laRegione
17.01.22 - 18:15
Aggiornamento: 18:42

I Cantoni sostengono proroga ‘2G’, ma solo fino a fine febbraio

Consultazione sulle misure del Consiglio federale: sì alla riduzione della durata del certificato sanitario, no all’insegnamento terziario a distanza

i-cantoni-sostengono-proroga-2g-ma-solo-fino-a-fine-febbraio
Keystone

Le disposizioni adottate a metà dicembre per lottare contro il coronavirus – in particolare “2G” e “2G+”, telelavoro e limiti negli incontri privati – vanno prolungate fino a fine febbraio, non fine marzo come auspica il Consiglio federale. L’insegnamento terziario deve inoltre continuare in presenza. È l’opinione dei Cantoni, che per il resto sostengono le misure proposte dal governo mercoledì scorso, compresa la riduzione della durata di validità del certificato sanitario.

Solo Zurigo, Argovia, Soletta, Lucerna e Obvaldo approvano la proroga fino a fine marzo delle misure adottate. Chiedono però che le restrizioni possano essere tolte in anticipo se la situazione pandemica dovesse consentirlo.

Le misure adottate dal governo il 17 dicembre prevedono il “2G” e l’obbligo della mascherina negli spazi chiusi, tranne che per consumare nei bar e ristoranti (ma solo stando seduti). Qualora non fosse possibile (per esempio per le corali o nelle discoteche) viene richiesto il cosiddetto “2G+”. Il telelavoro è obbligatorio e le riunioni private con non vaccinati o guariti sono limitate a dieci persone.

Per quel che concerne la riduzione della validità a nove mesi del Pass-Covid (anche quelli già emessi), misura che entrerebbe in vigore il primo febbraio, i Cantoni si dicono favorevoli. Lo scopo del provvedimento è garantire che il certificato di vaccinazione continui a essere riconosciuto dall’UE. Friborgo chiede però di studiare la possibilità di mantenere a dodici mesi la validità del certificato in Svizzera.

Le autorità cantonali non seguono invece il Consiglio federale che propone l’insegnamento a distanza nelle scuole di livello terziario, come le università e le scuole universitarie professionali. Nessun Cantone sostiene la misura.

I pareri invece divergono per quel che concerne l’abolizione completa delle quarantene. Alcuni sono favorevoli, altri chiedono di attendere la fine della quinta ondata. Altri ritengono invece che la situazione negli ospedali sia attualmente ancora troppo tesa e l’evoluzione incerta.

Per quel che concerne i viaggi internazionali, i Cantoni sono favorevoli alla proposta di esentare i vaccinati o guariti dal presentare un tampone negativo all’arrivo in Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
10 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
12 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
13 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
16 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved