatto salire sulla sua barca. Il pilota era infine stato ricoverato in stato di ipotermia.

I resti dell’aereo erano finiti in fondo al lago. Dove sono stati recuperati con una spettacolare azione nel maggio del 2021, a oltre 80 metri di profondità.

Leggi anche:

Aereo partito da Locarno cade nel lago di Costanza, pilota salvo

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
23 min
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
1 ora
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
19 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
20 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
22 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
1 gior
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
© Regiopress, All rights reserved