laRegione
la-maggioranza-degli-svizzeri-approva-il-liberi-tutti-di-berna
Keystone
17.02.22 - 17:25
Aggiornamento: 17:42
Ats, a cura de laRegione

La maggioranza degli svizzeri approva il ‘liberi tutti’ di Berna

Lo rivela un sondaggio Ssr. Solo il 28% della popolazione pensa che il Consiglio federale sia stato precipitoso. Disaccordo sulle mascherine

La maggioranza degli svizzeri è convinta che il Consiglio federale non abbia agito troppo in fretta togliendo ieri praticamente tutte le restrizioni anti-Covid. Solo poco più di uno su quattro – il 28% – crede che il governo sia stato eccessivamente precipitoso. La popolazione appare invece più spaccata sulla questione mascherine.

A rivelarlo è un sondaggio della Ssr, commissionato all’istituto Sotomo, pubblicato oggi. Si tratta della decima inchiesta di questo tipo realizzata per tastare il polso ai cittadini sulla gestione e sulle conseguenze dell’epidemia.

Effettuato tra il 4 e il 13 febbraio, quindi prima dell’abolizione ufficiale delle misure introdotte per arginare il coronavirus ma quando ormai le intenzioni del governo erano note, il sondaggio mette in evidenza come sia solo una minoranza a essere poco convinta del cosiddetto "Freedom Day". Anzi, il 39% avrebbe addirittura preferito aperture ancora più rapide.

Più controverso l’obbligo di indossare la mascherina, mantenuto solo sui trasporti pubblici e nelle strutture sanitarie. Il 53% si è infatti espresso per l’eliminazione generale di questa imposizione nelle prossime settimane, ma allo stesso tempo la maggioranza sarebbe favorevole a conservarla nei negozi (55%) e sui mezzi (61%).

Aumenta l’ottimismo

In linea di principio, dalla ricerca condotta online coinvolgendo 33’673 persone da tutta la Svizzera emerge che la popolazione non è mai stata così fiduciosa sull’esito della pandemia dall’inizio della crisi. Il 50% si dice piuttosto o molto ottimista, mentre a mantenere un certo grado di pessimismo è il 16% del campione intervistato.

Ottimismo non significa però che gli svizzeri siano ormai certi di essere tornati definitivamente alla normalità pre-Covid. Il 51% si aspetta invece che le misure restrittive tornino il prossimo inverno.

Riguardo ai singoli provvedimenti, solo l’abolizione dei tamponi ai sintomatici (54%) e dell’isolamento dei positivi (58%) sono stati respinti dalla maggioranza. Per quel che concerne il pass sanitario, il 64% degli interrogati sostiene la decisione di farlo decadere ovunque.

Con il miglioramento della situazione accusa perdite rispetto allo scorso autunno il campo dei fautori della vaccinazione obbligatoria. Scende al 41% il tasso di chi pensa che bisognerebbe introdurla nel settore sanitario e delle cure, mentre il 33% rimane sostenitore di un obbligo generale.

Cassis in ripresa

Il Consiglio federale non sembra però aver beneficiato dello slancio di ottimismo dei cittadini. Sebbene gran parte degli svizzeri preferisca l’operato di Berna durante la pandemia se paragonato a quello del resto d’Europa, la percentuale di persone che hanno molta o moltissima fiducia nella politica in materia del governo è passata dal 53 al 45%. Più di uno su due vorrebbe inoltre, ed è la prima volta, vedere ridotto il potere decisionale dell’esecutivo.

Chi invece ha approfittato della maggior visibilità regalata dal suo nuovo ruolo di presidente della Confederazione è Ignazio Cassis che, come Guy Parmelin prima di lui, vede il suo gradimento in crescita. Il ticinese resta sì in settima e ultima piazza, ma ha notevolmente ridotto il gap con i colleghi. Le note migliori rimangono quelle assegnate al ministro della sanità Alain Berset.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale coronavirus restrizioni anti-covid sondaggio ssr
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
15 ore
In Svizzera moria di pesci di ‘proporzioni storiche’
La federazione dei pescatori teme che un numero ancora maggiore di specie autoctone possa scomparire per sempre
Svizzera
16 ore
Unia: ‘Divario salariale aumenta, occorre intervenire’
Il sindacato denuncia la stagnazione degli stipendi più bassi e l’aumento di quelli dei dirigenti
Svizzera
17 ore
Aumentano i posti vacanti fra le imprese svizzere
Sui siti internet delle 50 imprese più grandi si contano 12’400 annunci: il 34% in più rispetto a un mese fa
Svizzera
18 ore
Peste suina: Turgovia addestra cani per individuarla
La malattia è mortale per cinghiali e maiali, non per l’uomo. C’è un rischio elevato che arrivi presto in Svizzera, ritiene l’Ufficio federale competente
Svizzera
19 ore
Poca acqua nel Reno, il costo della benzina resta alto
Le navi possono trasportare un quarto delle merci rispetto a un anno fa. I costi di trasporto sono dunque fortemente aumentati.
Svizzera
19 ore
La carenza di maestri è arrivata anche nei Grigioni
La parte italofona è riuscita a trovare delle soluzioni grazie a insegnanti provenienti da Ticino e Italia
Svizzera
1 gior
Statuto S: per gli aiuti si terrà conto di salario e patrimonio
Le raccomandazioni sono state adeguate dalla Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali
Svizzera
1 gior
Furti con scasso a Silvaplana e Müstair
La Polizia cantonale grigionese chiede alla popolazione di segnalare eventuali persone sospette
Svizzera
1 gior
Genitori multati per aver fatto saltare la scuola alla figlia
È successo nel Canton Zurigo. La famiglia ha fatto iniziare le vacanze estive della bambina tre settimane in anticipo
Svizzera
1 gior
Impianti di risalita: la stagione estiva si conferma molto buona
In Ticino, però, si registra una diminuzione dell’affluenza rispetto all’anno scorso
© Regiopress, All rights reserved