laRegione
processo-vincenz-un-tour-de-suisse-nei-locali-a-luci-rosse
(Keystone)
26.01.22 - 18:31
Aggiornamento: 18:47

Processo Vincenz: ‘Un Tour de Suisse nei locali a luci rosse’

È iniziata la requisitoria del Ministero pubblico al Tribunale distrettuale di Zurigo, dove da ieri è alla sbarra l’ex Ceo di Raiffeisen

Il conto spese dell’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz fa pensare a un “Tour de Suisse nei locali a luci rosse”. Lo ha detto oggi durante la sua requisitoria, in occasione del secondo giorno del processo iniziato ieri, il procuratore pubblico Marc Jean-Richard-dit-Bresse. Il pubblico magistrato ha ribadito che quelle che Vincenz ha dichiarato come “cene di lavoro” erano invece spese private. Insieme all’ex consulente Beat Stocker, Vincenz è accusato di truffa per mestiere, appropriazione indebita, falsità in documenti, amministrazione infedele e corruzione passiva. Entrambi respingono le accuse. Secondo il Ministero pubblico, Stocker e Vincenz (che hanno scontato 106 giorni in detenzione preventiva) avrebbero deliberatamente agito per l’acquisizione del fornitore di terminali per i pagamenti senza contanti Commtrain da parte della società di carte di credito Aduno, che controllavano.

Considerata la regolarità con cui il 65enne ha frequentato per anni locali a luci rosse in tutte le regioni della Svizzera, l’accusa ritiene che Vincenz abbia agito per un’inclinazione personale, per soddisfare i “suoi bisogni, il suo benessere e il suo relax”, ha detto il procuratore. Analogo discorso per i viaggi privati conteggiati come spese di lavoro. Il procuratore ha fatto notare che per un viaggio a Londra Vincenz ha annotato sulla sua agenda: “Vacanze, non prendere appuntamenti”. Chiamarlo un “viaggio d’affari” e caricarlo sul conto di Raiffeisen è stato sfacciato e inammissibile, ha aggiunto. Nell’atto d’accusa viene rimproverato a Vincenz di avere accollato a Raiffeisen 200’000 franchi di spese per le serate nei locali a luci rosse, 250’000 franchi per viaggi privati e 140’000 franchi di spese legali.

Il procuratore Marc Jean-Richard-dit-Bressel ha quindi affrontato le accuse più gravi, ossia le partecipazioni non dichiarate in società che avrebbero permesso a Vincenz di intascare 9 milioni di franchi e altri 16 milioni al suo collega in affari ed ex Ceo di Aduno Beat Stocker. Per queste transazioni, la pubblica accusa chiede di condannare entrambi a sei anni di prigione da scontare per le accuse di truffa per mestiere e appropriazione indebita. Il pubblico magistrato ha spiegato che l’impianto accusatorio si basa su una sentenza del Tribunale federale (Tf) relativa alle cosiddette retrocessioni. Queste ultime sono provvigioni che vengono ad esempio versate da una banca a un gestore patrimoniale che ha venduto ai suoi clienti prodotti d’investimento della banca. Il Tf ha stabilito che il gestore patrimoniale ha un dovere di diligenza per quei beni. È quindi obbligato a garantire che il cliente benefici di tutti i vantaggi che gli derivano dalle transazioni. Ed è in altre parole tenuto a versare le retrocessioni al cliente.

Per analogia, il procuratore ritiene che Vincenz e Stocker erano tenuti a ottenere i risultati migliori dalle acquisizioni dei rispettivi datori di lavoro. I vantaggi da loro ottenuti corrispondono perciò al danno subito da Raiffeisen e Aduno.

Prima della requisitoria, il Tribunale distrettuale di Zurigo – che per motivi di spazio è riunito nella sala concerti del Volkshaus – ha chiamato a deporre Beat Stocker e altri tre coimputati. Tutti hanno respinto le accuse. Un quarto coimputato risultato positivo al Covid sarà ascoltato il 9 febbraio, mentre un altro è stato dispensato perché soffre di una malattia neurologica. Oggi si è inoltre appreso che il processo durerà più del previsto: ai cinque giorni inizialmente previsti fra gennaio e febbraio, la corte ha aggiunto altre quattro udienze in marzo.

Leggi anche:

Al via il processo all’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz

Pierin Vincenz non si sente colpevole

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
processo raiffeisen vincenz
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
27 min
Secondo richiamo raccomandabile, ma non prima dell’autunno
Covid, secondo booster per ora consigliato solo agli ultraottantenni e immunocompromessi. Passata l’estate, lo sarà per le persone ‘a rischio’
Svizzera
2 ore
Ha un nome il corpo ritrovato nell’Aare, a Rubigen
Formalmente identificata la salma rinvenuta il 29 giugno: si tratta di un 76enne bernese dato per disperso dopo che si era tuffato più a monte
Svizzera
2 ore
Donna salvata dalla Rega nelle gole dell’Areuse
La giovane era scivolata finendo in acqua in un luogo molto incassato. Soccorsa con l’ausilio del verricello
Svizzera
4 ore
La formazione continua è la carta vincente. E va incentivata
Ne è convinta Travail.Suisse, che chiede un’offensiva in questo campo. E maggiori aiuti dal settore pubblico sotto forma di borse di studio
Svizzera
5 ore
Nel 2021 ancora l’ombra della pandemia sugli studi medici
Malgrado il miglioramento rispetto a marzo-ottobre 2020, quasi la metà di loro anche l’anno scorso ha registrato un calo delle attività
Svizzera
7 ore
Femsa vuole fare spesa da Valora: sul piatto 1,1 miliardi
L’azienda messicana intenzionata ad acquistare il rivenditore al dettaglio basilese. Offerti 260 franchi per azione
Svizzera
19 ore
Passo del Susten, massi cadono su auto: un ferito grave
La frana si è verificata poco prima delle 14.30 a seguito di un violento temporale
Svizzera
20 ore
Oberland bernese, un treno deraglia a causa di un albero caduto
Nessuno è rimasto ferito e tutti i passeggeri sono stati evacuati. Nel frattempo, sempre nel canton Berna, è stato emesso un allarme inondazioni
Svizzera
20 ore
Inflazione frenata da controlli e protezionismo
Uno dei motivi è legato alle importazioni: ‘Quando il franco è forte, queste risultano più convenienti per i consumatori’, spiega Alexander Rathke del Kof
Svizzera
20 ore
Aeroporto di Zurigo: ‘Siamo pronti per l’estate’
Secondo lo scalo il personale è sufficiente per accogliere i numerosi viaggiatori previsti
© Regiopress, All rights reserved