laRegione
in-svizzera-l-incidenza-piu-alta-d-europa-omicron-oltre-il-50
Keystone
28.12.21 - 15:48
Aggiornamento : 18:16

In Svizzera l’incidenza più alta d’Europa. Omicron oltre il 50%

Lo ha dichiarato oggi Patrick Mathys, dell’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), durante il consueto appuntamento settimanale coi media

Ats, a cura de laRegione

La fascia d’età fra i 20 e i 29 anni è attualmente quella più toccata dalle infezioni di coronavirus. La variante Omicron è ormai responsabile di più della metà dei casi in Svizzera e la pressione sugli ospedali è destinata a crescere.

Lo ha dichiarato oggi Patrick Mathys, dell’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), durante il consueto appuntamento settimanale coi media.

“Omicron è arrivata in Svizzera e si sta diffondendo molto rapidamente”, ha dichiarato il capo della sezione Gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell’Ufsp. I nuovi casi raddoppiano nel giro di 3-5 giorni.

L’occupazione dei reparti di terapia intensiva è in aumento. Attualmente ci sono 336 pazienti Covid nelle cure intense, ciò che corrisponde a quasi il 40% dei posti disponibili. La pressione sugli ospedali cresce e il responsabile dell’Ufsp prevede che nelle prossime settimane non sarà possibile una presa a carico ottimale.

In ogni caso non si prevede un allentamento della situazione, ha detto Mathys. La vaccinazione rimane la misura migliore per arginare la pandemia.

Le nuove infezioni giornaliere rimangono a un livello alto. L’incidenza, con 1’450 casi ogni 100 mila abitanti è la più alta in Europa. Il responsabile dell’Ufsp ha citato in proposito anche il caso del Ticino, con l’incidenza più bassa fra i cantoni che è però aumentata del 95% nell’ultima settimana.

Responsabile task force: previsti 20’000 casi al giorno

Tanja Stadler, presidente della task force scientifica Covid-19 della Confederazione, ha detto di aspettarsi fino a 20 mila infezioni da coronavirus al giorno dalla prossima settimana.

Nella maggior parte degli scenari di previsione, il valore di riproduzione di Omicron è intorno a due, ciò che rappresenta una crescita esponenziale “mai vista finora”. Il valore R della variante Delta è invece al di sotto di 1, ciò che indica un calo delle infezioni.

Stadler ha avvertito di non prendere alla leggera l’ipotesi che la variante Omicron porti a decorsi meno gravi della malattia. Il fattore decisivo nella lotta contro la pandemia rimane la rapidità con cui grandi parti della popolazione possono essere vaccinate, in particolare con il booster. La vaccinazione protegge dall’infezione, ma non completamente.

I vaccini, i test, l’uso di mascherine, la ventilazione delle aree interne e la limitazione dei contatti rimangono quindi strumenti importanti, ha sottolineato la presidente della task force Covid-19.

Alla domanda di un giornalista, Tanja Stadler ha precisato che al momento non è chiaro per quanto tempo la dose di richiamo del vaccino può proteggere dalla variante Omicron. In base ai pochi dati finora disponibili, provenienti principalmente da Israele, Stadler stima che la protezione dalla nuova variante dovrebbe rimanere altra per dieci o dodici settimane.

Hauri: limiti raggiunti in alcuni ospedali

In alcuni ospedali si stanno raggiungendo i limiti di capacità, ma per il momento il coordinamento e il trasferimento dei pazienti fra ospedali funziona bene, ha detto Rudolf Hauri, presidente dell’Associazione dei medici cantonali (Amcs).

“Nel complesso, il carico di lavoro negli ospedali è gestibile”, ha detto il medico cantonale di Zugo. In alcuni cantoni il tracciamento dei contatti ha tuttavia raggiunto il limite e non è possibile risalire a tutti i contatti stretti.

Hauri ha inoltre ricordato i focolai che hanno interessato in particolare le squadre di hockey su ghiaccio, che sono probabilmente causate dalla variante Omicron. Per fortuna non si registrano per il momento casi gravi fra i giovani atleti.

Il medico cantonale ha quindi ribadito l’invito a rispettare rigorosamente le misure igieniche e le restrizioni. Viene in particolare raccomandato di indossare correttamente la mascherina nei trasporti pubblici. Quando si viaggia in veicoli più piccoli con persone di famiglie diverse, è inoltre consigliato di indossare una maschera FFP2.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus omicron svizzera ufsp
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 min
Task force per indivudare i beni russi? Non ce n’è bisogno
Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
44 min
Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica
L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
48 min
Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage
Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
1 ora
Vallese, alpinisti travolti da seracchi. Si temono vittime
La polizia vallesana parla di ‘vittime’ sul Grand Combin, senza precisare se si tratta di morti o feriti. Una quindicina gli alpinisti sul posto
Svizzera
6 ore
Iniziativa contro gli F-35: raccolte 100’000 firme
L’alleanza “STOP F-35” afferma di aver raccolto le firme necessarie per l’iniziativa che chiede di vietare l’acquisto dei jet da combattimento
Svizzera
21 ore
‘Ammettiamo gli studenti degli Stati terzi fuggiti dall’Ucraina’
La petizione inviata al Consiglio federale chiede di aprire le porte delle università anche a loro
Svizzera
23 ore
Prospettive meno fosche del previsto per l’Avs
Senza una riforma la dotazione del fondo dovrebbe scendere a 43,4 miliardi nel 2032, calcola l’Ufas. Nel 2020 si stimava un calo a 24,9 miliardi
Svizzera
1 gior
Monumento a Suvorov ripulito da russi e svizzeri
Era stato imbrattato a metà maggio con i colori della bandiera ucraina
Svizzera
1 gior
Muore ciclista 81enne, non aveva rispettato la precedenza
L’uomo è stato investito da un 22enne che circolava sulla strada cantonale a Château-d’Oex (Vd)
Svizzera
1 gior
Nell’arco alpino inevitabile un aumento delle temperature
L’incremento sarà compreso tra 0,5 e 1,5 gradi nei prossimi 20-30 anni. Previste meno piogge in estate, ma di più nelle altre stagioni
© Regiopress, All rights reserved