laRegione
covid-fra-qualche-settimana-meta-del-paese-potrebbe-ammalarsi
Ti-Press
02.01.22 - 09:44
Aggiornamento : 14:56

Covid: ‘Fra qualche settimana metà del Paese potrebbe ammalarsi’

Lo afferma Richard Neher, membro della task force della Confederazione, secondo il quale un livello di 30’000 contagi al giorno è verosimile per gennaio

Ats, a cura de laRegione

La metà della popolazione svizzera potrebbe ammalarsi di Covid in qualche settimana. Lo afferma alla ‘SonntagsZeitung’ Richard Neher, membro della task force della Confederazione, secondo cui affinché ciò si verifichi è sufficiente che la variante Omicron continui a diffondersi al ritmo attuale. Stando al presidente della Confederazione Ignazio Cassis non è comunque necessario agire nell’immediato, dato che la situazione nei reparti di terapia intensiva è ancora gestibile.

Un livello di 30’000 contagi al giorno è verosimile per gennaio, ha detto Neher in un’intervista al domenicale svizzero-tedesco. Se ne consideriamo 20’000 e altrettanti non individuati, si può dedurre che circa il 3% degli svizzeri si infetta ogni settimana, fa notare l’esperto.

A quanto emerge dai primi dati britannici e sudafricani, la più recente mutazione del coronavirus è “un po’ meno coriacea delle altre”, riconosce il ricercatore in virologia e biofisico dell’Università di Basilea. La quantità di ricoveri non è tuttavia di poco conto.

“Il numero di casi aumenta molto rapidamente e non abbiamo più molto margine di manovra negli ospedali”, sottolinea il membro della task force. Se anche solo una piccola parte delle persone contagiate viene ricoverata, una valanga di infezioni in breve tempo può rapidamente provocare la saturazione del sistema. Per evitare una grave crisi a suo avviso bisogna dunque “frenare subito la propagazione”.

Tra le potenziali misure sanitarie da adottare, Neher cita restrizioni per le grandi manifestazioni e per gli spazi interni dove la popolazione si incontra senza mascherina. “Gli ultimi due anni hanno mostrato che limitare i contatti funziona e consente di interrompere le ondate epidemiologiche”.

Fine ondata fra un mese

Neher ritiene che l’ondata peggiore di Omicron possa essere conclusa entro fine gennaio. A partire da un certo momento, al virus cominciano infatti a mancare persone da infettare, come sta attualmente succedendo in alcune regioni del Sudafrica. Esso non scomparirà e ci terrà ancora impegnati il prossimo inverno, prevede l’esperto, “ma non al punto da causare una nuova crisi”.

È importante non sottovalutare Omicron, aggiunge, sollecitato dalla ‘NZZ am Sonntag’, il collega di Neher e vicepresidente della task force Urs Karrer. “La nostra maggiore preoccupazione è dover trattare molti pazienti Covid in gennaio e febbraio con gli effettivi ridotti, perché il personale sarà malato, in isolamento o in quarantena”, spiega.

Cassis: tasso cure intensive gestibile

Da parte sua, il neopresidente della Confederazione Ignazio Cassis non ritiene che sia necessario un intervento immediato. A corto termine bisogna impedire un sovraccarico delle cure intensive, dichiara il consigliere federale al ‘SonntagsBlick’, ma il loro tasso di occupazione attuale di circa l’80% appare “ancora gestibile”.

Si potrebbero potenziare le capacità se ve ne fosse l’esigenza, prosegue l’ex medico cantonale ticinese, ma per ora ciò non è il caso. Se qua e là si formassero dei colli di bottiglia, “entrerebbe in gioco la solidarietà fra Cantoni come durante la prima ondata”. “Siamo pronti a reagire in ogni momento, anche mobilitando mezzi a livello federale come la Protezione civile o l’esercito”, assicura Cassis.

Per il presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS) Lukas Engelberger i prossimi giorni “saranno decisivi”. Nuovi dati saranno disponibili entro mercoledì ed essi mostreranno quale direzione bisogna prendere, aggiunge il consigliere di Stato di Basilea Città, interrogato dalla ‘SonntagsZeitung’. Se il tasso di occupazione delle unità di terapia intensiva dovesse salire, il governo non avrebbe altra scelta che annunciare nuove misure in settimana o sottometterle ai Cantoni per una consultazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
confederazione contagi omicron richard neher task force
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
12 ore
Vaccino Moderna ai bambini sotto i 5 anni? Swissmedic ci pensa
Coronavirus, secondo i dati dell’Ufficio federale della sanità pubblica, da inizio pandemia nella Confederazione sono morti cinque bimbi
Svizzera
13 ore
In Svizzera accolti oltre 50’000 rifugiati dall’Ucraina
Dei 50’172 che a oggi si sono annunciati, 48’574 hanno ottenuto lo statuto S (il 97,8% di quelli complessivi rilasciati dalla Confederazione)
Svizzera
17 ore
Società elettriche, ecco il piano di salvataggio
Consiglio federale pronto a mettere sul piatto fino a dieci miliardi di franchi per evitare il collasso del sistema
Svizzera
18 ore
A 229 km/h nel tunnel del Gubrist, ecco l’atto d’accusa
Nella sua folle corsa il pirata della strada aveva pure urtato altre auto, per poi finire la sua corsa tamponando la vettura che lo precedeva
Svizzera
18 ore
Il Consiglio federale corre ai ripari sulle forniture di gas
Adottato un piano per far fronte all’eventuale riduzione delle forniture dalla Russia: riserve stoccate in Paesi vicini e opzione per ulteriori forniture
Svizzera
18 ore
F-35A, si ratifichi subito l’acquisto. Senza passare dal voto
Il Consiglio federale sposa le raccomandazioni della Commissione di sicurezza degli Stati. Ma non sul tema dei Tiger, che vorrebbe pensionare
Svizzera
19 ore
Da dicembre treni supplementari da e per il Ticino
Cambiamenti in vigore con l’introduzione dell’orario invernale. Per la prima volta Grigioni e Romandia uniti da un collegamento diretto
Svizzera
20 ore
Manca il rientro e si cappotta: 82enne ferito in modo serio
L’uomo ha perso il controllo della sua vettura dopo una deviazione all’altezza di Rongellen, nel canton Grigioni
Svizzera
20 ore
Anche Berna espelle diplomatici russi, ma ‘discretamente’
Secondo fonti parlamentari, il Dfae non pubblicizza i rimpatri delle sospette spie per non compromettere un’eventuale mediazione elvetica fra Mosca e Kiev
Svizzera
20 ore
Il Centro per la cybersicurezza diventerà un ufficio federale
Il Consiglio federale spiega questo passo col fatto che la sicurezza informatica è diventata negli ultimi anni sempre più importante a tutti i livelli
© Regiopress, All rights reserved