laRegione
swissmedic-approva-la-dose-di-richiamo-con-johnson-johnson
Keystone
27.12.21 - 15:43

Swissmedic approva la dose di richiamo con Johnson & Johnson

Valutata positivamente la domanda di omologazione del booster anti-Covid-19 della Janssen-Cilag SA

Ats, a cura de laRegione

Swissmedic ha valutato positivamente la domanda di omologazione del booster anti-Covid-19 della Janssen-Cilag SA. Pertanto, le persone di età pari o superiore ai 18 anni possono ricevere una dose di richiamo dopo una prima vaccinazione, indica l’Istituto per gli agenti terapeutici in una nota odierna.

Il 22 marzo 2021 Swissmedic aveva omologato il vaccino anti-Covid-19 della Janssen-Cilag SA. Da quel momento in poi il vaccino vettoriale viene somministrato in una sola dose a persone di età pari o superiore ai 18 anni.

Su richiesta di Johnson & Johnson, Swissmedic ha controllato la sicurezza e l’efficacia dei dati clinici presentati per il booster e li ha approvati. La seconda vaccinazione può dunque essere somministrata al più presto due mesi dopo la prima dose.

Omologata la vaccinazione incrociata

La domanda di omologazione conteneva anche dati clinici sulla vaccinazione incrociata, precisa ancora la nota. Johnson & Johnson ha combinato i vaccini a mRNA di Pfizer/BioNTech (Comirnaty) e Moderna (Spikevax) con il proprio vaccino. Per la vaccinazione incrociata, Swissmedic ha approvato un termine di sei mesi per il richiamo dopo la seconda vaccinazione a mRNA. Il termine è quindi lo stesso di quello per un booster con i vaccini a mRNA. È la prima volta che in Svizzera un richiedente ha presentato i dati clinici per una vaccinazione incrociata.

I dati per l’omologazione della vaccinazione di richiamo per il vaccino anti-Covid-19 saranno disponibili nelle informazioni sul medicamento aggiornate, conclude la nota.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
booster anti-covid-19 janssen-cilag sa johnson swissmedic vaccinazione incrociata
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’
Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
1 ora
Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente
Il governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
3 ore
C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi
È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
4 ore
Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo
L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
5 ore
Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno
Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
5 ore
Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica
L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
6 ore
Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage
Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
6 ore
Due vittime sul Grand Combin, travolte da seracchi
Il crollo dei blocchi di ghiaccio sull’‘Himalaya della Svizzera’ ha travolto una quindicina di persone; nove quelle rimaste ferite
Svizzera
11 ore
Iniziativa contro gli F-35: raccolte 100’000 firme
L’alleanza ‘STOP F-35’ afferma di aver raccolto le firme necessarie per l’iniziativa che chiede di vietare l’acquisto dei jet da combattimento
Svizzera
1 gior
‘Ammettiamo gli studenti degli Stati terzi fuggiti dall’Ucraina’
La petizione inviata al Consiglio federale chiede di aprire le porte delle università anche a loro
© Regiopress, All rights reserved