laRegione
attacco-hacker-a-emil-frey-sul-dark-web-parte-dei-dati-rubati
Keystone
03.02.22 - 10:25
Aggiornamento: 16:01
Ats, a cura de laRegione

Attacco hacker a Emil Frey, sul Dark web parte dei dati rubati

Secondo il portale Watson, all’azienda sarebbero stati rubati 300 gigabyte di dati che gli hacker minacciano di pubblicare se non verrà pagato un riscatto

L’attacco informatico al gruppo Emil Frey AG, avvenuto in gennaio, avrebbe avuto conseguenze anche per i clienti. Secondo notizie di stampa, non confermate dall’azienda, gli hacker hanno già pubblicato dati riservati e minacciano di pubblicarne molti altri per estorcere denaro al gruppo.

Il portale di notizie online “Watson” riferisce che sconosciuti avrebbero ricattato l’azienda minacciando di pubblicare sul Dark web circa 300 gigabyte di dati riservati se non verrà pagato un riscatto: una parte di questi dati, circa 225 megabyte, è già stata diffusa attraverso un link a un noto sito di hosting di file (ovvero un sito che permette di mettere a disposizione file perché siano scaricati). Secondo Watson si tratterebbe di documenti interni in cui sono contenuti anche dati personali di clienti in Svizzera e Germania.

Dietro l’attacco, secondo il portale d’Oltralpe, ci sarebbe Hive, una delle più grosse e aggressive associazioni criminali in campo informatico. La banda, oltre a violare direttamente i sistemi informatici delle vittime, offre anche ad “affiliati”, ovvero a terzi, la possibilità di violare i dati di una società a scopo di estorsione tramite il software messo a disposizione, secondo un modello di business noto come “ransomware as a service” (RaaS).

La Emil Frey AG, uno dei più grandi concessionari di automobili in Europa, aveva annunciato l’attacco l’11 gennaio. Nel frattempo, il ripristino dei sistemi informatici è stato in gran parte completato, ha annunciato ieri l’azienda in un comunicato. Al momento non è ancora noto se l’attacco informatico abbia violato la protezione dei dati personali. Se i dati rubati sono resi disponibili su Internet, si presume che non saranno diffusi dai media, aggiunge il comunicato.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
dark web emil frey hacker
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs
La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
Svizzera
4 ore
Al Ps dell’Inselspital il dolore si calma con la realtà virtuale
Un’équipe dell’ospedale bernese ha testato degli occhiali che portano virtualmente il paziente in ambienti rilassanti. I risultati sono incoraggianti
Svizzera
5 ore
Le Ffs si preparano alla Street Parade con vari treni aggiuntivi
Un orario speciale verrà inoltre adottato sulla rete notturna della Comunità dei trasporti di Zurigo
Svizzera
6 ore
Pollini, il 2022 anno eccezionale per precocità e abbondanza
In Ticino quelli del nocciolo sono presenti dalla fine di dicembre 2021. Vari i record in tutta la Svizzera
Svizzera
8 ore
Dopo l’incendio, il Kunsthaus abbassa il prezzo d’ingresso
Questo per compensare l’offerta ridotta durante i lavori, che dureranno alcuni mesi. La causa del rogo: l’autocombustione di un dispositivo a batteria
Svizzera
11 ore
Due morti in un incidente stradale sul Bernina
Durante un sorpasso un’auto si è scontrata con una moto. La polizia cerca testimoni
Svizzera
1 gior
Zurigo, viaggiatori infastiditi dalla puzza in stazione centrale
Gli odori sono causati dai bioreattori delle toilette dei nuovi treni Dosto, oltre che dal gran caldo. Le Ffs assicurano che il problema verrà risolto
Svizzera
1 gior
Tra cinque anni l’area alpina europea troppo piccola per il lupo
Dopodiché ci sarà un’autoregolazione. Secondo il Gruppo lupo svizzero una maggiore regolamentazione della specie non riuscirà a bloccarne la crescita
Svizzera
1 gior
Scoperto un altro scheletro su un ghiacciaio in Vallese
I resti sono stati ritrovati nei giorni scorsi nella regione di Saas Fee. Gli esperti di medicina legale sono al lavoro
Svizzera
1 gior
Engadina, presenza quasi certa di tre orsi
Sono stati osservati tramite le fototrappole. In assenza di test del Dna, non è possibile certificare con sicurezza che si tratti di esemplari differenti.
© Regiopress, All rights reserved