laRegione
12.12.21 - 10:00
Aggiornamento: 21:10

‘Per chi non è vaccinato si prospettano tempi difficili’

A dirlo il presidente Guy Parmelin, sottolineando l’importanza del vaccino per uscire dalla crisi

Ats, a cura de laRegione
per-chi-non-e-vaccinato-si-prospettano-tempi-difficili
Keystone

I non vaccinati devono aspettarsi che le loro libertà siano limitate per molto tempo. Lo ha affermato il presidente della Confederazione Guy Parmelin in un’intervista pubblicata oggi dalla SonntagsZeitung.

Il Consiglio federale ha posto in consultazione venerdì nuove misure sanitarie. Una variante prevede la generalizzazione della cosiddetta regola delle 2G, cioè limitare l’accesso ai ristoranti, agli spazi culturali, sportivi e di svago alle persone vaccinate o guarite (in tedesco “geimpft” o “genesen”).

Se la situazione continuerà a peggiorare in tutta la Svizzera, le autorità potranno agire immediatamente, ha rilevato Parmelin. Con la variante Delta, la situazione non è ancora tale da dover introdurre immediatamente delle regole che valgano per tutti, ha aggiunto per difendere la posizione del Consiglio federale.

Della nuova variante Omicron sappiamo ancora troppo poco, ha aggiunto Parmelin, precisando che alcune indicazioni suggeriscono che è molto più contagiosa, ma non ci sono ancora abbastanza indizi su quanto sia pericolosa.

Parmelin ha quindi ribadito che il Consiglio federale vuole evitare il più possibile un confinamento, anche parziale. Ha poi sottolineato l’importanza della vaccinazione per uscire dalla crisi, pur assicurando che la Svizzera non vuole introdurre un obbligo.

Ufsp, c’è preoccupazione

Preoccupazione per la situazione negli ospedali è stata espressa da Anne Lévy, direttrice dell’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), sulle colonne del SonntagsBlick. Già confrontati con un forte carico di lavoro, ora devono far fronte anche alla nuova variante Omicron. Da un punto di vista epidemiologico, l’introduzione di misure rapide diventa ancora più urgente, ha rilevato.

Se Omicron prende piede, la Svizzera deve essere pronta, ha aggiunto Lévy. Quest’ultima si aspetta che la nuova variante possa essere dominante al più tardi all’inizio del 2022, forse anche prima. Visto il numero crescente di casi, la Svizzera non potrà probabilmente evitare di introdurre il 2G a livello nazionale, ha proseguito.

Questa regola offre un certo grado di sicurezza alle persone vaccinate e guarite, perché non sono più così facilmente infettabili. Nelle ultime settimane, sono così tante le persone non vaccinate finite negli ospedali che il 3G non rappresenta più un’opzione, secondo Lévy.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
elezioni cantonali
48 min
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
57 min
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
© Regiopress, All rights reserved