laRegione
17.12.21 - 09:59
Aggiornamento: 16:00

Ex ‘spia’ svizzera condannata per tentato spionaggio economico

Daniel Moser, già condannato quattro anni fa in Germania per aver spiato il fisco tedesco, è stato punito anche dalla giustizia svizzera

Ats, a cura de laRegione
ex-spia-svizzera-condannata-per-tentato-spionaggio-economico
Keystone
Daniel Moser durante il processo del 2017 in Germania

L’ex “spia” svizzera Daniel Moser, già condannato quattro anni fa in Germania per aver spiato il fisco tedesco, è stato punito anche dalla giustizia svizzera. La Procura federale il mese scorso gli ha inflitto una pena complessiva di 63’000 franchi per tentato spionaggio economico.

Secondo le informazioni diffuse ieri mattina dalla Radio Tv romanda RTS, il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha inflitto a Daniel Moser, 58 anni, una pena pecuniaria di 18’000 franchi e un risarcimento di 45’000 franchi a favore della Confederazione.

In base al decreto d’accusa dello scorso primo novembre, oggi in possesso anche all’agenzia Keystone-ATS, la pena pecuniaria, di 180 aliquote giornaliere da 100 franchi, è stata correlata a un periodo di prova di due anni. L’imputato deve inoltre farsi carico di spese procedurali per 13’000 franchi.

Contattato da RTS, il suo avvocato Valentin Landmann si è detto soddisfatto della decisione e che non intende ricorrere in Appello o avviare altri procedimenti.

La Procura federale ha indagato su questo detective privato, ex informatore del Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC), fin dal 2014 in un caso di spionaggio economico. Tra l’estate del 2014 e il febbraio 2015, su richiesta di un giornalista tedesco, Moser ha raccolto i dati bancari dell’ex capo dei servizi segreti tedeschi, August Hanning, su presunti conti in Svizzera.

Aveva incaricato e pagato uno specialista di sicurezza per scoprire tutto quello che poteva sulle attività bancarie di Hanning. La sua fonte gli aveva dato tre documenti, con delle informazioni che poi si rivelarono false. Non sapendo che i tre documenti fossero falsificati, li ha consegnati al giornalista tedesco che gli pagò 150’000 euro. Somma che proveniva però da un ex investigatore privato tedesco, che poi ha indirettamente messo al corrente la giustizia elvetica.

Per l’MPC si è trattato di un tentativo di spionaggio economico, a prescindere dal fatto che i documenti fossero falsi. La Procura federale non è riuscita a stabilire se Moser sapesse se le informazioni da lui fornite sarebbero finite nelle mani del giornalista oppure in quelle di un servizio ufficiale straniero o di una società privata.

Per quanto riguarda gli altri imputati in questo caso, ossia il giornalista, l’esperto di sicurezza e il detective tedesco, sono stati tutti scagionati, avendo l’MPC archiviato le accuse di spionaggio economico contro di loro.

Come agente freelance degli 007 svizzeri (SIC), Daniel Moser, ex dipendente della Polizia comunale di Zurigo e del servizio di sicurezza dell’UBS, tra il 2011 e il 2013 aveva cercato di infiltrarsi nell’amministrazione fiscale della Renania settentrionale-Vestfalia, che – dopo l’acquisto di cd di dati bancari elvetici rubati nel 2006 – indagavano per identificare evasori che avevano nascosto beni in Svizzera.

Per questa vicenda, l’allora 54enne fu arrestato nell’aprile del 2017 a Francoforte e condannato nel novembre seguente a 22 mesi di carcere con la condizionale e al pagamento di 40’000 euro; una pena ritenuta clemente, ottenuta patteggiando una confessione che ha convinto i giudici del Land più popoloso della Germania.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Non ci sarà recessione, ma una crescita del Pil più lenta
Lo indicano le previsioni del Kof, che rivede al ribasso la progressione del Prodotto interno lordo
Svizzera
1 ora
La Città di Zurigo ‘congela’ la cannabis legale
Decisione inevitabile in attesa dell’approvazione definitiva del progetto da parte di Berna. Il tutto slitta alla prima metà del 2023
Svizzera
2 ore
La distribuzione di eroina in forma agevolata proseguirà
Le persone stabili dal punto di vista sociosanitario potranno continuare a portare le dosi in compresse a casa anziché recarsi giornalmente nei centri
Svizzera
3 ore
Grigioni, passo avanti per il centro Sup
La commissione preparatoria del Gran Consiglio retico avalla il progetto per la costruzione della nuova Scuola universitaria professionale
Svizzera
3 ore
I funzionari pubblici ginevrini incrociano le braccia
Dal malcontento per il budget 2023 allo sciopero: mercoledì prossimo una giornata di astensione dal lavoro. Baud: ‘È la prima tappa’
Svizzera
3 ore
‘Pronti a ritirare l’Iniziativa per i ghiacciai’
Soddisfatto dal controprogetto, a determinate condizioni il comitato promotore potrebbe fare retromarcia
Svizzera
4 ore
Il mercato del lavoro ha raggiunto il suo picco
Dopo mesi di forte crescita (+15% da inizio anno), le offerte di impiego sembrano essersi arrestate: 1% nell’ultimo trimestre
Svizzera
18 ore
Impennata di casi di coronavirus
Sono 25’134 nell’ultima settimana, con 13 morti e 290 ricoverati. Una settimana fa erano il 50 per cento in meno
le mosse nell’udc
20 ore
Stamm Hurter apre a una candidatura per il dopo-Maurer
È consigliera di Stato nel Canton Sciaffusa. Gregor Rutz, interpellato sullo stesso argomento, invece si tira indietro: era considerato tra i favoriti
Svizzera
23 ore
Negli impianti di risalita... saliranno anche i prezzi
Previsti aumenti ‘moderati’. Resta anche la sfida del reclutamento del personale
© Regiopress, All rights reserved