laRegione
16.12.21 - 07:49
Aggiornamento: 15:25

Cassis non esclude la vaccinazione obbligatoria

Secondo il Consigliere federale, al momento la misura non è giustificabile ma se aumentassero di colpo i decessi sarebbe un’ultima risorsa da considerare

Ats, a cura de laRegione
cassis-non-esclude-la-vaccinazione-obbligatoria
Keystone

Il consigliere federale Ignazio Cassis, che assumerà la presidenza della Confederazione nel 2022, non esclude categoricamente una vaccinazione obbligatoria contro il coronavirus in Svizzera. Attualmente però, secondo il ticinese tale misura non è giustificabile.

I vaccini sono fra gli strumenti più efficaci della storia della medicina, evidenzia Cassis in un’intervista concessa alle edizioni odierne dei giornali del gruppo CH-Media. “In questo modo abbiamo sconfitto malattie come il vaiolo e la poliomielite”.

Ora come ora comunque, rendere il vaccino obbligatorio non sarebbe proporzionato, aggiunge l’ex medico cantonale. Inoltre, si tratterebbe di un serio pregiudizio alla libertà individuale. “Ma se il numero di decessi dovesse aumentare improvvisamente”, prosegue il ministro degli esteri, “come ultima spiaggia bisognerebbe prendere in considerazione” questo provvedimento.

Cassis ammette poi che il processo di somministrazione della dose di richiamo andrebbe velocizzato. “La democrazia diretta è una cosa meravigliosa, ma non è il mezzo più adeguato per gestire una pandemia”, ha detto.

Il ticinese ha anche ricordato che il governo soppesa accuratamente i pro e i contro di ogni misura pensata per arginare il Covid-19. Non vengono esaminate solo le questioni mediche, bensì pure quelle sociali, fa notare.

Tornando sui vaccini, Cassis afferma che, grazie al suo passato di medico cantonale, ha imparato a dare prova di pazienza nei confronti delle persone scettiche riguardo alla puntura. Tuttavia, i non vaccinati rappresentano al momento oltre il 70% dei pazienti colpiti dalla malattia, rimarca il consigliere federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 min
Sunrise, massa salariale ritoccata al rialzo
L’incremento globale sarà del 2,6%, del 2,8% per i dipendenti soggetti al contratto collettivo di lavoro
Svizzera
8 min
Il 2022 buona annata per i funghi, pessima per gli avvelenamenti
Aumentate del 25% le chiamate al numero di emergenza 145 di Tox Info Suisse, è il secondo dato più alto di sempre
Svizzera
15 min
Violenza verso le donne, l’Esercito vuol vederci chiaro
Un sondaggio metterà in luce l’atteggiamento dei soldati nei confronti delle donne in grigioverde
Svizzera
1 ora
Soldi degli oligarchi per l’Ucraina? ‘Si può fare’
Secondo Mark Pieth, professore di diritto penale ed esperto di corruzione, una base legale che lo consente nel nostro Paese già c’è
Svizzera
3 ore
‘Qui la disinformazione non è sufficientemente contrastata’
Lo sostiene il sociologo vallesano Laurent Cordonier, secondo cui nel nostro Paese si dovrebbe fare di più
Svizzera
3 ore
Nelle farmacie basilesi arriva la cannabis legale
Dopo un rinvio di cinque mesi, scatta ufficialmente il progetto pilota. Circa 370 le persone che partecipano a questo studio
Svizzera
3 ore
Penultima chiamata per i ritardatari della vignetta
È tempo di sostituire quella scaduta: per i trasgressori (e chi si dimentica di farlo), 200 franchi di multa. A breve la versione elettronica
Svizzera
3 ore
Lunga vita agli Sms: ‘Non faranno la fine degli Mms’
Dopo la decisione di pensionare i messaggi multimediali, il presidente della direzione di Salt rassicura: ‘Per quelli testuali l’importanza è crescente’
la guerra in ucraina
14 ore
Armi: la Germania potrebbe non rifornirsi più in Svizzera
La Svizzera rifiuta la riesportazione in virtù del principio di neutralità e della legge sul materiale bellico. L’ambasciatore tedesco a Berna protesta
Svizzera
21 ore
Capanna completamente distrutta dalle fiamme a Sumvitg
Impegnativo intervento per i pompieri nella notte nei Grigioni. Sospetta intossicazione da fumo per i due inquilini che si trovavano all’interno
© Regiopress, All rights reserved