laRegione
aiuti-ai-media-tendenza-al-voto-verso-il-no
Ti-Press
21.01.22 - 12:46
Aggiornamento : 17:31

Aiuti ai media, tendenza al voto verso il No

Il secondo sondaggio Tamedia dà il No al 57% e in crescita. Divieto di pubblicità al tabacco e tassa di bollo verso il Sì

Ats, a cura de laRegione

Stando al secondo sondaggio Tamedia in vista delle votazioni del 13 febbraio, il pacchetto di aiuti ai media e l’abolizione della tassa di bollo sarebbero respinti. Verrebbe invece accolta l’iniziativa per un divieto della pubblicità per il tabacco.

Il pacchetto deciso da Parlamento e Consiglio federale per sostenere i media in Svizzera con 151 milioni di franchi supplementari all’anno è accolto soltanto dal 39% dei partecipanti al sondaggio di Tamedia. Dal canto loro, i “no” sono il 57% e gli indecisi il 4%. Rispetto al primo sondaggio, il campo dei contrari al pacchetto di misure in favore dei media aumenta di 6 punti percentuali.

A respingere maggiormente gli aiuti ai media in difficoltà sono chiaramente i sostenitori dell’Udc. Anche una larga maggioranza degli elettori del Plr metterebbero un “no” alle urne, mentre tra gli elettori dell’Alleanza del Centro il “no” è più risicato. Nel campo dei “sì”, si trovano i simpatizzanti di Ps, Verdi e Verdi liberali. Tra i socialisti la quota di “sì” è la più elevata (64%).

Verso mantenimento tassa di bollo

Il sostegno all’abolizione della tassa di bollo perde pure terreno rispetto al primo sondaggio: ora è il 58% a respingere la modifica della legge, contro il 55% in precedenza. Il 32% sostiene invece il progetto, mentre il 10% è ancora indeciso.

Gli uomini sono più inclini a sostenere la modifica della legge rispetto alle donne. Tra i simpatizzanti dell’Udc, favorevoli e contrari sono praticamente allo stesso livello. Quelli del Plr sono a maggioranza in favore del progetto, mentre a mettere un chiaro “no” sarebbero socialisti, Verdi, elettori del Centro e Verdi liberali.

Tabacco: sostegno in calo

Anche per quanto concerne l’iniziativa sul divieto della pubblicità per il tabacco, il tasso di approvazione è diminuito di cinque punti percentuali rispetto al primo sondaggio, attestandosi ora al 62%. I “no” raggiungono il 36%, mentre gli indecisi sono il 2%.

Nel campo dei “no”, si trovano soprattutto i sostenitori di Udc e Plr. I simpatizzanti di Ps, Verdi, Alleanza del Centro e Verdi liberali sostengono l’iniziativa volta a vietare la pubblicità per il tabacco rivolta ai giovani.

L’interdizione è maggiormente sostenuta in Romandia e nella Svizzera italiana rispetto alla Svizzera tedesca. Sebbene vi sia una maggioranza di “sì” in tutte le fasce d’età, gli under 50 sono più favorevoli rispetto ai più anziani.

Sperimentazione animale

Per quanto riguarda l’ultimo oggetto in votazione, i giochi sembrano ormai fatti. Il 71% degli interrogati intende respingere l’iniziativa per il divieto della sperimentazione animale e umana. Si tratta di dieci punti percentuali in più rispetto al primo sondaggio. Solo il 27% approva il testo, mentre il 2% è ancora indeciso.

Le donne sono più favorevoli rispetto agli uomini, anche se il “no” la spunta nettamente in entrambi i sessi. Il testo non è sostenuto da nessun partito, i più favorevoli al progetto sono comunque i simpatizzanti dei Verdi.

Il sondaggio è stato realizzato online tra il 17 e il 18 gennaio presso 13’342 persone in provenienza da ogni regione linguistica, in collaborazione con l’istituto LeeWas. Il margine d’errore è di +/- 1,4 punti percentuali.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aiuti ai media pubblicità tabacco secondo sondaggio tamedia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
50 min
Smood, il nuovo contratto collettivo per i fattorini è realtà
Per Syndicom, la sottoscrizione dell’accordo è ‘un segnale importante per l’intero settore delle consegne’
Svizzera
2 ore
Fuori pericolo il superstite del dramma familiare di Montreux
Il 15enne, tutt’ora ricoverato in ospedale, non ricorda nulla della tragedia. L’ipotesi più accreditata resta quella del suicidio collettivo
Svizzera
2 ore
I prezzi della merce vanno indicati subito. E non alla cassa
La regola vale tanto per i negozi fisici quanto per quelli online: il Governo rivede la relativa ordinanza, che sarà effettiva dal 1° luglio
Svizzera
3 ore
Non piace a Berna l’idea di una tredicesima dell’Avs
‘Costosa e iniqua’. Il Consiglio federale prende ufficialmente posizione contro l’iniziativa popolare ‘Vivere meglio la pensione’.
Svizzera
3 ore
C’è ancora da lavorare sul finanziamento ospedaliero
Un rapporto sul tema indica che malgrado i diversi passi avanti fatti in passato, c’è ancora un buon margine di miglioramento
Svizzera
3 ore
In autunno si voterà per Avs, allevamento e imposta preventiva
Quattro gli oggetti su cui la popolazione sarà chiamata a esprimersi il 25 settembre. Due concernenti la previdenza per la vecchiaia
Svizzera
3 ore
Berna fissa nuove basi legali per il voto elettronico
Saranno effettive dal 1° luglio. A partire da quella data i Cantoni potranno nuovamente chiedere l’autorizzazione per proporre l’e-voting
Svizzera
4 ore
Più difficile produrre esplosivi artigianali in Svizzera
Berna limita l’accesso alle sostanze chimiche potenzialmente pericolose. Le nuove ordinanze entreranno in vigore dal prossimo anno
Svizzera
4 ore
I socialisti spingono verso l’adesione all’Unione europea
Il comitato di politica europea del Ps propone di lanciare dal 2027 il processo per l’entrata della Svizzera nell’Ue
Svizzera
5 ore
Adolescente accoltella mortalmente la madre
Dramma familiare a Sierre. I fatti risalgono alla notte su lunedì; il ragazzo, un 14enne, si trova ora in detenzione preventiva
© Regiopress, All rights reserved