laRegione
la-regola-delle-2g-e-una-restrizione-ancora-giustificata
Il medico cantonale di Zugo e Virginie Masserey (Keystone)
18.01.22 - 15:03
Aggiornamento : 16:20

‘La regola delle 2G? È una restrizione ancora giustificata’

Virginie Masserey fa il punto alla situazione della pandemia in Svizzera. Infezioni ad alto livello ma stabili

Nonostante la forte propagazione della variante Omicron del Covid-19 (oltre il 90%) tra la popolazione, con un numero di infezioni che tende a stabilizzarsi a un alto livello, la situazione negli ospedali, e in particolare nelle cure intense, è ancora gestibile. Lo afferma, nel consueto rapporto settimanale sulla situazione pandemica, Virginie Masserey dell’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp).

Circa l’accorciamento del periodo di quarantena e isolamento, Masserey ha spiegato che la decisione del Consiglio federale si spiega con le caratteristiche di Omicron: tale variante si manifesta prima della Delta. Tuttavia, a suo avviso, anche dopo la fine della quarantena è sempre meglio portare una mascherina ed evitare luoghi affollati: il pericolo di essere positivi, benché senza sintomi, è reale. Sussiste quindi la possibilità di trasmettere l’infezione.

Per le prossime settimane, stando a Masserey i casi potrebbero aumentare ancora, anche se più lentamente. A essere particolarmente toccati dal virus rimangono i giovani e le persone attive.

Più diffusione ma ricoveri in cure intense stabili

L’attuale forte diffusione del virus non si traduce però in un aumento marcato dei ricoveri in cure intense, che rimangono stabili (30% dei posti disponibili, 70% letti occupati). Quanto ai ricoveri, 136, è difficile al momento delineare una tendenza, ha spiegato la specialista dell’Ufsp. Per quanto riguarda i decessi, la media è inferiore a 20 al giorno, quindi a un basso livello e tendenzialmente in diminuzione.

In merito ai test, si oscilla attorno agli 80mila al giorno, con punte fino a 100mila. Il tasso di positività – fino al 50% per i test Pcr – è assai elevato, con un’incidenza che varia molto da un cantone all’altro: particolarmente toccati dal fenomeno sono la regione del Lemano, dove anche i ricoveri tendono a crescere, al pari del Ticino. Tenuto conto dei numeri, secondo Masserey vi sono molte persone infette che sfuggono alle maglie dei test perché asintomatiche.

Stando a Masserey, il tasso d’immunità elevato nella popolazione, addebitabile alla vaccinazione e alla forte circolazione del virus, protegge largamente da ricoveri e da un’evoluzione grave della malattia. Per questo ha esortato chi ancora non l’ha fatto ad annunciarsi per la terza dose di vaccino per una protezione ottimale dalla malattia e dalla trasmissione dell’infezione. Non bisogna attendere insomma un preparato specifico per la Omicron.

Al momento, l’80% degli adulti in Svizzera è completamente immunizzato. Le vaccinazioni giornaliere sono in media 60mila; si tratta soprattutto di terze dosi, ha spiegato Masserey, la quale ha sottolineato che le restrizioni in vigore rimangono sempre importanti per evitare la propagazione del virus. In Svizzera, sulla base dei dati pubblicati dall’Ufsp, le persone che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino sono il 69,9% della popolazione, mentre quelle completamente immunizzate sono il 67,91%.

Alla domanda sulla necessità di mantenere in vigore le limitazioni ai non vaccinati o curati (regola delle 2G), Masserey ha tenuto a fare chiarezza: «Crediamo che le restrizioni siano sempre giustificate».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
contagi coronavirus covid-19 pandemia svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
Un lupo sbrana 28 animali in Vallese: ordinato l’abbattimento
Il predatore ha ucciso gli ovini in situazione protetta su superfici agricole utili: soddisfatti i requisiti per l’uccisione
Svizzera
7 ore
Entro il 2025 il 50% dei nuovi veicoli dovrà essere ricaricabile
Sottoscritta oggi dai rappresentanti dello Stato e dei settori automobilistico, elettrico e immobiliare la nuova fase della Roadmap mobilità elettrica
Svizzera
8 ore
Imbrattato il monumento a Suvorov nelle Gole della Schöllenen
Il memoriale al feldmaresciallo russo e ai soldati austro-russi caduti contro le truppe napoleoniche del 1799 è stato sporcato con vernice blu e gialla
Svizzera
9 ore
Adozioni illegali da Sri Lanka, Berna aiuta a ritrovare origini
La Confederazione e i Cantoni partecipano a un progetto pilota a sostegno delle persone adottate dello Sri Lanka nella ricerca delle loro origini
Svizzera
9 ore
Oro di origine ignota, Ong svizzera ricorre al TF
La Società per i popoli minacciati contro una decisione del Taf che permette a quattro raffinerie d’oro svizzere di non rivelare l’origine del metallo
Svizzera
10 ore
Berna, un 29enne muore schiacciato da una balla di fieno
L’incidente è avvenuto mentre l’uomo stava caricando il foraggio su un mezzo agricolo
gallery
Svizzera
11 ore
Proiettili inesplosi: 227 eliminati nel 2021
L’anno scorso sono state fatte 908 segnalazioni per vari oggetti tra cui anche munizioni. In alcuni casi è possibile ricevere una ricompensa
Svizzera
11 ore
‘Quest’anno ferie più care del 20%’
La causa sarebbe l’aumento dei costi di materie prime e catene d’approvvigionamento. Lo sostiene il responsabile della società di viaggi Globetrotter
Svizzera
11 ore
In Ticino un’ottima estate in vista per le case vacanze
Parahotellerie Svizzera ha diffuso i dati sulle prenotazioni per i prossimi mesi: molto bene i campeggi Tcs, bene appartamenti e ostelli, meno bene Reka
Svizzera
14 ore
Forti temporali e grandine hanno colpito il Nord delle Alpi
Il maltempo ha causato disagi alla circolazione ferroviaria. MeteoSvizzera ha registrato oltre 12mila fulmini e venti che hanno toccato i 95 km/h
© Regiopress, All rights reserved