laRegione
perse-il-figlio-durante-un-rinvio-chiesto-un-risarcimento
Depositphotos
03.02.22 - 10:57
Aggiornamento: 16:43
Ats, a cura de laRegione

Perse il figlio durante un rinvio. Chiesto un risarcimento

La donna siriana aveva avuto un aborto spontaneo. Era stata rimandata con la sua famiglia in Italia mentre cercava di raggiungere la Francia

La famiglia di una donna siriana, che abortì durante un rinvio in Italia nell’estate del 2014, ha presentato una richiesta di riparazione morale e di risarcimento danni, dell’ordine rispettivamente di 159’000 e 136’000 franchi. Lo ha fatto oggi in un’udienza pubblica davanti al Tribunale amministrativo federale (TAF) di San Gallo.

L’avvocata della famiglia (moglie, marito e tre figli) ha affermato che la sua cliente soffre ancora oggi di un disturbo da stress post-traumatico e di depressione. Era stata colta da angoscia e panico negli uffici doganali di Briga (VS).

La legale ha messo in risalto come il sentimento di abbandono e il trasferimento forzato verso l’Italia, mentre la donna soffriva di dolori insopportabili, siano all’origine delle sue difficoltà psichiche.

Quest’ultima chiede pure una riparazione in nome del marito e dei tre figli, minorenni all’epoca dei fatti. Tutti hanno subito le conseguenze di tale tragedia e oggi il coniuge deve praticamente badare solo alla famiglia a causa dei problemi della moglie.

‘Manca la causalità’

Nel gennaio 2021, il Dipartimento federale delle finanze (DFF) ha respinto in prima istanza la richiesta di riparazione e risarcimento danni inoltrata dalla famiglia. Ha giustificato la sua decisione affermando che sebbene le guardie di confine non abbiano agito correttamente in quel momento, il loro comportamento non è la ragione del presunto danno subito. Manca l’asserita causalità, presupposto per la richiesta di risarcimento.

Il DFF non attribuisce nemmeno al comportamento delle guardie di confine i problemi psicologici della donna. Piuttosto sono dovuti all’evento traumatizzante dell’aborto spontaneo. Per tutti questi motivi il DFF ha rifiutato la richiesta della famiglia, come risulta dagli atti pubblicati dal TAF.

La coppia ha allora impugnato la decisione negativa del DFF davanti al Tribunale amministrativo federale. A loro avviso, i problemi psichici sono una conseguenza della lesione personale inflitta alla donna in quelle circostanze traumatiche.

La famiglia cercava di raggiungere la Francia

I fatti risalgono al 4 luglio 2014: quel giorno il marito e la moglie - allora 22enne e al settimo mese di gravidanza - assieme ai loro tre figli minorenni erano stati intercettati alla frontiera franco-svizzera mentre cercavano di raggiungere la Francia dall’Italia con altri 36 profughi. I doganieri francesi li consegnarono allora alle Guardie di confine svizzere per il rinvio in Italia, lo Stato dello Spazio Dublino dove i migranti avevano inoltrato la prima richiesta d’asilo

I migranti furono dapprima portati in bus a Briga (VS), dove arrivarono poco prima delle 14.30. Da lì avrebbero dovuto proseguire in treno fino a Domodossola. A causa della forte affluenza di passeggeri il viaggio fu posticipato.

I profughi vennero temporaneamente ospitati nei locali di controllo delle guardie di confine di Briga. Poco dopo l’arrivo in Vallese la donna iniziò ad avere dolori e sanguinamenti, che descrisse come doglie. Il marito sostiene di avere avvisato le guardie di confine e di avere ripetutamente chiesto di chiamare un medico, ma senza successo. A Domodossola (I) la siriana ebbe un collasso. Le guardie di frontiera italiane chiamarono subito i soccorsi, ma una volta portata in ospedale, la donna ebbe l’aborto spontaneo.

Tre guardie di confine condannate

Ad inizio 2021, la giustizia militare ha condannato tre guardie di confine in relazione all’aborto spontaneo della donna siriana durante il rinvio in Italia. Secondo i giudici i tre avrebbero dovuto mostrare coraggio civile: sarebbe stato loro dovere chiamare un’ambulanza, anche contro la volontà del loro superiore.

Con decreti di accusa i tre sono stati condannati in febbraio e marzo a 30 aliquote giornaliere da 100 a 200 franchi (da 3000 a 6000 franchi) ciascuno. Il capo delle tre guardie di confine, un sergente maggiore, era già stato condannato nel 2018. In appello, la pena detentiva per lesioni colpose e ripetuta inosservanza di prescrizioni di servizio era stata ridotta a 150 aliquote giornaliere di 150 franchi con la condizionale

Leggi anche:

Siriana abortì a Domodossola, condannate 3 guardie di confine

Ridotta in Appello la pena alla Guardia di confine

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
12 ore
Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs
La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
Svizzera
13 ore
Al Ps dell’Inselspital il dolore si calma con la realtà virtuale
Un’équipe dell’ospedale bernese ha testato degli occhiali che portano virtualmente il paziente in ambienti rilassanti. I risultati sono incoraggianti
Svizzera
14 ore
Le Ffs si preparano alla Street Parade con vari treni aggiuntivi
Un orario speciale verrà inoltre adottato sulla rete notturna della Comunità dei trasporti di Zurigo
Svizzera
14 ore
Pollini, il 2022 anno eccezionale per precocità e abbondanza
In Ticino quelli del nocciolo sono presenti dalla fine di dicembre 2021. Vari i record in tutta la Svizzera
Svizzera
16 ore
Dopo l’incendio, il Kunsthaus abbassa il prezzo d’ingresso
Questo per compensare l’offerta ridotta durante i lavori, che dureranno alcuni mesi. La causa del rogo: l’autocombustione di un dispositivo a batteria
Svizzera
19 ore
Due morti in un incidente stradale sul Bernina
Durante un sorpasso un’auto si è scontrata con una moto. La polizia cerca testimoni
Svizzera
1 gior
Zurigo, viaggiatori infastiditi dalla puzza in stazione centrale
Gli odori sono causati dai bioreattori delle toilette dei nuovi treni Dosto, oltre che dal gran caldo. Le Ffs assicurano che il problema verrà risolto
Svizzera
1 gior
Tra cinque anni l’area alpina europea troppo piccola per il lupo
Dopodiché ci sarà un’autoregolazione. Secondo il Gruppo lupo svizzero una maggiore regolamentazione della specie non riuscirà a bloccarne la crescita
Svizzera
1 gior
Scoperto un altro scheletro su un ghiacciaio in Vallese
I resti sono stati ritrovati nei giorni scorsi nella regione di Saas Fee. Gli esperti di medicina legale sono al lavoro
Svizzera
1 gior
Engadina, presenza quasi certa di tre orsi
Sono stati osservati tramite le fototrappole. In assenza di test del Dna, non è possibile certificare con sicurezza che si tratti di esemplari differenti.
© Regiopress, All rights reserved