laRegione
19.01.22 - 23:13
Aggiornamento: 20.01.22 - 21:15

Croce Rossa nel mirino dei pirati informatici

Cicr preda di un vasto cyberattacco: violati i dati di 515’000 persone estremamente vulnerabili

croce-rossa-nel-mirino-dei-pirati-informatici
Ti-Press
Sicurezza violata

Il Comitato internazionale della Croce Rosa (Cicr), ha dato notizia in tarda serata di essere stato preso di mira da un vasto attacco cibernetico. Attacco che avrebbe permesso ai pirati informatici di impossessarsi dei dati di oltre 515’00 persone estremamente vulnerabili (in particolare alcune persone in fuga da conflitti o altre in stato di detenzione). «Questo attacco informatico espone le persone vulnerabili, ossia quelle che già necessitano di servizi umanitari, a un ulteriore rischio», commenta il direttore generale del Cicr Robert Mardini.

L‘appello: ’Non utilizzate questi dati’

L’attacco è stato rilevato questa settimana dall’organizzazione con sede a Ginevra. La direzione del Cicr precisa che al momento non dispone di indicazioni concernenti l’identità dei pirati informatici, che hanno preso di mira una società esterna (in Svizzera) con la quale il Cicr collabora per la conservazione dei dati. «Anche se non sappiamo chi siano i responsabili di questo attacco, o perché l’abbiano compiuto, vogliamo rivolgere loro un appello: le vostre azioni potrebbero potenzialmente causare ulteriori danni e dolore a coloro che hanno già sopportato sofferenze indicibili – sottolinea Mardini –. Per cui non condividete, vendete, divulgate o utilizzate questi dati in alcun modo». Secondo il Cicr, ad ogni buon conto, non vi è alcuna indicazione al momento che le informazioni compromesse siano state divulgate o condivise pubblicamente.

Informazioni su 515’000 persone

L’attacco informatico «ha compromesso i dati personali e le informazioni sensibili di più di 515’000 persone estremamente vulnerabili, comprese le persone separate dalle loro famiglie a causa di conflitti, migrazioni e disastri, le persone scomparse e le loro famiglie, e le persone in detenzione». I dati provengono da almeno 60 società nazionali di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa di tutto il mondo. Durante i conflitti e i disastri, le famiglie possono perdere le tracce di una persona cara. Il Cicr e le società nazionali della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa stanno lavorando per chiarire il destino delle persone scomparse, scambiare messaggi familiari e riunire le famiglie. «Ogni giorno, il Movimento della Croce Rossa aiuta a riunire una media di dodici persone scomparse con le loro famiglie. Si tratta di una dozzina di gioiose riunioni di famiglia ogni giorno. Attacchi informatici come questo mettono a rischio questo lavoro vitale».

Al fine di fare luce sull’entità dell’attacco informatico, e per intraprendere le misure appropriate per salvaguardare i suoi dati in futuro, il Cicr sta lavorando con i suoi partner umanitari sparsi in tutto il mondo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
Tra sorpresa e preoccupazione, le reazioni dei deputati ticinesi
Elezioni dei consiglieri federali, Storni (Ps): ‘Pensavo che la questione linguistica avrebbe prevalso’. Marchesi (Udc): ‘Vedrei bene Rösti all’Ambiente’.
Svizzera
15 ore
La centrale elettrica di riserva è una priorità
La Confederazione firma i contratti con i principali gruppi che la costituiranno. A disposizione 280 MW di potenza
Svizzera
16 ore
90 anni, i bastoni da trekking e un figlio consigliere federale
Hanni Rösti non si è voluta perdere l’elezione del figlio: ‘Sono sempre di buon umore, ma oggi un po’ di più’
Svizzera
17 ore
Allarme rientrato a Palazzo federale e nelle sue adiacenze
Il dispositivo d’emergenza era scattato poco prima di mezzogiorno per un oggetto sospetto. Poi rivelatosi innocuo
Svizzera
17 ore
Un nuovo virus trasmesso dalle zecche anche in Svizzera
Oltre alla meningoencefalite c’è anche l’Alongshan. In fase di sviluppo un test diagnostico per individuarlo
Svizzera
19 ore
Palazzo federale, area sgomberata per oggetto sospetto
L’allarme è scattato poco prima di mezzogiorno. Chiarimenti sono in corso da parte delle forze dell’ordine
Svizzera
19 ore
Alain Berset presidente della Confederazione per il 2023
Per il socialista friborghese un’elezione non brillante: 140 voti per lui. Succederà a Ignazio Cassis
Svizzera
20 ore
Buste paga più pesanti per i dipendenti della Roche
Il ritocco al salario (del 2,3%), che diventerà effettivo dal 1° aprile, interesserà 14’200 dipendenti
Svizzera
21 ore
Abbattuto il maschio dominante del branco del Beverin
La sua uccisione risale all’8 novembre. Dieci giorni dopo il resto del branco si è messo in movimento
Svizzera
21 ore
La strada del Maloja sarà resa più sicura
Previsto un nuovo sistema di informazione. Il sistema pilota informerà gli utenti sulle possibili chiusure
© Regiopress, All rights reserved