laRegione
violenze-sulle-donne-piu-tutele-da-gennaio
Manifestazione contro la violenza sulle donne a Losanna (Keystone)
nuove leggi in vigore
27.12.21 - 18:56
Aggiornamento: 19:41

Violenze sulle donne: più tutele da gennaio

Dalla migliore protezione delle vittime di violenza domestica alla responsabilità delle imprese in fatto di rispetto dei diritti umani

A partire da gennaio entreranno in vigore tutta una serie di nuove leggi, che vanno dalla migliore protezione delle vittime di violenza domestica alla responsabilità delle imprese in fatto di rispetto dei diritti umani.

I Cantoni potranno far capo alla tecnologia per contrastare la violenza domestica: sorveglianza elettronica dei violenti, un “tracker” e un pulsante di allarme per le vittime. Sarà anche istituito un numero di telefono centralizzato per le vittime.

Le esperienze raccolte in Spagna – Paese che ha dichiarato guerra alla violenza “machista” – mostrano che la sorveglianza elettronica migliora la sicurezza e la qualità della vita delle vittime e, soprattutto, può prevenire la recidiva. Alcuni Cantoni stanno già conducendo progetti pilota in questo settore. Tuttavia, ora è a disposizione una base giuridica.

Sarà anche più facile recuperare gli alimenti dopo un divorzio. I Cantoni dovranno designare un ufficio specializzato per assistere gli ex coniugi nel recupero del dovuto. Una domanda potrà essere inoltrata a questa istanza non appena il contributo di mantenimento non è stato pagato per intero, nei tempi stabiliti o non viene versato con regolarità.


Un’attivista di Ginevra scrive il numero di femminicidi nel 2021 (Keystone)

Secondo Caritas Svizzera, più di una persona su cinque non ottempera ai suoi obblighi in fatto di mantenimento dei figli. Le madri che allevano la prole da sole sono le prime ad essere danneggiate; il rischio di cadere in povertà è reale.

Sempre a partire dall’inizio del 2022, le persone transgender e intersessuali potranno cambiare genere e nome rapidamente e senza complicazioni burocratiche. Non ci saranno più esami medici o altri prerequisiti. La procedura costa 75 franchi. Il consenso del rappresentante legale sarà richiesto se il candidato alla procedura ha meno di 16 anni. Questo aspetto del consenso ha dato parecchio filo da torcere ai parlamentari.

Buone notizie anche per gli assicurati: non saranno più intrappolati in contratti che si rinnovano automaticamente. Questi possono essere disdetti dopo tre anni, anche se sono stati conclusi per un periodo più lungo. La riforma della legge sul contratto di assicurazione dà agli assicurati due settimane per revocare una nuova polizza assicurativa.

Nel settore del commercio, le imprese e i consumatori svizzeri non saranno più penalizzati dai prezzi eccessivi imposti dagli importatori. Il blocco geografico da parte di aziende straniere su internet sarà illegale.

Anche l’assicurazione invalidità è stata riformata. I giovani e le persone con problemi di salute mentale dovrebbero poter rimanere più a lungo nella vita lavorativa. Le perizie mediche, talvolta controverse, dovranno essere più trasparenti. Le discussioni tra l’assicurato e l’esperto chiamato ad esprimere un parere saranno registrate, mentre sarà istituita una commissione di sorveglianza.

Quali misure di sicurezza, specie per il contrasto all’estremismo, la Polizia federale potrà far capo a mezzi elettronici per sorvegliare le persone considerate pericolose e condurre indagini sotto copertura su internet. La nuova legge permetterà anche alla polizia di agire preventivamente contro sospetti terroristi.

Le multinazionali svizzere avranno un anno di tempo per predisporre gli strumenti necessari per monitorare le rispettive attività all’estero. A partire dal 2023, il controprogetto dell’iniziativa “Per imprese responsabili” chiederà loro di controllare i rischi in fatto di diritti umani e ambiente.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
diritti civili diritti umani donne leggi violenza violenze
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
26 min
Grigioni, individuato un ottavo branco di lupi
È stato chiamato ‘Wannaspitz’. Attualmente si aggira fra i comuni di Vals, Lumnezia e Ilanz
Svizzera
44 min
Detenuto evade dal carcere bernese di Witzwil
L’uomo, un cittadino algerino di 41 anni, non è considerato pericoloso. Stava scontando la pena in regime aperto
Svizzera
1 ora
L’Altopiano svizzero si sta ‘toscanizzando’
Ciò è dovuto ai periodi sempre più lunghi di caldo e siccità. Lo segnala la Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio
Svizzera
2 ore
Ginevra, trovato il corpo di un uomo nel lago
Stando ai primi accertamenti la causa della morte è l’annegamento
Svizzera
2 ore
‘Expat stanno scacciando il ceto medio-basso da Zurigo’
Lo afferma il quotidiano zurighese Tages-Anzeiger dopo aver analizzato un rapporto dell’Ufficio comunale delle imposte
Svizzera
3 ore
Istruzione: ‘Mancano insegnanti qualificati’
Il mondo scolastico della Svizzera tedesca e francese è confrontato con la penuria di personale qualificato e l’integrazione degli allievi ucraini
Svizzera
3 ore
Corpo recuperato nelle acque dell’Aare
Si tratta di un 44enne georgiano. La pista privilegiata dagli inquirenti è quella dell’incidente
Svizzera
4 ore
Travail.Suisse esige aumenti salariali fra il 3 e il 5%
L’organizzazione sindacale chiede l’incremento per compensare l’attuale forte aumento del costo della vita e gli incrementi di produttività delle aziende
Svizzera
5 ore
Il futuro sistema di voto online alla prova degli hacker etici
La Posta ha chiesto di effettuare dei test di intrusione pubblici per scovare falle sul sistema che dal 2023 dovrebbe essere a disposizione dei Cantoni
Svizzera
7 ore
‘Sulla cybersicurezza servono regole più forti’
Secondo lo specialista Stéphane Koch, le aziende andrebbero obbligate a garantire la propria sicurezza pena essere ritenute responsabili per gli attacchi
© Regiopress, All rights reserved