laRegione
levata-di-scudi-contro-il-piano-eolico-cantonale
Ti-Press
Non tutti le vogliono
04.02.22 - 17:04
Aggiornamento: 18:20
Ats, a cura de laRegione

Levata di scudi contro il piano eolico cantonale

Undici Comuni friborghesi si appellano al Tribunale federale per chiedere al Consiglio di Stato di rivedere i suoi piani

Undici Comuni friborghesi, contrari agli impianti eolici previsti nel piano direttore cantonale, si rivolgono al Tribunale federale (Tf). Contestano un presunto conflitto d’interessi di una società che ha partecipato, in qualità di esperto indipendente, all’elaborazione del documento. Non è che l’ultimo episodio di una saga relativa al tormentato sviluppo dell’energia eolica nel cantone. Da un lato c’è il Consiglio di Stato che punta su questo vettore rinnovabile, dall’altro gli abitanti dei Comuni prescelti per le turbine che non le vogliono. Una dicotomia che del resto si verifica un po’ ovunque in Svizzera.

La revisione del piano direttore era stata richiesta dai Comuni di Vuisternens-devant-Romont e La Sonnaz in ottobre, una richiesta rivelatrice del clima teso nel dossier dell’energia prodotta col vento. I due enti locali volevano che i progetti di parco eolico del piano regolatore fossero soppressi, che si realizzassero nuovi studi di base e che si avviasse una nuova procedura di consultazione. Ispirandosi dai due, una ventina di altri Comuni hanno inoltrato richieste proprie in materia di eolico.

Poco prima di Natale, informando i Comuni via e-mail, il Consiglio di Stato aveva rifiutato di entrare nel merito avanzando ragioni giuridiche. Accedendo al Tf, i Comuni sperano ora che il governo cantonale sia obbligato a esprimersi, spiega in un comunicato odierno l’avvocato David Ecoffey, mandatario degli undici Comuni.

Conflitto d’interessi

Pomo della discordia, in particolare, il ruolo svolto dalla società Ennova in qualità di esperto indipendente, incaricata dal Servizio dell’energia (SdE, che fa capo al Dipartimento cantonale dell’economia/Deef) di accompagnare il processo di elaborazione del piano direttore. Ennova ha un ‘interesse diretto e specifico’ nel fatto che certi siti figurino nel documento pianificatorio. Inoltre, deplorano i Comuni, il consigliere di Stato Olivier Curty (Centro), responsabile del Deef, siede anche nel consiglio di amministrazione del Groupe E, che possiede lo specialista dell’energia eolica Groupe E Greenwatt.

Netta opposizione popolare

I comuni di Vuisternens-devant-Romont e La Sonnaz ospitano quattro dei sette parchi eolici previsti dal piano direttore. I loro cittadini avevano respinto massicciamente la prospettiva di costruire turbine sul loro territorio in votazioni consultive nel 2021. L’opposizione nel cantone contro questa forma di produzione di energia rinnovabile è cresciuta dopo la presentazione delle ambizioni del governo nell’ottobre 2020. «Friborgo è il terzo cantone con il maggior potenziale di energia eolica, dopo Vaud e Berna», aveva sostenuto Curty.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
energia eolica tribunale federale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
22 min
Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Street Parade
Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
2 ore
Derubato di telefono e portafoglio da ignoti
Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
2 ore
Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave
L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
4 ore
Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione
Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
4 ore
Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano
L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
Svizzera
21 ore
In Svizzera moria di pesci di ‘proporzioni storiche’
La federazione dei pescatori teme che un numero ancora maggiore di specie autoctone possa scomparire per sempre
Svizzera
22 ore
Unia: ‘Divario salariale aumenta, occorre intervenire’
Il sindacato denuncia la stagnazione degli stipendi più bassi e l’aumento di quelli dei dirigenti
Svizzera
22 ore
Aumentano i posti vacanti fra le imprese svizzere
Sui siti internet delle 50 imprese più grandi si contano 12’400 annunci: il 34% in più rispetto a un mese fa
Svizzera
1 gior
Peste suina: Turgovia addestra cani per individuarla
La malattia è mortale per cinghiali e maiali, non per l’uomo. C’è un rischio elevato che arrivi presto in Svizzera, ritiene l’Ufficio federale competente
Svizzera
1 gior
Poca acqua nel Reno, il costo della benzina resta alto
Le navi possono trasportare un quarto delle merci rispetto a un anno fa. I costi di trasporto sono dunque fortemente aumentati.
© Regiopress, All rights reserved