laRegione
16.12.21 - 15:04

Volumi record di pacchi, La Posta cerca personale più adatto

Per i prossimi anni servono 10mila posti di lavoro a tempo pieno, soprattutto nella logistica e nell’informatica

Ats, a cura de laRegione
volumi-record-di-pacchi-la-posta-cerca-personale-piu-adatto
Keystone
Boom natalizio, come sempre

Di fonte all’evoluzione del mercato seguita alla pandemia e alla serie di pensionamenti futuri, alla Posta sta mancando il personale adatto. Nei prossimi anni ne dovrà essere reclutato per circa 10mila posti di lavoro a tempo pieno, soprattutto nella logistica e nell’informatica. Quello che, con il confinamento dovuto al Covid-19, nel marzo del 2020 è iniziato un po’ come uno sprint per far fronte al boom della consegna di pacchi delle vendite online, si è nel frattempo sviluppato in una “nuova normalità” in termini di quantità, ha spiegato in un incontro coi media Valérie Schelker, responsabile del personale e membro della direzione del gruppo.

Il commercio in rete è fiorente e porta a nuovi livelli record ogni anno. Rispetto al 2019, ossia al periodo pre-pandemico, i volumi sono aumentati di circa un terzo, precisa. Per tutto l’anno, la Posta si aspetta circa 200 milioni di pacchi. Come sempre, si sta registrando un picco delle consegne in vista del Natale. Dall’americanissimo Black Friday del 29 novembre, sono stati trattati e consegnati 15,4 milioni di pacchi. Solo martedì scorso, per esempio, erano 1,3 milioni. Per essere in grado di gestire questi volumi, dal 2020 sono stati creati 700 posti di lavoro supplementari, con 830 dipendenti. E al momento, 200 dipendenti temporanei lavorano nello smistamento e nella consegna. Ma, a causa dei futuri pensionamenti di diversi degli attuali 55mila dipendenti, dovranno essere sostituiti circa 3’500 impieghi a tempo pieno entro il 2025. Oltre a ciò ci sarà una fluttuazione naturale. E in totale, dovrà quindi essere reclutato personale per circa 10mila posti di lavoro a tempo pieno, aggiunge Schelker. Queste assunzioni, però, non potranno avvenire pari pari. Già oggi sono infatti necessari meno impiegati di commercio, ma più addetti alla logistica e informatici.

Il settore Ict (o Tic) intanto sta già lavorando su un nuovo profilo di lavoro, una combinazione di tecnologia dell’informazione e business per l’automazione, digitalizzazione o analisi dati. La nuova formazione, che deve ancora essere definita con precisione, sarà lanciata nel 2023. La Posta forma 750 insegnanti ogni anno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
12 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
14 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
16 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
16 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
17 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
18 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
18 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
19 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved