laRegione
10.01.22 - 17:41
Aggiornamento: 19:45

Coronavirus: Gastrosuisse, 70% esercizi in rosso causa misure

Il dato emerge da un sondaggio nel settore ristorazione. L’associazione di categoria chiede al Consiglio federale sostegno finanziario retroattivo

coronavirus-gastrosuisse-70-esercizi-in-rosso-causa-misure
Ti-Press

Quasi il 70% di ristoranti, bar e caffè sono in perdita a causa delle misure anti-coronavirus. A sostenerlo è l’associazione di categoria Gastrosuisse, secondo cui la situazione si è aggravata con l’introduzione dell’obbligo per i clienti di disporre del certificato Covid e ancor di più da dicembre, quando è entrata in vigore la regola del 2G (ingresso solo per vaccinati o guariti).

“La situazione economica del settore rimane seria”, ha detto, citato in un comunicato odierno, il presidente Casimir Platzer. Secondo un sondaggio effettuato nella prima settimana dell’anno, quasi sette esercizi su dieci accusano un deficit. E il tutto si ripercuote anche sui dipendenti, che si trovano sempre più in difficoltà.

Dopo l’ulteriore inasprimento deciso lo scorso mese dalle autorità, le attività legate alle festività hanno in particolare accusato il colpo, prosegue Platzer. Le aziende del settore hanno fatturato solo il 53% rispetto a un normale anno commerciale.

Per quanto riguarda gli aiuti, l’associazione accoglie con favore il fatto che il programma per i casi di rigore sarà rilanciato e che il governo sta cercando di indennizzare gli ambienti colpiti il più rapidamente possibile e in modo uniforme in tutto il Paese. L’attuazione sarà comunque decisiva: “Serve una soluzione pratica”, afferma Platzer.

Gastrosuisse chiede inoltre al Consiglio federale un sostegno finanziario retroattivo, così da compensare non solo i costi scoperti del 2022, ma anche quelli fino a settembre 2021. Senza dimenticare che eventuali ulteriori strette per mano dell’esecutivo sono una costante spada di Damocle che incombe sull’intera ristorazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
partito socialista
1 ora
Paul Rechsteiner lascia il Parlamento dopo 36 anni
Gli inizi a San Gallo e l’elezione a Berna, prima al Consiglio nazionale, dal 1986 al 2011, e poi al Consiglio degli Stati
udc
1 ora
Salzmann primo a candidarsi per il dopo-Maurer
Il senatore bernese si gioca le sue carte per diventare consigliere federale in mezzo a un mare di rinunce
rapporti svizzera-ue
2 ore
‘Nessuna differenza insormontabile tra Berna e Bruxelles’
La dichiarazione congiunta dopo l’incontro a Rapperswil-Jona con i delegati della Confederazione e dell’Unione europea
Svizzera/Sahara occidentale
4 ore
La Svizzera nega il visto ai rappresentanti saharawi
I cinque componenti della società civile saharawi avrebbero dovuto testimoniare durante il 51° Consiglio dei diritti umani a Ginevra
Svizzera
5 ore
Läderach mastica amaro: sul deep web i dati rubati dagli hacker
L’azienda era stata vittima di un attacco informatico un mese fa. Afferma di non aver pagato alcun riscatto ai criminali informatici
Svizzera
8 ore
Disoccupazione? Per la Seco livelli mai così bassi
Situazione giudicata buona ma con dei lati negativi: manca infatti la manodopera qualificata e le aziende faticano a trovare personale adeguato
Svizzera
12 ore
Disoccupazione Seco stabile al 2,4% in Ticino
Il tasso di iscritti negli Uffici regionali di collocamento a livello nazionale è sceso sotto il 2% per la prima volta dal 2001
energia
22 ore
Gas: anche la Svizzera vuole impianti di stoccaggio
La richiesta è dell’Associazione svizzera dell’industria del gas (Asig). Il tema verrà trattato dal Consiglio federale
Svizzera
1 gior
Migros: in arrivo ‘Teo’, il negozio senza personale
Vi si potrà accedere mediante carta di credito oppure un codice QR Cumulus. La casse automatiche accetteranno anche il pagamento con twint
Svizzera
1 gior
Impressum chiede aumenti salariali nei media
Sollecitato l’adeguamento delle retribuzioni in funzione dell’inflazione. ‘Non concederlo equivarrebbe a una riduzione dello stipendio’
© Regiopress, All rights reserved