laRegione
06.01.22 - 10:17
Aggiornamento: 15:06

Pubblicità sigarette: ‘Divieto estremo e dannoso per l’economia’

Per Alleanza del Centro, PLR e UDC l’iniziativa viola la libertà economica e danneggia i settori che vivono grazie alle entrate generate dalla réclame

Ats, a cura de laRegione
pubblicita-sigarette-divieto-estremo-e-dannoso-per-l-economia
Keystone

L’iniziativa popolare “Fanciulli e adolescenti senza pubblicità per il tabacco”, su cui si voterà il prossimo 13 di febbraio, è contraria al principio della libertà economica e danneggia diversi settori che contano, per sopravvivere, sulle entrate generate dalla réclame.

È quanto sostiene un comitato interpartitico – Alleanza del Centro, PLR e UDC – che oggi ha invitato popolo e cantoni a respingere il testo in votazione, giudicato estremo, rammentando che il parlamento ha pur sempre elaborato un controprogetto indiretto che restringe in modo significativo la pubblicità, specie quella destinata ai giovani, per sigarette e altri derivati del tabacco.

Stando al consigliere nazionale Philipp Kutter (Alleanza del Centro/ZH), l’iniziativa viola in modo sproporzionato la libertà economica e d’informazione costituzionalmente garantite. Fa parte della libertà economica e commerciale fondamentale che i prodotti legali possano essere pubblicizzati, ha puntualizzato.

“La pubblicità è una fonte di reddito non trascurabile per i media, il settore culturale, i festival, i piccoli negozi, le edicole e le stazioni di servizio”, ha rincarato Damien Cottier, deputato PLR neocastellano alla Camera del popolo. Sono in gioco 11mila posti di lavoro diretti e indiretti che generano un valore aggiunto di più di 6 miliardi di franchi all’anno, ha aggiunto.

Per Rocco Cattaneo (PLR/TI), puntando sulla protezione dei giovani dal fumo l’iniziativa tocca una corda sensibile, un obiettivo senz’altro giusto e importante, tuttavia questa modifica costituzionale va respinta poiché vuole ancorare nella Costituzione un divieto totale di pubblicità per prodotti del tutto legali in Svizzera.

Il controprogetto

La nuova legge sui prodotti del tabacco – controprogetto indiretto all’iniziativa frutto di lunghe e laboriose discussioni in Parlamento, ndr – introduce un divieto di pubblicità per i prodotti del tabacco e le sigarette elettroniche sui manifesti e nei cinema, limitando in questo modo la pubblicità su tutto il territorio nazionale.

Il divieto si estende anche alla consegna gratuita di sigarette e alla sponsorizzazione di manifestazioni a carattere internazionale da parte delle multinazionali del tabacco.

Con il controprogetto non sono invece previste restrizioni per la pubblicità nei chioschi, nella stampa o su internet, purché non si rivolga ai minorenni, né per la sponsorizzazione di manifestazioni nazionali. Con questa decisione, il parlamento tiene conto delle esigenze dell’economia. Il controprogetto potrà entrare in vigore indipendentemente dall’esito della votazione sull’iniziativa popolare, stando al Consiglio federale.

L’iniziativa

I promotori dell’iniziativa – sottoscritta da 109’969 persone – credono invece che solo la loro proposta possa proteggere i minori in modo efficace. È dimostrato che il consumo di tabacco rappresenta il primo fattore di rischio nello sviluppo di numerose patologie croniche, come il cancro, che causano grandi sofferenze, gravando pesantemente sull’economia e sui premi delle casse malati.

In Svizzera una persona su quattro fuma, per un totale di circa due milioni di fumatori. Negli ultimi dieci anni questa cifra è rimasta più o meno invariata. Tra i giovani si registrano livelli analoghi: quasi 100’000 giovani tra i 15 e i 19 anni fumano. Circa la metà dei fumatori ha iniziato a fumare quotidianamente prima dei 18 anni.

Il fumo può causare una serie di malattie tra cui tumori o infarti. Ogni anno in Svizzera circa 9’500 persone muoiono prematuramente per le conseguenze del tabagismo. Secondo diversi studi i costi per la salute pubblica e l’economia si aggirano tra i 4 e i 5 miliardi di franchi, di cui 3 miliardi di costi diretti (per le cure) e circa 1-2 miliardi di costi indiretti a carico dell’economia (per esempio assenze dal lavoro a causa di malattie legate al tabagismo).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
9 ore
Traffico sulla A13 e la A28, niente ‘bacchetta magica’
Il problema del traffico turistico di aggiramento sulle due arterie grigionesi impone una strategia sovracantonale
Svizzera
10 ore
Tentata rapina a mano armata a Crans Montana
Preso di mira, poco prima delle 6, un negozio del centro. È caccia ai malviventi (due) in Vallese
Svizzera
11 ore
Cresce il numero di persone con livello d’istruzione terziario
Tra i 25-34enni nell’arco di vent’anni la quota è raddoppiata: nel 2021 uno su due aveva conseguito un diploma corrispondente
Svizzera
14 ore
All’aeroporto di Zurigo-Kloten, la ripresa pare confermata
In settembre i movimenti sono stati 20’355, un 3% in meno rispetto ad agosto ma di quasi un terzo superiore allo stesso mese del 2021
Svizzera
14 ore
Scesi dal bus aggrediscono un uomo e gli danno fuoco
Dodici adolescenti sono stati rilasciati al termine dell’interrogatorio, avvenuto a Winterthur, mentre due si trovano in carcerazione preventiva
Svizzera
14 ore
Svizzera ‘razzista sistemica’, ma Berna respinge le accuse
Per l’ambasciatore elvetico alle Nazioni Unite le considerazioni del Gruppo sono in parte basate su ‘supposizioni’ e ‘malintesi’
Svizzera
19 ore
Malgrado le ombre, le prospettive per l’industria non peggiorano
Il comportamento del parametro rappresenta una sorpresa: gli analisti si aspettavano infatti una contrazione a valori compresi fra 54 e 55,6 punti
Svizzera
19 ore
Suicidi quasi dimezzati negli ultimi quarant’anni
La diminuzione è soprattutto evidente tra gli uomini. Il Ticino ha presentato i tassi di suicidio inferiori per tutto l’ultimo decennio
Svizzera
20 ore
Lieve ma significativo rallentamento dell’inflazione
Si tratta del primo calo dopo venti mesi consecutivi con numeri in crescita o stabili. In settembre il rincaro annuo si è attestato al 3,3%
Svizzera
1 gior
Elezioni cantonali a Zugo: Status quo per il governo cantonale
Il Consiglio di Stato rimane quindi composto da tre rappresentanti dell’Alleanza di Centro, due liberali radicali e due Udc
© Regiopress, All rights reserved