laRegione
l-incendio-non-e-colpa-del-gatto-secondo-il-tribunale-federale
25.02.22 - 15:00
Ats, a cura de laRegione

L’incendio non è colpa del gatto, secondo il tribunale federale

Il fatto che ad accendere la piastra elettrica potrebbe essere stato il gatto non è sufficiente per l’assoluzione

Il Tribunale federale ha annullato una sentenza vodese che scagionava un inquilino dalle accuse di incendio e omicidio colposo. L’uomo aveva beneficiato del principio "in dubio pro reo" poiché non era stato escluso che il suo gatto avesse provocato il sinistro.

L’incendio si era verificato in un vecchio edificio del centro di Payerne (VD) nell’aprile 2017. L’inquilino dell’appartamento dove aveva avuto origine il rogo era uscito per fare una corsa a piedi. Una giovane vicina - una brasiliana di 23 anni - era invece rimasta intrappolata nella sua casa ed era morta a causa dell’inalazione del fumo.

Gli inquirenti si erano concentrati sulla cucina in vetroceramica, che era stata completamente calcinata e andata in mille pezzi. Due pentole erano state semidistrutte e i resti della macchina da caffè erano stati ritrovati sulla superficie. Gli esperti avevano concluso che il calore sprigionato da una piastra accesa avesse potuto scaldare questi materiali e provocare l’incendio.

Gatto sospettato

I comandi elettronici non hanno permesso di determinare se la piastra fosse rimasta accesa. L’inquilino, sulla quarantina, aveva escluso di averla usata quel giorno. Ma aveva anche affermato che il suo gatto aveva già accesso i fornelli in passato.

Nel maggio 2020, il Tribunale di polizia della Broye e del Nord vodese lo aveva allora condannato a 100 aliquote giornaliere di 30 franchi con la condizione per incendio e omicidio colposo. Aveva inoltre chiesto il versamento alla madre della vittima di 6’000 franchi per le spese di sepoltura e di 40’000 franchi per riparazione morale.

Sentenze annullate

Nel febbraio del 2021, il Tribunale cantonale vodese aveva però annullato la sentenza e, dopo un ulteriore ricorso della madre, ora anche il Tribunale federale ha annullato la decisione cantonale e ha rinviato il caso alla giustizia vodese.

La Corte di diritto penale del TF ha ricordato le motivazioni che avevano portato alla condanna in prima istanza: il giudice aveva creduto all’imputato che aveva dichiarato di non aver acceso la piastra e aveva quindi considerato l’ipotesi che fosse stato il gatto a farlo. Tuttavia, l’accusato non aveva inserito il blocco per bambini sebbene avesse scoperto che il suo gatto potesse accendere i fornelli. Inoltre, aveva aumentato il rischio lasciando le pentole e una macchina per il caffè sulle piastre.

Motivazioni "problematiche"

Per il Tribunale federale, le motivazioni della Corte cantonale di assolvere l’uomo secondo il principio "in dubito pro reo" (nel dubbio, si giudica in favore dell’imputato) sono problematiche. Secondo i giudici del TF questo principio non si applica nella valutazione delle prove. Di fronte a elementi contraddittori, il giudice non può accettare immediatamente le prove più favorevoli all’imputato.

A loro avviso, il riferimento al principio "in dubio pro reo" è quindi prematuro. Per questo motivo il caso è stato rinviato all’istanza inferiore.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
incendio tribunale federale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Il lupo che doveva essere abbattuto a Uri si è dato alla macchia
Per l’animale era stato autorizzato l’abbattimento dopo oltre dieci predazioni. Verosimilmente non è più nel territorio del cantone
Svizzera
3 ore
Caduta fatale per un escursionista 77enne nel Klöntal
È successo ieri nel canton Glarona. Il corpo è stato trovato a 1’512 metri d’altitudine.
Votazioni federali
3 ore
Avs: modifiche apprezzate soprattutto dagli uomini
Secondo il sondaggio di Tamedia e 20 Minuten si prospetta un ‘sì’ anche per l’iniziativa sull’allevamento. ‘No’ invece per l’imposta preventiva.
Svizzera
4 ore
Vallese, alpinista 64enne muore sul Täschhorn
L’uomo, un olandese, si trovava in compagnia di un altro scalatore. Si trovava a circa 3’910 metri d’altitudine quando è caduto dalla parete rocciosa.
Svizzera
5 ore
Ancora nessun bambino ucraino arrivato per assistenza medica
Il Paese aveva chiesto alla Svizzera di accogliere 155 bimbi malati. Prima dell’arrivo sono necessari però dei chiarimenti.
Svizzera
20 ore
Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs
La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
Svizzera
20 ore
Al Ps dell’Inselspital il dolore si calma con la realtà virtuale
Un’équipe dell’ospedale bernese ha testato degli occhiali che portano virtualmente il paziente in ambienti rilassanti. I risultati sono incoraggianti
Svizzera
21 ore
Le Ffs si preparano alla Street Parade con vari treni aggiuntivi
Un orario speciale verrà inoltre adottato sulla rete notturna della Comunità dei trasporti di Zurigo
Svizzera
22 ore
Pollini, il 2022 anno eccezionale per precocità e abbondanza
In Ticino quelli del nocciolo sono presenti dalla fine di dicembre 2021. Vari i record in tutta la Svizzera
Svizzera
1 gior
Dopo l’incendio, il Kunsthaus abbassa il prezzo d’ingresso
Questo per compensare l’offerta ridotta durante i lavori, che dureranno alcuni mesi. La causa del rogo: l’autocombustione di un dispositivo a batteria
© Regiopress, All rights reserved