laRegione
24.01.22 - 10:06
Aggiornamento: 18:28

Peste suina, sospesa l’importazione di salumi dal Piemonte

La malattia, innocua per l’uomo, sta mietendo vittime fra i maiali domestici e i cinghiali al confine col Ticino. Nessun caso attualmente in Svizzera

peste-suina-sospesa-l-importazione-di-salumi-dal-piemonte
Keystone

L’epidemia di peste suina africana che sta mietendo vittime fra i maiali selvatici e domestici in Piemonte, in una zona a soli 135 chilometri dal confine, suscita preoccupazione anche in Ticino per una possibile diffusione nel nostro cantone. Come riporta il Blick, l’Ufficio federale per la sicurezza alimentare e gli affari veterinari (Ufv) ha sospeso con effetto immediato l’importazione in Svizzera di maiali e prodotti a base di carne provenienti dalle zone colpite dalla malattia e chiesto agli allevatori di maiali svizzeri di non nutrire gli animali con avanzi di cibo, controllare l’accesso ai recinti dei maiali e installare una serratura igienica.

Anche l’Ufficio federale dell’agricoltura (Ufag) si è mosso, chiedendo ai viaggiatori in arrivo dalle regioni italiane colpite, in particolare agli allevatori, i lavoratori agricoli stagionali e gli autotrasportatori, di non portare con sé provviste da viaggio (carne, salsicce e salumi crudi). I cacciatori dovranno inoltre rinunciare ai trofei di caccia.

La peste suina africana è innocua per l’uomo, ricorda il veterinario cantonale Luca Bacciarini, intervistato dal Blick, ma il virus può viaggiare sui vestiti o sul cibo, quindi giungere in Svizzera non solo tramite i movimenti transfrontalieri dei cinghiali ma anche tramite i turisti. È necessario, sottolinea Bacciarini, evitare che i cinghiali attraversino il confine e che siano spinti verso nord dai cacciatori o dai turisti.

Intanto in Piemonte è stata precauzionalmente sospesa la caccia per sei mesi e sono vietati l’escursionismo, la raccolta di funghi e tartufi e la mountain bike. I primi allevatori stanno già macellando i loro animali dalla settimana scorsa, e nella “zona rossa” è vietato l’allevamento e portare carne fresca al di fuori.

In Svizzera, finora non è stato registrato nessun caso, ma la situazione potrebbe cambiare rapidamente. Preoccupata l’Associazione svizzera di allevamento dei suini (Suisseporcs), che sarebbe duramente colpita da un’eventuale epidemia di peste suina africana nel nostro Paese in quanto, come dichiara al Blick l’agrotecnico Raphael Helfenstein, “non esiste un’assicurazione che copra un’eventuale perdita di affari”. Più cautela in casa del maggior produttore di salumi ticinesi, Rapelli, il cui direttore marketing Fabio Scartezzini non si dice preoccupato tanto dal diffondersi della malattia nelle regioni italiane, quanto dal suo arrivo in Svizzera, da cui proviene la maggior parte della carne lavorata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Sempre più problemi per l’approvvigionamento di farmaci
Le carenze, come precisa l’Ufsp, erano già preesistenti e non dipendono dalla guerra in Ucraina. Mancano anche centinaia di prodotti salvavita
Svizzera
13 ore
Fino a oltre un’ora di coda alle biglietterie Ffs
K-Tipp traccia una mappa della Svizzera in base ai tempi di attesa agli sportelli delle principali stazioni. A Zurigo fino 71 minuti di fila
Svizzera
13 ore
‘Finora tante promesse, ma troppi pochi soldi’
Il Fondo di risarcimento per le vittime dell’amianto sta ancora attendendo i 30 milioni preannunciati da imprese e organizzazioni economiche
Svizzera
13 ore
Abbattuta una giovane lupa in Val Lumnezia
L’esemplare faceva parte del branco di Wannaspitz. L’autorizzazione a cacciarla era stata emessa a inizio settembre
Svizzera
14 ore
Non ci sarà recessione, ma una crescita del Pil più lenta
Lo indicano le previsioni del Kof, che rivede al ribasso la progressione del Prodotto interno lordo
Svizzera
15 ore
La Città di Zurigo ‘congela’ la cannabis legale
Decisione inevitabile in attesa dell’approvazione definitiva del progetto da parte di Berna. Il tutto slitta alla prima metà del 2023
Svizzera
16 ore
La distribuzione di eroina in forma agevolata proseguirà
Le persone stabili dal punto di vista sociosanitario potranno continuare a portare le dosi in compresse a casa anziché recarsi giornalmente nei centri
Svizzera
17 ore
Grigioni, passo avanti per il centro Sup
La commissione preparatoria del Gran Consiglio retico avalla il progetto per la costruzione della nuova Scuola universitaria professionale
Svizzera
17 ore
I funzionari pubblici ginevrini incrociano le braccia
Dal malcontento per il budget 2023 allo sciopero: mercoledì prossimo una giornata di astensione dal lavoro. Baud: ‘È la prima tappa’
Svizzera
17 ore
‘Pronti a ritirare l’Iniziativa per i ghiacciai’
Soddisfatto dal controprogetto, a determinate condizioni il comitato promotore potrebbe fare retromarcia
© Regiopress, All rights reserved