laRegione
17.12.21 - 19:50

Andreas Cerny: ‘Misure tardive, ma corrette’

Lo specialista di malattie infettive della Clinica Moncucco saluta positivamente il richiamo solo dopo quattro mesi

di Generoso Chiaradonna
andreas-cerny-misure-tardive-ma-corrette
Ti-Press
Il dottor Andreas Cerny, dell’Epatocentro della Clinina Luganese Moncucco

Il dottor Andreas Cerny è direttore dell’Epatocentro presso la Clinica Luganese Moncucco e specialista in malattie infettive. A lui abbiamo chiesto se le misure annunciate dal Consiglio federale siano adeguate all’attuale situazione epidemiologica.

Si poteva fare di più visto che sta per arrivare la variante Omicron?

In Svizzera è ancora prevalente la variante Delta del virus Sars-CoV-2. Una variante che è arrivata dal Nord Europa alla fine della scorsa estate e che ha colpito prevalentemente i Paesi dell’Est e poi Germania e Austria, per manifestarsi in modo massiccio anche in Svizzera. Segnali di una diffusione aumentata rispetto a qualche settimana fa ci sono anche in Italia, Francia e in Spagna. In questi giorni stiamo assistendo a un leggero appiattimento della curva dei contagi, che lo ricordo hanno incominciato prima a manifestarsi nei giovani sotto i 19 anni e poi tra la popolazione più adulta non vaccinata che ora sta riempiendo nuovamente gli ospedali. In alcuni cantoni la situazione è più critica rispetto al Ticino tanto che ci sono 300 persone in cure intense a livello nazionale. Ora vediamo anche che i ricoveri riguardano sempre di più persone vaccinate con una o due dosi. Omicron non è ancora rilevante per la casistica. Per questo penso che le misure prese dal Consiglio federale – tardive per la variante Delta – vadano però bene per frenare l’arrivo di Omicron che invece nei Paesi dove non si sono prese misure incisive (Gran Bretagna e Danimarca) sta avanzando velocemente. I ritardi però costeranno delle vite umane. La quinta ondata era prevedibile e la letteratura scientifica è chiara.

Il messaggio del governo è chiaro: la strada di uscita è la vaccinazione tanto è vero che il tempo tra la seconda dose e il booster è stato ridotto a quattro mesi.

Abbiamo capito che Omicron si diffonde in una popolazione che ha già tanto virus e che ha poche restrizioni come è stato in Danimarca e in Gran Bretagna. Se tocca una popolazione che ha già delle restrizioni impostate e che ha relativamente poco virus in circolazione probabilmente la riproduzione non sarà super veloce. Abbiamo tempo fino al 24 gennaio per valutare questa dinamica. Fino a oggi abbiamo capito che c’è una certa stagionalità del Sars-CoV-2. Che la protezione dei vaccini m-Rna tendesse a diminuire dopo quattro mesi, gli esperti lo avevano capito dai casi di Israele e Qatar. In questi Paesi si è vaccinato massicciamente nei primi mesi di quest’anno e a giugno-luglio si sono manifestati altri casi di infezione tra i vaccinati. La stessa cosa l’abbiamo osservata anche in Svizzera. Quindi è corretto aver abbassato questo termine a quattro mesi.

Dobbiamo quindi abituarci all’idea di vaccinazioni ripetute nel tempo per contrastare nuove varianti? Un po’ come succede per l’influenza stagionale.

Non conosciamo ancora a fondo questo virus e non sappiamo se Omicron sarà più virulento ovvero più ‘cattivo’ di altre varianti. Questo ce lo dirà il tempo. Avremo sicuramente indicazioni in più tra quattro-sei settimane. Nel Sars-CoV-2 entrano in gioco 29 proteine, non solo la famosa spike, e ancora non sappiamo quali siano le mutazioni responsabili di un decorso di una malattia più grave. Per tornare al vaccino, è molto probabile che tre dosi o più proteggano meglio. Nel caso di Omicron, se dovesse confermarsi più virulento, verrà probabilmente preparato un vaccino m-Rna che tenga conto anche del sequenziamento genetico di quest’ultimo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
9 ore
L’onere normativo a carico delle imprese va ridotto
Lo sostiene il Consiglio federale, che ha adottato un progetto di legge a destinazione del Parlamento
Svizzera
9 ore
Stati, Mathilde Crevoisier Crelier al posto di Baume-Schneider
La socialista, municipale di Porrentruy, ha annunciato oggi al governo del canton Giura di aver accettato la nomina.
Svizzera
14 ore
‘Per favorire la sicurezza si tolgano le strisce pedonali’
Fa discutere l’indicazione dell’Upi, secondo cui in una strada del comune di Hünenberg (Zg) vanno tolte le strisce gialle: ‘Lì son troppo pericolose’
Svizzera
14 ore
Riforma Avs21: dal 2025 aumenterà l’età pensionabile delle donne
A partire dal 1° gennaio 2024 invece vi sarà l’aumento dell’Iva per finanziare la riforma
Svizzera
16 ore
Sergio Ermotti nel Cda di Innosuisse
L’ex Ceo di Ubs è stato nominato oggi dal Consiglio federale ed entrerà in carica dal primo gennaio
Svizzera
17 ore
Sorpasso a destra, non si rischia più la patente
Il ritiro resta possibile, ma non è più automatico: il Tribunale federale applica per la prima volta la nuova prassi
Svizzera
17 ore
‘L’iniziativa anti-vaccini va respinta’
A ribadirlo il governo. Se approvata, questa causerebbe un’incertezza del diritto in diversi settori. Inoltre a oggi non vi è un obbligo vaccinale
Svizzera
19 ore
La casetta in campagna sì... ma vicino a una città
Metà degli intervistati da Comparis dichiara di voler vivere in campagna, mentre solo un quarto preferisce le città. I ticinesi i più restii a spostarsi
Svizzera
20 ore
Secondo tunnel del San Gottardo: potenziale presenza di amianto
Nel frattempo sono state prese misure per proteggere i lavoratori e la popolazione, ha indicato oggi l’Ufficio federale delle strade
Svizzera
21 ore
Svizzera romanda in ‘bianco’, ecco le prime nevicate in pianura
Secondo MeteoNews, fino a domenica sono previsti tra i 5 e i 15 centimetri di neve in pianura e tra i 10 e i 50 centimetri in montagna
© Regiopress, All rights reserved