laRegione
13.01.22 - 17:19
Aggiornamento: 17:37

Clinica di cardiochirurgia di Zurigo, direttore sotto inchiesta

Il procedimento penale contro Paul Vogt riguarda un’operazione al cuore, risalente al 2020, nella quale un paziente è morto

Ats, a cura de laRegione
clinica-di-cardiochirurgia-di-zurigo-direttore-sotto-inchiesta
Nuovi guai con la giustizia per la clinica universitaria (Keystone)

La clinica di cardiochirurgia dell’Ospedale universitario di Zurigo (Usz) non sembra ritrovare pace. Il Ministero pubblico ha aperto un procedimento penale contro il suo direttore Paul Vogt in relazione a un’operazione al cuore in cui nel 2020 un paziente è morto. Paul Vogt ha assunto la direzione della clinica proprio nel 2020 da Francesco Maisano: il primario italiano ha lasciato Zurigo, per ritornare a Milano, sulla scia di un procedimento penale, poi archiviato, e di un’inchiesta amministrativa che ha evidenziato violazioni al regolamento interno sulle sue attività accessorie.

La notizia del procedimento contro Vogt, di cui ha riferito l’emittente svizzero tedesca Srf, è stata confermata da un portavoce del Ministero pubblico zurighese. Il Tribunale cantonale ha autorizzato l’apertura del procedimento sulla base di un’inchiesta preliminare: una prassi vincolante quando si indaga su un medico che lavora in un ospedale pubblico. Secondo la Srf, il caso riguarda un intervento che ha visto Vogt lasciare in anticipo la sala operatoria, per occuparsi di un paziente privato. Altri due primari avevano portato avanti l’operazione al cuore, ma il paziente è morto.

La direzione sostiene il capo clinica

L’Ospedale universitario afferma di stare “pienamente” dalla parte del capo clinica. In una presa di posizione, la direzione di Usz si dice convinta che le accuse anonime si riveleranno infondate e confida nell’attenta indagine della Procura. Nonostante il procedimento, Paul Vogt rimane direttore della clinica di cardiochirurgia. Per lui, come per tutte le persone sotto inchiesta, vige infatti il principio della presunzione d’innocenza. Il suo predecessore, Francesco Maisano, era sospettato di aver impiantato protesi di una società della quale deteneva una partecipazione non dichiarata – con un possibile conflitto di interessi – e di aver abbellito alcune pubblicazioni scientifiche riguardanti i nuovi impianti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Soldi degli oligarchi per l’Ucraina? ‘Si può fare’
Secondo Mark Pieth, professore di diritto penale ed esperto di corruzione, una base legale che lo consente nel nostro Paese già c’è
Svizzera
2 ore
‘Qui la disinformazione non è sufficientemente contrastata’
Lo sostiene il sociologo vallesano Laurent Cordonier, secondo cui nel nostro Paese si dovrebbe fare di più
Svizzera
3 ore
Nelle farmacie basilesi arriva la cannabis legale
Dopo un rinvio di cinque mesi, scatta ufficialmente il progetto pilota. Circa 370 le persone che partecipano a questo studio
Svizzera
3 ore
Penultima chiamata per i ritardatari della vignetta
È tempo di sostituire quella scaduta: per i trasgressori (e chi si dimentica di farlo), 200 franchi di multa. A breve la versione elettronica
Svizzera
3 ore
Lunga vita agli Sms: ‘Non faranno la fine degli Mms’
Dopo la decisione di pensionare i messaggi multimediali, il presidente della direzione di Salt rassicura: ‘Per quelli testuali l’importanza è crescente’
la guerra in ucraina
13 ore
Armi: la Germania potrebbe non rifornirsi più in Svizzera
La Svizzera rifiuta la riesportazione in virtù del principio di neutralità e della legge sul materiale bellico. L’ambasciatore tedesco a Berna protesta
Svizzera
20 ore
Capanna completamente distrutta dalle fiamme a Sumvitg
Impegnativo intervento per i pompieri nella notte nei Grigioni. Sospetta intossicazione da fumo per i due inquilini che si trovavano all’interno
Svizzera
21 ore
Quasi 140 milioni di mascherine arriveranno a scadenza nel 2023
Un gruppo di lavoro sta studiando soluzioni per usi alternativi di questo materiale, conservato nei magazzini della farmacia dell’Esercito
Svizzera
22 ore
Daniel Vasella non voleva pagare le tasse a Zugo. Ma dovrà farlo
L’ex Ceo di Novartis sconfessato dal Tribunale amministrativo. Il contenzioso risale al 2013
Svizzera
23 ore
Elezioni a Zurigo, in gioco c’è la ‘maggioranza climatica’
In corsa per il rinnovo dei poteri cantonali in riva alla Limmat si ripresentano tutti i consiglieri di Stato. Ma l’esito non è scontato
© Regiopress, All rights reserved