laRegione
23.12.21 - 14:55
Aggiornamento: 15:22

Dispense da mascherina a pagamento: no al segreto professionale

Il Tf ha concesso gli accessi alle cartelle mediche di un professionista zurighese sospettato di vendere esenzioni dall’obbligo di indossare la mascherina

Ats, a cura de laRegione
dispense-da-mascherina-a-pagamento-no-al-segreto-professionale

Il Tribunale federale (Tf) respinge il ricorso di un medico sospettato di aver venduto dispense dall’obbligo di indossare una mascherina sanitaria. Di fronte alla richiesta della giustizia zurighese di consultare le sue cartelle mediche, l’uomo opponeva il segreto professionale.

Il Ministero pubblico di Winterthur/Unterland potrà pertanto visionare tre dossier completi di pazienti, così come informazioni relative ad altri nove. Questi documenti erano stati sequestrati in aprile durante una perquisizione dello studio del medico.

Quest’ultimo aveva in seguito chiesto che i documenti venissero sigillati. Alla fine di luglio, il tribunale distrettuale, competente in materia, aveva concesso un parziale accesso ai dati dei pazienti. In una sentenza pubblicata oggi, il Tf conferma questa decisione, ritenendola conforme al principio di proporzionalità.

Nel suo ricorso, il medico sosteneva che i fatti contestatigli non corrispondessero al reato di redazione di un certificato falso. A suo avviso, non sussisteva pertanto una sufficiente presunzione di colpevolezza.

Il Tf ha respinto questa tesi, invocando la sua giurisprudenza in materia di uso della mascherina. A più riprese la Corte ha potuto constatare che l’obbligo è sufficientemente ancorato nella legge. Per il Tf c’è inoltre un importante interesse pubblico a risolvere il caso.

Il medico aveva attirato l’attenzione della polizia quando diverse persone avevano mostrato un certificato di esenzione dall’obbligo di indossare la mascherina firmato da lui. Una paziente aveva confessato che sua figlia aveva ottenuto il documento senza una visita. Un altro paziente aveva ammesso di aver consultato proprio questo dottore perché noto per essere accomodante e per rilasciare dispense a pagamento. Contro il medico è stato anche avviato un procedimento disciplinare da parte della Direzione della sanità del canton Zurigo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
21 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
23 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
2 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
2 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved