laRegione
ottomila-persone-rischiano-di-finire-sulla-strada-in-svizzera
Keystone
Un fenomeno sfuggevole
10.02.22 - 15:48
Aggiornamento: 18:23
Ats, a cura de laRegione

Ottomila persone rischiano di finire sulla strada in Svizzera

I dati di un nuovo studio commissionato dall’Ufficio federale delle abitazioni. I senzatetto sono 2’200

Berna – In Svizzera si stima che attualmente vi siano 2’200 persone senzatetto e altre 8’000 a rischio di perdere la propria abitazione, stando ad uno studio commissionato dall’Ufficio federale delle abitazioni (UFAB). Le strategie per contrastare il fenomeno variano molto a seconda dei cantoni e dei comuni e sono necessari altri dati per avere una visione d’insieme.

Dal sondaggio condotto nei Cantoni e nei Comuni, risulta che le grandi città e gli agglomerati sono i più colpiti dal fenomeno dei senzatetto, sottolinea l’UFAB. Il rischio di perdere l’alloggio è presente invece soprattutto nei centri delle aree rurali. Fra le ragioni che portano a vivere per strada vengono spesso citati i debiti o i problemi di dipendenza. Anche le cause sociali o legate alla migrazione hanno un impatto.

Pochi Cantoni si sono attrezzati

I Comuni e i Cantoni intervistati riconoscono la competenza dello Stato per quanto riguarda la prevenzione e il contrasto del fenomeno, le soluzioni concrete però sono molto eterogenee. Solo una minoranza di Cantoni dispone di un sistema di assistenza o di un servizio specifico per affrontare il problema, “motivo per cui non vi sono dati attendibili sul numero e sulle tipologie di persone senzatetto e nemmeno sugli stadi precedenti a questa condizione”, affermano gli autori dello studio.

Molti ritengono che la mancanza di alloggio sia strettamente legata all’aiuto sociale ed è per questo che il problema dei senzatetto viene gestito principalmente attraverso le strutture di assistenza sociale e di primo soccorso. Per gli specialisti che hanno realizzato l’inchiesta, questo approccio esclude però le persone che non hanno i requisiti per beneficiare dell’assistenza sociale o non si annunciano agli uffici competenti.

Comuni lasciati a sé stessi

I Comuni, dal canto loro, sono consapevoli di avere strumenti limitati per aiutare i senzatetto e le persone che rischiano di finire per strada. La maggior parte non dispone di centri di accoglienza, le collaborazioni sono rare e il sostegno da parte dei Cantoni e della Confederazione non è garantito, sottolineano gli autori. “In più, il fatto che i requisiti per il diritto agli aiuti siano stabiliti dai Comuni stessi innesca processi di emarginazione ed emigrazione”.

Il fenomeno dei senzatetto è ancora poco studiato e i dati disponibili sono alquanto lacunosi. Per questo gli autori dello studio raccomandano di raccogliere ulteriori informazioni, di istituire un monitoraggio che consenta di analizzare e definire il problema nelle sue diverse forme e di elaborare un quadro di riferimento a livello nazionale. Inoltre, suggeriscono di rafforzare la collaborazione a tutti i livelli e di valutare l’elaborazione di una strategia per l’offerta di alloggi che permetta ai senzatetto di accedere più facilmente a soluzioni abitative a lungo termine.

Al sondaggio realizzato dalla Hochschule für Soziale Arbeit Nordwestschweiz (FHNW) hanno partecipato 22 Cantoni, fra cui il Ticino, e 616 Comuni, pari al 28% del totale dei Comuni svizzeri. Le interviste hanno riguardato i seguenti aspetti: cosa si intende per senzatetto, chi sono gli enti e gli operatori assistenziali e come sono organizzati, quali sono gli aiuti concreti a livello cantonale, quali sono gli esempi di buone pratiche e gli ambiti in cui è necessario intervenire.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cantoni comuni senzatetto studio svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
14 ore
Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs
La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
Svizzera
14 ore
Al Ps dell’Inselspital il dolore si calma con la realtà virtuale
Un’équipe dell’ospedale bernese ha testato degli occhiali che portano virtualmente il paziente in ambienti rilassanti. I risultati sono incoraggianti
Svizzera
15 ore
Le Ffs si preparano alla Street Parade con vari treni aggiuntivi
Un orario speciale verrà inoltre adottato sulla rete notturna della Comunità dei trasporti di Zurigo
Svizzera
15 ore
Pollini, il 2022 anno eccezionale per precocità e abbondanza
In Ticino quelli del nocciolo sono presenti dalla fine di dicembre 2021. Vari i record in tutta la Svizzera
Svizzera
17 ore
Dopo l’incendio, il Kunsthaus abbassa il prezzo d’ingresso
Questo per compensare l’offerta ridotta durante i lavori, che dureranno alcuni mesi. La causa del rogo: l’autocombustione di un dispositivo a batteria
Svizzera
21 ore
Due morti in un incidente stradale sul Bernina
Durante un sorpasso un’auto si è scontrata con una moto. La polizia cerca testimoni
Svizzera
1 gior
Zurigo, viaggiatori infastiditi dalla puzza in stazione centrale
Gli odori sono causati dai bioreattori delle toilette dei nuovi treni Dosto, oltre che dal gran caldo. Le Ffs assicurano che il problema verrà risolto
Svizzera
1 gior
Tra cinque anni l’area alpina europea troppo piccola per il lupo
Dopodiché ci sarà un’autoregolazione. Secondo il Gruppo lupo svizzero una maggiore regolamentazione della specie non riuscirà a bloccarne la crescita
Svizzera
1 gior
Scoperto un altro scheletro su un ghiacciaio in Vallese
I resti sono stati ritrovati nei giorni scorsi nella regione di Saas Fee. Gli esperti di medicina legale sono al lavoro
Svizzera
1 gior
Engadina, presenza quasi certa di tre orsi
Sono stati osservati tramite le fototrappole. In assenza di test del Dna, non è possibile certificare con sicurezza che si tratti di esemplari differenti.
© Regiopress, All rights reserved