laRegione
25.02.22 - 18:00

‘I giornali continuino a essere consegnati al mattino’

Lo chiede Schweizer Medien, che critica le proposte formulate dalla commissione di esperti sulla riforma della Posta dopo il 2030

Ats, a cura de laRegione
i-giornali-continuino-a-essere-consegnati-al-mattino
Ti-Press
A difesa della consegna dei giornali al mattino

Il recapito di giornali in abbonamento deve continuare a far parte del mandato di base della Posta. È quanto sostiene l’associazione degli editori svizzerotedeschi Schweizer Medien (Vsm), che oggi ha reagito in modo critico alle proposte formulate ieri da una commissione di esperti sulla riforma della Posta dopo il 2030.

In una nota, la Vsm esprime preoccupazione e sottolinea che la consegna quotidiana dei giornali cartacei è di importanza democratica e deve essere mantenuta a tutti i costi. Molte persone dipendono dalle informazioni che ogni giorno figurano sulla carta stampata.

Oggi la Posta deve consegnare a domicilio i quotidiani o i settimanali degli abbonati entro le 12.30, sei giorni su sette. Nel 2020 ne sono state consegnate 964 milioni di copie. Ciò avviene principalmente nelle zone discoste dove non esiste una consegna anticipata da parte di fornitori terzi. Gli editori e la Posta stimano che anche dopo il 2030 saranno ancora oltre 600 milioni le copie di giornali da consegnare.

Nonostante il calo del numero di abbonati è sbagliato ipotizzare che non ci sia più bisogno in futuro del recapito dei giornali cartacei, aggiunge la Vsm. Per la maggior parte delle testate la quota dei cartacei distribuiti è ancora significativamente più alta di quella delle copie digitali.

Leggi anche:

La Posta mette l’accento sui pacchi. A scapito delle lettere

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
12 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
12 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
14 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
17 ore
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
19 ore
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
Svizzera
1 gior
Il tennis in banca? ‘No e ancora no’: condanne confermate
Il Tribunale federale conferma la sanzione per i dodici attivisti che nel 2018 avevano occupato la sede losannese di una banca travestiti da Federer
Svizzera
1 gior
Mancano i medici? Governo favorevole a deroghe
Ma solo a precise condizioni e unicamente per medicina generale, pediatria, psichiatria nonché psicoterapia dell’infanzia e dell’adolescenza
© Regiopress, All rights reserved