laRegione
22.12.21 - 19:28
Aggiornamento: 20:40

Tassa di bollo, per la sinistra l’abolizione è ‘una truffa’

Ad approfittarne saranno poche grandi imprese, sostengono Ps e Verdi. E ‘saranno i contribuenti a dover colmare il buco nelle casse dello Stato’

tassa-di-bollo-per-la-sinistra-l-abolizione-e-una-truffa
Keystone
Berna, 5 ottobre 2021: consegna delle firme

Berna – La soppressione del diritto di bollo sull’emissione di capitale proprio è una truffa: ad approfittarne saranno poche grandi imprese, e non le Pmi come pretende il Consiglio federale. Parola del comitato referendario che invita la popolazione a respingere l’abolizione di questa tassa il prossimo 13 di febbraio.

Stando ai dati dell’Amministrazione federale delle contribuzioni, citati dal comitato interpartitico – Ps e Verdi –, nel 2020 a contribuire al grosso delle entrate derivanti da questa tassa sono state sostanzialmente 55 grandi società (51,5% dei 180 milioni provenienti soprattutto da imprese internazionali, assicurazioni e società holding), a fronte di 590mila piccole e medie imprese. Insomma, la tesi dei favorevoli alla soppressione del diritto di bollo secondo cui sarebbero proprio le piccole società ad approfittarne non è sostenibile.

Se lo stralcio di questa tassa venisse accolto in votazione, le perdite fiscali annue ammonterebbero in media a 250 milioni. Stando alla sinistra, il diritto di bollo – introdotto oltre 100 anni fa – compensa l’assenza di imposizione sulle transazioni finanziarie, specie sul mancato prelievo dell’Iva.

Popolo gabbato

Se il popolo dovesse accettare lo stralcio dell’imposta di bollo, “saremo tutti noi a dover colmare il buco che si formerà nelle casse dello Stato”, ha affermato davanti ai media Samuel Bendahan, vicepresidente del Partito socialista, secondo cui l’abolizione di questa tassa è solo una di tutta una serie di riforme che peseranno sulle spalle della classe media e dei pensionati.

Secondo il consigliere nazionale vodese, la riforma dell’imposta preventiva o l’abolizione dei dazi doganali sui prodotti industriali costeranno miliardi alle casse pubbliche. Depauperare lo Stato avrà conseguenze nefaste sulle persone, specie quelle più fragili.

Pierre-Yves Maillard, presidente dell’Unione sindacale svizzera, ha sottolineato che la popolazione è preoccupata per l’aumento dei premi dell’assicurazione malattia e per la difficoltà di far quadrare i conti e non intravede alcun bisogno di rinunciare a qualche centinaio di milioni di franchi di entrate fiscali.

Finanza gongola

Per Samuel Bendahan, a guadagnarci è solo il settore finanziario, tra l’altro largamente risparmiato dalla crisi del coronavirus, mentre altri rami economici stanno invece pagando un prezzo elevato. La finanza ormai è avulsa dai bisogni della società e non vuole contribuire al finanziamento dei servizi pubblici, a detta del deputato vodese.

“Il settore più privilegiato, quello finanziario, sta chiedendo a tutti gli altri di pagare; mentre si riscuote l’Iva su ogni transazione, non vi è motivo per esentare un settore particolare da questa tassa”, ha spiegato Cédric Wermuth, co-presidente del Ps.

Le grandi sfide come l’assistenza infermieristica, il cambiamento climatico, l’approvvigionamento energetico o i trasporti richiedono grandi investimenti che andranno a beneficio di tutti. Con 250 milioni all’anno si possono risolvere molti problemi, ha sottolineato Bendahan.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
la guerra in ucraina
3 ore
Armi: la Germania potrebbe non rifornirsi più in Svizzera
La Svizzera rifiuta la riesportazione in virtù del principio di neutralità e della legge sul materiale bellico. L’ambasciatore tedesco a Berna protesta
Svizzera
10 ore
Capanna completamente distrutta dalle fiamme a Sumvitg
Impegnativo intervento per i pompieri nella notte nei Grigioni. Sospetta intossicazione da fumo per i due inquilini che si trovavano all’interno
Svizzera
11 ore
Quasi 140 milioni di mascherine arriveranno a scadenza nel 2023
Un gruppo di lavoro sta studiando soluzioni per usi alternativi di questo materiale, conservato nei magazzini della farmacia dell’Esercito
Svizzera
12 ore
Daniel Vasella non voleva pagare le tasse a Zugo. Ma dovrà farlo
L’ex Ceo di Novartis sconfessato dal Tribunale amministrativo. Il contenzioso risale al 2013
Svizzera
13 ore
Elezioni a Zurigo, in gioco c’è la ‘maggioranza climatica’
In corsa per il rinnovo dei poteri cantonali in riva alla Limmat si ripresentano tutti i consiglieri di Stato. Ma l’esito non è scontato
Svizzera
14 ore
Ricardo sfonda la soglia degli 1,6 milioni di utenti attivi
Per la piattaforma svizzera di vendita online creata nel 1999, il 2022 è stato un anno record. In ‘vetrina’ 12,5 milioni di articoli
Svizzera
15 ore
I ‘Corona-Leaks’ non intaccano la popolarità di Berset
Secondo il sondaggio condotto da Sotomo, il friborghese rimane il terzo consigliere federale nella classifica dei più stimati dall’elettorato
Svizzera
16 ore
‘L’assunzione e la formazione di ucraini va incoraggiata’
Lo auspica il presidente dell’Associazione Svizzera-Ucraina Andrei Lushnycky, secondo cui entrambi i Paesi ne trarrebbero vantaggi
Svizzera
18 ore
Aumenta la percentuale di donne? Gli uomini cambiano strada
Più che le competenze e gli interessi, nell’ambito lavorativo sono le proporzioni a creare mestieri tipicamente maschili e femminili
Svizzera
1 gior
Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale
Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
© Regiopress, All rights reserved