laRegione
15.01.22 - 18:01

Verdi: più collaborazione con l’Europa per il clima

Il presidente ecologista Glättli ha inoltre chiesto un nuovo patto verse: ‘Un Green New Deal, che protegga il clima producendo energia in modo diverso’

Ats, a cura de laRegione
verdi-piu-collaborazione-con-l-europa-per-il-clima
Keystone

I Verdi vogliono rilanciare la collaborazione con l’Europa per far fronte alla doppia crisi del clima e della biodiversità. È questa in definitiva la vera crisi sanitaria, ha sostenuto il presidente Balthasar Glättli durante l’assemblea dei delegati tenutasi oggi online.

Se nel duo discorso non sono mancate allusioni alla variante Omicron e agli ospedali sotto pressione, l’iniziativa in favore del clima è stata al centro dell’assemblea. Glättli ha chiesto un nuovo patto verde, “un Green New Deal, che protegga il clima producendo energia in modo diverso e che giri definitivamente la pagina del petrolio”.

Un patto verde che non rinforzi soltanto la biodiversità, ma che si preoccupi anche degli impieghi di domani, ha sottolineato il presidente degli ecologisti. L’iniziativa pro-clima deve essere lanciata in collaborazione con il Partito socialista, ha aggiunto Glättli.

Il consigliere nazionale zurighese ha ribadito la volontà dei Verdi di rilanciare - tramite un’altra iniziativa - la cooperazione con l’Unione europea “laddove è essenziale”. “Ciascun Paese ha il dovere di proteggere l’ambiente... ma su scala europea, una protezione climatica comune è una leva molto più potente”, ha dichiarato.

L’integrazione europea “è un’opportunità” per meglio proteggere insieme il clima e la biodiversità a livello mondiale, ha affermato Glättli. A suo avviso, deve pure favorire la protezione dei dati e la digitalizzazione responsabile di fronte ai giganti della tecnologia.

Accelerazione del dossier europeo

I Verdi chiedono pertanto al Consiglio federale di ritornare al tavolo dei negoziati con l’Unione europea. Hanno oggi adottato una risoluzione in tal senso per “far pressione” sul Governo affinché cessi di rinviare la ricerca di una soluzione.

La risoluzione - approvata a stragrande maggioranza - aggiorna la posizione dei Verdi sul dossier europeo, dopo che il Consiglio federale ha messo fine alle discussioni su un accordo quadro istituzionale con l’UE, hanno spiegato i dirigenti del partito ecologista.

I Verdi osservano che “la via bilaterale si sta inesorabilmente erodendo“ (senza tuttavia essere morta) e che il Consiglio federale "si rifiuta di fare il suo lavoro”. Il Governo dà prova di una “mancanza di coraggio” su questo dossier, secondo il vicepresidente del partito, il consigliere nazionale ginevrino Nicolas Walder. "Stiamo sempre aspettando una tabella di marcia per un piano B”, ha detto.

Vere sfide sanitarie oscurate

Il presidente Balthasar Glättli ha inoltre affermato davanti ai delegati che lo ascoltavano online come il Covid-19 oscuri le vere sfide sanitarie: “canicole, siccità ed erosione della biodiversità rappresentano una minaccia fondamentale per la salute pubblica e molto più a lungo termine di qualsiasi pandemia”.

Dopo le ondate di Covid-19, il presidente dei Verdi prevede una fase endemica, “una nuova normalità”. Ma in materia di riscaldamento climatico, aspettare non è la strategia, ha dichiarato, rimproverando al Consiglio federale la sua mancanza di anticipazione nella gestione del coronavirus.

“Se, per la pandemia questo più o meno funziona, per il clima non funziona affatto", ha sostenuto Glättli. A suo avviso, la nuova versione della legge sul CO2 è "un compromesso codardo ridotto ai minimi termini”, che illustra le esitazioni disastrose del Governo.

“Ci impegniamo, laddove gli indecisi e gli assetati di potere in Consiglio federale non osano avventurarsi: ovvero sui due più grandi dossier, l’Europa e il clima", ha riassunto lo zurighese. "Tutte le decisioni che non prendiamo oggi continueranno ad avere un impatto sul riscaldamento climatico tra 100 anni”, ha concluso Glättli.

Due sì e due no

Alla fine i Verdi hanno pure espresso le loro raccomandazioni in vista delle quattro votazioni federali del prossimo 13 febbraio. Con 94 voti contro 18 e 9 astenuti, i delegati propongono al popolo di respingere l’iniziativa “Sì al divieto degli esperimenti sugli animali e sugli esseri umani - Sì ad approcci di ricerca che favoriscano la sicurezza e il progresso”.

Con 103 voti contro 7 e 2 astenuti, l’assemblea ha pure invitato i cittadini a bocciare la modifica della legge federale sulle tasse di bollo, che ne chiede l’abolizione.

Per 114 a 3 e 2 astenuti, gli ecologisti raccomandano inoltre di votare “sì” all’iniziativa popolare sulla protezione dei fanciulli e degli adolescenti dalla pubblicità per il tabacco. Infine, i Verdi sostengono il pacchetto di misure in favore dei media con 113 sì e 6 astenuti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
Tra sorpresa e preoccupazione, le reazioni dei deputati ticinesi
Elezioni dei consiglieri federali, Storni (Ps): ‘Pensavo che la questione linguistica avrebbe prevalso’. Marchesi (Udc): ‘Vedrei bene Rösti all’Ambiente’.
Svizzera
15 ore
La centrale elettrica di riserva è una priorità
La Confederazione firma i contratti con i principali gruppi che la costituiranno. A disposizione 280 MW di potenza
Svizzera
16 ore
90 anni, i bastoni da trekking e un figlio consigliere federale
Hanni Rösti non si è voluta perdere l’elezione del figlio: ‘Sono sempre di buon umore, ma oggi un po’ di più’
Svizzera
17 ore
Allarme rientrato a Palazzo federale e nelle sue adiacenze
Il dispositivo d’emergenza era scattato poco prima di mezzogiorno per un oggetto sospetto. Poi rivelatosi innocuo
Svizzera
17 ore
Un nuovo virus trasmesso dalle zecche anche in Svizzera
Oltre alla meningoencefalite c’è anche l’Alongshan. In fase di sviluppo un test diagnostico per individuarlo
Svizzera
18 ore
Palazzo federale, area sgomberata per oggetto sospetto
L’allarme è scattato poco prima di mezzogiorno. Chiarimenti sono in corso da parte delle forze dell’ordine
Svizzera
19 ore
Alain Berset presidente della Confederazione per il 2023
Per il socialista friborghese un’elezione non brillante: 140 voti per lui. Succederà a Ignazio Cassis
Svizzera
20 ore
Buste paga più pesanti per i dipendenti della Roche
Il ritocco al salario (del 2,3%), che diventerà effettivo dal 1° aprile, interesserà 14’200 dipendenti
Svizzera
21 ore
Abbattuto il maschio dominante del branco del Beverin
La sua uccisione risale all’8 novembre. Dieci giorni dopo il resto del branco si è messo in movimento
Svizzera
21 ore
La strada del Maloja sarà resa più sicura
Previsto un nuovo sistema di informazione. Il sistema pilota informerà gli utenti sulle possibili chiusure
© Regiopress, All rights reserved