laRegione
clima-medici-e-attivisti-condannati-a-losanna
La protesta del 7 febbraio davanti al tribunale (Keystone)
giustizia
11.02.22 - 21:40
Aggiornamento: 22:33
Ats, a cura de laRegione

Clima: medici e attivisti condannati a Losanna

Dodici persone sono state condannate per aver partecipato a una manifestazione non autorizzata di Extinction Rebellion il 14 dicembre 2019.

Nuova sconfitta davanti alla giustizia losannese per gli attivisti del clima. Dodici persone, fra cui i medici Valérie D’Acremont e Blaise Genton, sono state condannate oggi per aver partecipato a una manifestazione non autorizzata di Extinction Rebellion il 14 dicembre 2019.

Quel giorno i dodici, accompagnati da altri attivisti, avevano partecipato a un sit-in e bloccato una strada del centro di Losanna per allertare la popolazione sull’emergenza climatica. Dopo che si erano rifiutati di abbandonare i luoghi, erano stati allontanati uno dopo l’altro dalla polizia.

Secondo il Tribunale distrettuale di Losanna, questa manifestazione, che non era stata autorizzata, costituisce “uso indebito” dello spazio pubblico, e per di più su “un asse essenziale” alla circolazione del centro città. Il giudice Lionel Chambour ha pure rilevato come un’ambulanza sia stata “ritardata” a causa del blocco della strada.

Agire diversamente

Il giudice ha inoltre rimproverato agli attivisti di non aver rispettato le ingiunzioni della polizia. Ha indicato che le forze dell’ordine si erano mostrate sufficientemente “tolleranti” concedendo del tempo agli attivisti affinché partissero spontaneamente.


Un cartello di protesta (Keystone)

Secondo il giudice, il cambiamento climatico non è “né contestato, né contestabile" e sulla “sincerità” dei militanti "non c’è dubbio”. Ha tuttavia ritenuto che gli attivisti avessero altri “modi possibili” per portare avanti la loro battaglia.

Riferendosi a una sentenza del Tribunale federale, Chambour ha sottolineato che, dal punto di vista del diritto, l’emergenza climatica non corrisponde alla definizione di “pericolo imminente”.

Sanzioni differenti

Il giudice ha pronunciato pene che vanno dalle 15 alle 20 aliquote giornaliere con la condizionale. Questa differenza di trattamento deriva segnatamente dal fatto che quattro politici comunali figuravano tra gli imputati, tra cui Valérie D’Acremont, che è consigliera comunale a Losanna. Il Tribunale ha ritenuto opportuno punirli più severamente.

Ciascun attivista dovrà pure pagare una multa di 300 franchi, salvo Valérie D’Acremont e Blaise Genton, per i quali l’ammenda è stata fissata a 1’000, tenuto conto della loro situazione finanziaria. D’Acremont è infettivologa al Centro ospedaliero e universitario vodese (Chuv), mentre Genton è responsabile della campagna vaccinale nel canton Vaud. Anche le spese procedurali - tra i 300 e i 700 franchi a seconda dei casi - sono a carico degli imputati.

"Una vergogna”

Le reazioni degli attivisti al termine della lettura della sentenza non si sono fatte attendere. “È una vergogna! Lei non capisce nulla”, ha affermato un’imputata rivolgendosi al giudice, mentre usciva dall’aula del tribunale.

“Lei è dalla parte sbagliata della storia", ha aggiunto un’altra attivista. "Stiamo affrontando una pandemia da due anni e lei ritiene che non ci sia un pericolo imminente!”, le ha fatto eco un altro militante per il clima.

Davanti al Tribunale, la rabbia non si è placata. “Durante le arringhe, abbiamo fatto tutto il possibile per far capire al giudice la situazione, la preoccupazione delle persone”. Ma non ne ha tenuto conto. Non siamo riusciti a sbriciolare il suo guscio di cemento armato", ha commentato Blaise Genton.

Gli attivisti hanno già sin d’ora annunciato che faranno ricorso contro la sentenza odierna.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
attivisti clima extinction rebellion giudice losanna manifestazione medici tribunale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe
In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
5 ore
Incidente mortale ieri sera a Schlatt
Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
5 ore
Ventisettenne annega nel lago di Zurigo
È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
6 ore
HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte
Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
7 ore
Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9
A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
9 ore
Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade
Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
11 ore
Derubato di telefono e portafoglio da ignoti
Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
11 ore
Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave
L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
13 ore
Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione
Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
13 ore
Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano
L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
© Regiopress, All rights reserved