laRegione
coronavirus-gastrosuisse-70-esercizi-in-rosso-causa-misure
Ti-Press
10.01.22 - 17:41
Aggiornamento : 19:45

Coronavirus: Gastrosuisse, 70% esercizi in rosso causa misure

Il dato emerge da un sondaggio nel settore ristorazione. L’associazione di categoria chiede al Consiglio federale sostegno finanziario retroattivo

Quasi il 70% di ristoranti, bar e caffè sono in perdita a causa delle misure anti-coronavirus. A sostenerlo è l’associazione di categoria Gastrosuisse, secondo cui la situazione si è aggravata con l’introduzione dell’obbligo per i clienti di disporre del certificato Covid e ancor di più da dicembre, quando è entrata in vigore la regola del 2G (ingresso solo per vaccinati o guariti).

“La situazione economica del settore rimane seria”, ha detto, citato in un comunicato odierno, il presidente Casimir Platzer. Secondo un sondaggio effettuato nella prima settimana dell’anno, quasi sette esercizi su dieci accusano un deficit. E il tutto si ripercuote anche sui dipendenti, che si trovano sempre più in difficoltà.

Dopo l’ulteriore inasprimento deciso lo scorso mese dalle autorità, le attività legate alle festività hanno in particolare accusato il colpo, prosegue Platzer. Le aziende del settore hanno fatturato solo il 53% rispetto a un normale anno commerciale.

Per quanto riguarda gli aiuti, l’associazione accoglie con favore il fatto che il programma per i casi di rigore sarà rilanciato e che il governo sta cercando di indennizzare gli ambienti colpiti il più rapidamente possibile e in modo uniforme in tutto il Paese. L’attuazione sarà comunque decisiva: “Serve una soluzione pratica”, afferma Platzer.

Gastrosuisse chiede inoltre al Consiglio federale un sostegno finanziario retroattivo, così da compensare non solo i costi scoperti del 2022, ma anche quelli fino a settembre 2021. Senza dimenticare che eventuali ulteriori strette per mano dell’esecutivo sono una costante spada di Damocle che incombe sull’intera ristorazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus crisi gastrosuisse misure covid ristoranti ristorazione
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’
Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
11 ore
Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente
Il governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
13 ore
C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi
È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
14 ore
Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo
L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
15 ore
Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno
Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
15 ore
Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica
L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
15 ore
Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage
Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
16 ore
Due vittime sul Grand Combin, travolte da seracchi
Il crollo dei blocchi di ghiaccio sull’‘Himalaya della Svizzera’ ha travolto una quindicina di persone; nove quelle rimaste ferite
Svizzera
21 ore
Iniziativa contro gli F-35: raccolte 100’000 firme
L’alleanza ‘STOP F-35’ afferma di aver raccolto le firme necessarie per l’iniziativa che chiede di vietare l’acquisto dei jet da combattimento
Svizzera
1 gior
‘Ammettiamo gli studenti degli Stati terzi fuggiti dall’Ucraina’
La petizione inviata al Consiglio federale chiede di aprire le porte delle università anche a loro
© Regiopress, All rights reserved