laRegione
07.02.22 - 11:58
Aggiornamento: 15:33

‘A Berset hanno lasciato fare il bello e il cattivo tempo’

È l’opinione del direttore dell’Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM) Hans-Ulrich Bigler e del presidente di GastroSuisse Casimir Platzer

Ats, a cura de laRegione
a-berset-hanno-lasciato-fare-il-bello-e-il-cattivo-tempo
Keystone

Dopo uno sforzo iniziale per cercare soluzioni ad ampio raggio, con il passare del tempo il ministro della Sanità Alain Berset si è sempre più isolato. Lo pensano il direttore dell’Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM) Hans-Ulrich Bigler e il presidente di GastroSuisse Casimir Platzer, che oggi sulla stampa criticano aspramente l’operato del consigliere federale durante la crisi del Covid.

Gli altri membri dell’esecutivo si sono pian piano defilati lasciando spazio a Berset con la motivazione di non voler interferire con affari di cui non erano direttamente competenti, hanno commentato amareggiati i due in un’intervista concessa all’edizione odierna della “Neue Zürcher Zeitung”. Il risultato è stato che, in merito alla pandemia del secolo, il dipartimento guidato dal friburghese ha fatto il bello e il cattivo tempo.

Secondo Bigler, la Svizzera affrontando la pandemia ha completamente perso l’equilibrio fra aspetti socio-politici, economici e sanitari. A suo avviso, l’attenzione era infatti posta unicamente sulla salute pubblica.

Gli studi mostrano però che più a lungo dura un lockdown maggiori sono i danni all’economia, fa notare, una dimensione che non è mai stata discussa seriamente. In questo senso anche la Segreteria di Stato dell’economia (SECO) ha fallito totalmente, è il duro giudizio che emerge dalle parole rilasciate al quotidiano svizzero-tedesco.

La rapida reazione del Consiglio federale a inizio emergenza rimane l’unico punto forte della politica in materia di coronavirus, aggiunge da parte sua Platzer. Bigler ha descritto come un ottimo risultato il fatto che i crediti di liquidità per le aziende siano subito stati resi disponibili senza indugio. Su questo aspetto bisogna dunque lodare il ministro delle Finanze Ueli Maurer e le banche, ha riconosciuto il numero uno dell’USAM.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Suisse Secret, il Ministero pubblico della Confederazione indaga
Credit Suisse sporge denuncia per la fuga di notizie. I reati prospettati sono spionaggio economico, violazione dei segreti commerciale e bancario
Svizzera
15 ore
Moutier, no di Plr e Udc alla mediazione di Baume-Schneider
Per le sezioni del Giura bernese, la passata militanza della consigliera federale non le permetterebbe un responso imparziale sul contenzioso
Svizzera
16 ore
In un comune su due installare pannelli solari non conviene
I proprietari rischiano addirittura di andare in perdita, indica uno studio. Notevoli le differenze da un cantone e un comune all’altro
Svizzera
16 ore
Il Consiglio federale in difesa della libertà di stampa
Scoop con i dati bancari? Il governo sostiene una mozione che chiede di rinunciare alle sanzioni penali previste attualmente
Svizzera
17 ore
Expo 2025, la Svizzera punta su innovazione e padiglione ‘light’
Berna intende presentare la struttura più leggera ed ecologica di tutta la manifestazione che si svolgerà a Osaka
Svizzera
17 ore
La Confederazione deve impegnarsi sulla penuria di farmaci
Secondo Enea Martinelli, farmacista ospedaliero di vari nosocomi bernesi, occorre elaborare misure a lungo termine
Svizzera
18 ore
Un gruppo di esperti vuole vietare le promozioni sulla carne
Le misure proposte, fra cui anche una tassa sul CO2 prelevata sulle derrate, sono finalizzate a preservare la sicurezza alimentare della Svizzera
Svizzera
18 ore
Migros ha scelto: il nuovo numero uno sarà Mario Irminger
Precedentemente alla testa di Denner (che ora cerca un nuovo timoniere), prenderà le redini dei ‘gigante arancione’ fra due mesi
Svizzera
18 ore
Le prestazioni complementari non compromettono il permesso C
Lo ha statuito il Tribunale federale, accogliendo il ricorso di uno spagnolo a cui in prima istanza le autorità avevano revocato lo statuto
Svizzera
22 ore
Per la Rega nel 2022 un numero da record di pazienti soccorsi
Le oltre 14’000 persone aiutate lo scorso anno sono la cifra più alta nei 70 anni di storia della Guardia aerea svizzera di soccorso
© Regiopress, All rights reserved