laRegione
22.12.21 - 13:58
Aggiornamento: 14:18

Gli esperti di etica: no ai giudizi morali sui non vaccinati

La Società svizzera di etica biomedica ammette che i molti non vaccinati pesano sul sistema sanitario ma propone la via del dialogo e l’informazione

Ats, a cura de laRegione
gli-esperti-di-etica-no-ai-giudizi-morali-sui-non-vaccinati
Keystone

Le persone non vaccinate contro il coronavirus non devono subire giudizi morali. Gli esperti di etica sottolineano che fare distinzioni in questo senso non permetterà di fermare la pandemia.

Con gli ospedali pieni, i vaccinati faticano a comprendere perché i non vaccinati che si ammalano di coronavirus mobilitano le risorse mediche. La Società svizzera di etica biomedica (SSEB) mette in guardia da tale visione della questione.

Questo approccio fa infatti pensare che i vaccinati non possano ammalarsi e non possano infettare altri, con conseguente abbassamento della guardia e meno protezione per gli altri, oltre che per sé stessi.

Inoltre, ogni individuo ha il diritto di accettare o rifiutare un vaccino dopo aver soppesato pro e contro, ricorda la SSEB. I professionisti della medicina non devono giudicare la “responsabilità personale presunta o reale” dei non vaccinati che si ammalano. Da un punto di vista etico, tutti hanno il diritto di essere curati.

La SSEB ammette che un gran numero di non vaccinati è un problema per le strutture ospedaliere. Propone però il dialogo e l’informazione. “Abbiamo anche tutti l’obbligo morale di limitare i contatti sociali e applicare le misure igieniche appropriate”, si legge nella presa di posizione.

Evitare il triage

Gli esperti di etica insistono poi sulla solidarietà. “Numerose persone gravemente malate rischiano di non essere curate a causa di trattamenti e interventi rinviati”. Per evitare un triage dei pazienti, la SSEB chiede alle autorità di assumersi le proprie responsabilità: “Un’esitazione prolungata può avere pesanti conseguenze”.

Bisogna quindi applicare misure severe per evitare la diffusione del virus. Oltre a questo, è necessaria una migliore coordinazione di fronte alla penuria di risorse. Misure devono poi essere prese per giovani, persone con turbe mentali e anziani soli, categorie spesso dimenticate.

Un pensiero viene rivolto anche al personale curante, che deve essere rispettato e valorizzato. Anche per riguardo nei loro confronti, la popolazione deve evitare di recarsi in ospedale “inutilmente”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro
La Confederazione è all‘ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ’Smeraldo’
Svizzera
5 ore
Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla
Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
7 ore
Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini
L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
20 ore
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
21 ore
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
22 ore
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
22 ore
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
22 ore
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
Svizzera
23 ore
Se il Gigante giallo non resta al passo coi tempi
A rivelarlo Roberto Cirillo, Ceo della Posta: ‘Non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente nell’attuazione della nostra strategia di ammodernamento’
Svizzera
1 gior
Al via la riforma del Secondo pilastro
Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema
© Regiopress, All rights reserved