laRegione
22.12.21 - 19:04
Aggiornamento: 20:31

Gulnara Karimova recupera parte del tesoro confiscato

La Corte penale del Tpf ordina la confisca di 294 milioni di dollari appartenenti alla figlia dell’ex presidente uzbeko

gulnara-karimova-recupera-parte-del-tesoro-confiscato
Keystone
Gulnara Karimova in una foto del 2011

Berna – La Corte penale del Tribunale penale federale ha ordinato la confisca di 294 milioni di dollari appartenenti alla figlia dell’ex presidente dell’Uzbekistan Gulnara Karimova, coinvolta in un caso di riciclaggio di denaro. Altri 69 milioni di dollari saranno invece restituiti alla società Takilant, di proprietà della Karimova, poiché non è stato provato che sono di origine criminale.

Il 22 maggio 2018 il Ministero pubblico della Confederazione ha emesso un decreto penale con cui ha condannato la donna per falsità in documenti e riciclaggio di denaro. Contemporaneamente è stata ordinata la confisca di valori patrimoniali per oltre 555 milioni di dollari detenuti in cinque banche svizzere.

La società Takilant, in quanto proprietaria di due delle relazioni bancarie, di cui Karimova era l’avente diritto economico, si è opposta. La somma confiscata concernente tale società ammontava a circa 350 milioni di dollari.

Riciclaggio aggravato in banda e per mestiere

Nella sua sentenza comunicata oggi, la Corte dice di essere giunta alla conclusione che una parte importante di questa somma doveva essere confiscata, ritenuto che diversi protagonisti – tra cui Karimova e la sua assistente – avevano commesso atti di riciclaggio di denaro aggravato in banda e per mestiere.

L’insieme di numerosi indizi chiari e convergenti attestano l’esistenza dei crimini di corruzione preliminari al riciclaggio di denaro, precisa la Corte. Per questo motivo è stata ordinata la confisca dei 294 milioni di dollari.

Contro la decisione è possibile inoltrare ricorso alla Corte dei reclami penali del Tribunale penale federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Il Vallese sui casinò si ritiene svantaggiato rispetto al Ticino
Il Consiglio federale intende accordare la concessione per una sola casa da gioco: protesta il consigliere di Stato Darbellay
Svizzera
4 ore
Raccolte le firme per l’iniziativa sul mantenimento del contante
Già certificate oltre 111‘000 firme a favore del ‘Sì a una valuta svizzera libera e indipendente sotto forma di monete o banconote’
Svizzera
21 ore
Due morti a Disentis per una valanga
La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
21 ore
La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna
Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
1 gior
La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record
Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
1 gior
Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera
Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
1 gior
Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora
Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
1 gior
L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave
Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
1 gior
Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato
Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
1 gior
Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’
La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
© Regiopress, All rights reserved