laRegione
03.02.22 - 15:58

La Svizzera nel consiglio direttivo dello Spazio Schengen

Lo ha annunciato la consigliera federale Keller-Sutter. L’idea lanciata dal presidente francese Macron

Ats, a cura de laRegione
la-svizzera-nel-consiglio-direttivo-dello-spazio-schengen
Keystone

Il presidente francese Emmanuel Macron vuole creare un consiglio direttivo dello Spazio Schengen. La Svizzera dovrebbe esservi rappresentata, ha dichiarato oggi a Lilla la consigliera federale Karin Keller-Sutter poco prima della riunione informale dei ministri della giustizia e degli interni.

La responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia (Dfgp) ieri sera ha potuto discutere brevemente dell’argomento con Macron, dopo la presentazione della proposta fatta dallo stesso presidente francese a Tourcoing. Il presidente francese le ha assicurato che gli stati associati faranno senz’altro parte del Consiglio Schengen. “Va da sé che la Svizzera ne farà parte”, ha aggiunto Keller-Sutter. Il Consiglio Schengen dovrebbe assumere compiti operativi e fornire un sostegno rapido e mirato a singoli Stati in caso di crisi.

Già lo scorso dicembre, con la proposta di riforma del Codice frontiere Schengen la Commissione europea aveva presentato idee per un migliore funzionamento dello spazio Schengen, una priorità anche per la Svizzera. Oggi, nel corso dell’incontro con i ministri degli interni, Keller-Sutter ha ribadito che la riforma è necessaria per affrontare le sfide attuali, poiché una gestione efficace delle frontiere è la base di una politica migratoria europea credibile.

“Sin dalla presentazione due anni fa da parte della Commissione europea della riforma dei pacchetti Schengen e Dublino, percepisco un nuovo slancio”, ha dichiarato Keller-Sutter. A quanto pare la Francia ha la forza di portare avanti le cose, ha aggiunto.

La protezione delle frontiere esterne è centrale e costituisce una priorità anche per la Svizzera. Si tratta della controparte alla libertà di viaggiare nello Spazio Schengen, ha dichiarato la consigliera federale, facendo allusione al referendum lanciato in Svizzera contro il finanziamento di Frontex.

Politica migratoria

L’altro punto prioritario dell’incontro è stata la politica migratoria dell’Ue. Le proposte per una riforma completa della politica d’asilo e migratoria sono attualmente bloccate. La Svizzera sostiene pertanto un modo di procedere a tappe, come proposto dalla presidenza francese, precisa un comunicato odierno del Dfgp. Secondo questa strategia andrebbero innanzitutto attuati i punti non controversi, come un migliore rilevamento dei migranti con Eurodac.

In questo contesto è pure stata discussa la lotta alla migrazione secondaria. La responsabile del Dfgp promuove l’idea di rendere più efficace la lotta ai viaggi non autorizzati all’interno dello spazio Schengen. La riforma mira a consentire operazioni di polizia congiunte e ad agevolare la riammissione tra gli Stati membri. Per Keller-Sutter si tratta di una procedura equa poiché è strutturata in modo da poter essere ugualmente applicabile a tutte le frontiere interne.

A Lilla la consigliera federale Keller-Sutter ha inoltre avuto la possibilità di incontrare il nuovo ministro degli interni tedesco Nancy Faeser. Ha pure avuto colloqui bilaterali con il ministro degli interni ceco Vít Rakušan e il commissario dell’Ue Ylva Johansson.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Ecuador
1 ora
Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti
Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
2 ore
Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze
Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
2 ore
Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’
Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
2 ore
Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance
Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
Svizzera
4 ore
Ecco come hanno votato gli italiani in Svizzera
Il Partito democratico perde la leadership dei voti di lista, ma il risultato a livello di coalizione presenta alcune sorprese rispetto al voto in Italia
Svizzera
19 ore
‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’
A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
22 ore
Domenica di bocciature a livello cantonale
La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
1 gior
Allevamento intensivo: il no è netto
La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
1 gior
Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti
Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
1 gior
Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni
La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
© Regiopress, All rights reserved