laRegione
14.02.22 - 15:35
Aggiornamento: 21:23

Chiesta a Swissmedic l’omologazione del vaccino Novavax

Nuvaxovid è un preparato che contiene la proteina spike del coronavirus: il corpo, riconoscendola come estranea, produce gli anticorpi per combatterla

Ats, a cura de laRegione
chiesta-a-swissmedic-l-omologazione-del-vaccino-novavax
Keystone

Future Health Pharma GmbH ha presentato a Swissmedic la domanda di omologazione per il vaccino anti-coronavirus di Novavax. Si tratta del primo preparato basato sulle proteine per cui viene depositata tale richiesta nella Confederazione.

Nuvaxovid, questo il suo nome, contiene la proteina spike del coronavirus, indica Swissmedic in una nota odierna. Il corpo riconosce che si tratta di una sostanza estranea e, di conseguenza, il sistema immunitario produce anticorpi ed è meglio equipaggiato per combattere un’eventuale infezione.

Il vaccino può essere conservato fino a sei mesi in frigoriferi convenzionali, il che è particolarmente vantaggioso dal punto di vista logistico, aggiunge l’Istituto svizzero per gli agenti terapeutici. Come noto, finora Berna ha già omologato i preparati di Pfizer/BioNTech, Moderna e Johnson & Johnson.

Novavax, in quanto fabbricante, non ha una filiale in Svizzera e pertanto non dispone di un’autorizzazione d’esercizio. L’azienda farmaceutica statunitense ha quindi deciso di far pervenire la sua domanda tramite Future Health. A giochi fatti, quest’ultima comparirà come titolare dell’omologazione.

Future Health ha inoltrato la richiesta tramite l’Agenzia europea per i medicinali (EMA), specifica Swissmedic. Nelle sue valutazioni, l’istituto elvetico potrà tenere conto di quelle formulate dall’organo di supervisione continentale con sede ad Amsterdam, che da parte sua lo ha già autorizzato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
16 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
17 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
20 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved