laRegione
07.01.22 - 15:24
Aggiornamento: 16:03

Decine di truffe telefoniche tra Zurigo, Lucerna e San Gallo

Diversi raggiri han fruttato decine di migliaia di franchi ai malviventi. Spacciandosi per agenti o parenti, si fanno consegnare denaro, spesso da anziani

Ats, a cura de laRegione
decine-di-truffe-telefoniche-tra-zurigo-lucerna-e-san-gallo
Depositphotos

Ai truffatori “telefonici” non manca l’immaginazione quando si tratta di turlupinare il prossimo spacciandosi per lontani parenti, agenti di polizia o impiegati di banca: le polizie di Lucerna, Zurigo e San Gallo segnalano diversi raggiri del genere, messi a segno nei primi giorni di gennaio, che hanno fruttato ai manigoldi un facile bottino. Le vittime sono sovente persone anziane.

Solo a Zurigo, nella prima settimana di gennaio sono stati segnalate dozzine di tentativi di truffa per telefono. In cinque casi i malviventi hanno avuto successo riuscendo a mettere le mani su oltre centomila franchi in totale.

Lo stratagemma cui ricorrono è quasi sempre lo stesso: spacciandosi per agenti o parenti, ed esprimendosi in tedesco o in dialetto svizzero tedesco, riescono a insinuare nelle loro vittime il timore di perdere del denaro o i loro beni. Poiché simili raggiri sono frequenti, la polizia zurighese invita la popolazione a non consegnare valori o denaro a persone sconosciute.

Una raccomandazione che vale anche per altri cantoni, poiché tali misfatti non conoscono confini: a San Gallo, una falsa poliziotta è riuscita a farsi consegnare da una donna di 66 anni ben 34mila franchi. La falsa agente è riuscita a impaurire la donna dicendole di aver trovato, negli effetti personali di due uomini in stato di arresto, un calepino col suo nome e indirizzo. Da qui la richiesta all’anziana di mettere il denaro in sicurezza consegnandolo alla polizia. In una nota diffusa oggi, le autorità sangallesi fanno stato di altri tentativi di truffa simili da parte di delinquenti che si spacciano per poliziotti.

A Lucerna, in due casi i malviventi sono riusciti a intascare diverse decina di migliaia di franchi. Dall’inizio dell’anno sono giunte alla polizia circa una quindicina di segnalazioni di chiamate telefoniche sospette. In un caso, la consegna del denaro è avvenuta davanti all’abitazione della vittima. I malfattori si sono presentati quali impiegati di banca, ma la polizia cantonale fa presente che la tattica include anche il falso agente e il falso nipote. A volte il tentativo fallisce, ma troppo spesso riesce, sottolinea la nota della polizia lucernese.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 ore
Ottobre col segno negativo per le vendite al dettaglio
Nel decimo mese dell’anno il giro d’affari ha conosciuto una contrazione del 2,7% rispetto a quello precedente. Stabilità invece su base annua
Svizzera
9 ore
Fermato un uomo in un’area di sosta con 10 kg di cocaina
Incastrato dal fiuto di Arani von der Lodeburg. L’uomo era stato controllato nei pressi di Würenlos, mentre procedeva in direzione di Berna
Svizzera
9 ore
Ancora troppo poco diffusa la cultura del ‘Nutri-Score’
Per il Consiglio federale, la popolazione va maggiormente sensibilizzata sul sistema di caratterizzazione nutrizionale degli alimenti
Svizzera
10 ore
Serata ‘calda’ per i pompieri grigionesi: doppio intervento
Principi di incendi con danni materiali a Fanas (a causa di una candela) e Bargung. Una persona portata all’ospedale per sospetta intossicazione da fumo
Svizzera
11 ore
Critiche alla Posta per il suo ruolo in rapporto alle Pmi
L’Usam rimprovera al gigante giallo la sua posizione predominante nel monopolio delle lettere, sfruttata anche in altri ambiti
Svizzera
12 ore
Scomparsa da giovedì, ritrovata morta a Brügg
Il corpo della donna, una 76enne spagnola residente a Bienne, è stato rinvenuto privo di vita in una chiusa del canale Nidau-Büren
Svizzera
13 ore
Gettano il porcellino d’india in un cestino dei rifiuti
È salvo e in buone condizioni l’animaletto domestico recuperato operaio comunale ad Amriswil, ora affidato alla protezione animali
Svizzera
14 ore
Polizze con codice Qr, bilancio ‘molto positivo’
A due mesi dalla sua introduzione, la Posta si dice soddisfatta della risposta dell’utenza. ‘Per la stragrande maggioranza è una routine’
Svizzera
15 ore
Per Ruth Dreifuss un dottorato honoris causa
A conferirglielo, per l’impegno a favore di un mondo più giusto, delle pari opportunità e della tutela delle minoranze è stata l’Università di Berna
Svizzera
15 ore
Scansa un camion e centra il guardrail a bordo carreggiata
Incidente della circolazione sulla cantonale che da Coira porta ad Arosa: ingenti danni a vettura e infrastruttura stradale. Illeso il conducente
© Regiopress, All rights reserved