laRegione
lacune-ed-errori-nell-acquisto-di-mascherine-da-parte-di-berna
Keystone
21.02.22 - 15:50
Aggiornamento: 20:03
Ats, a cura de laRegione

Lacune ed errori nell’acquisto di mascherine da parte di Berna

La Commissione gestione del Nazionale ha constatato una serie di negligenze e mancanza di trasparenza. Il Consiglio federale si esprimerà in maggio

All’inizio della pandemia di coronavirus, l’acquisto di mascherine da parte della Confederazione non si è svolta senza intoppi. La Commissione della gestione del Consiglio nazionale (CdG-N), nel corso di un’indagine, ha constatato lacune, negligenze e mancanza di trasparenza.

L’acquisto era stato affidato alla Farmacia dell’esercito e la commissione "fatica a comprendere che il Consiglio federale e il Dipartimento della difesa non abbiamo messo in discussione l’attribuzione", considerando anche che si trattava di un mandato "ampio e per certi versi inedito", si legge in un comunicato odierno.

Inoltre, il governo e il Dipartimento della difesa (DDPS) non hanno messo a disposizione della Farmacia mezzi supplementari per gestire al meglio la missione, scrive ancora la commissione. Tutto questo ha portato a negligenze a livello di controllo di qualità.

I servizi competenti non hanno così avuto modo di sporgere reclami o eventualmente di stralciare contratti una volta constatati problemi. Fra l’estate e l’autunno 2020, quando la pandemia ha rallentato, controlli sulla merce avrebbero dovuto essere effettuati.

La commissione lamenta anche una mancanza di trasparenza da parte del DDPS, che non ha accordato chiarimenti sufficienti in seguito alle critiche suscitate da tale acquisto. La CdG-N ha a più riprese ricevuto informazioni "insufficienti e opache".

Solo tardivamente il dipartimento ha rivelato di non aver consacrato risorse sufficienti al controllo di qualità delle mascherine e che per tale ragione si è persa l’occasione di reclamare. Le inchieste penali in corso permetteranno di fare luce su altre questioni in sospeso, come ad esempio l’adeguatezza del prezzo pagato, ha scritto ancora la commissione.

Il Consiglio federale dovrebbe prendere posizione sulla questione entro il 18 maggio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
commissione gestione consiglio federale mascherine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio
Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
gallery
Svizzera
2 ore
A Zurigo una nuvola artificiale contro la canicola
Un grande anello in alluminio diffonde goccioline talmente piccole da non bagnare i passanti, ma che permettono di far calare la temperatura di vari gradi
Svizzera
2 ore
Salgono i casi di coronavirus, 46’025 nell’ultima settimana
Nell’arco di sette giorni il numero di nuove infezioni è salito del 39%, quello delle ospedalizzazioni del 51,7%
Svizzera
3 ore
Nuovamente percorribile la strada del Susten
Riaperto il valico tra i cantoni Uri e Berna, dopo che ieri una frana ne aveva provocato la momentanea chiusura
Svizzera
4 ore
Secondo richiamo raccomandabile, ma non prima dell’autunno
Covid, secondo booster per ora consigliato solo agli ultraottantenni e immunocompromessi. Passata l’estate, lo sarà per le persone ‘a rischio’
Svizzera
6 ore
Ha un nome il corpo ritrovato nell’Aare, a Rubigen
Formalmente identificata la salma rinvenuta il 29 giugno: si tratta di un 76enne bernese dato per disperso dopo che si era tuffato più a monte
Svizzera
6 ore
Donna salvata dalla Rega nelle gole dell’Areuse
La giovane era scivolata finendo in acqua in un luogo molto incassato. Soccorsa con l’ausilio del verricello
Svizzera
8 ore
La formazione continua è la carta vincente. E va incentivata
Ne è convinta Travail.Suisse, che chiede un’offensiva in questo campo. E maggiori aiuti dal settore pubblico sotto forma di borse di studio
Svizzera
9 ore
Nel 2021 ancora l’ombra della pandemia sugli studi medici
Malgrado il miglioramento rispetto a marzo-ottobre 2020, quasi la metà di loro anche l’anno scorso ha registrato un calo delle attività
Svizzera
11 ore
Femsa vuole fare spesa da Valora: sul piatto 1,1 miliardi
L’azienda messicana intenzionata ad acquistare il rivenditore al dettaglio basilese. Offerti 260 franchi per azione
© Regiopress, All rights reserved