laRegione
per-chi-non-e-vaccinato-si-prospettano-tempi-difficili
Keystone
12.12.21 - 10:00
Aggiornamento : 21:10

‘Per chi non è vaccinato si prospettano tempi difficili’

A dirlo il presidente Guy Parmelin, sottolineando l’importanza del vaccino per uscire dalla crisi

Ats, a cura de laRegione

I non vaccinati devono aspettarsi che le loro libertà siano limitate per molto tempo. Lo ha affermato il presidente della Confederazione Guy Parmelin in un’intervista pubblicata oggi dalla SonntagsZeitung.

Il Consiglio federale ha posto in consultazione venerdì nuove misure sanitarie. Una variante prevede la generalizzazione della cosiddetta regola delle 2G, cioè limitare l’accesso ai ristoranti, agli spazi culturali, sportivi e di svago alle persone vaccinate o guarite (in tedesco “geimpft” o “genesen”).

Se la situazione continuerà a peggiorare in tutta la Svizzera, le autorità potranno agire immediatamente, ha rilevato Parmelin. Con la variante Delta, la situazione non è ancora tale da dover introdurre immediatamente delle regole che valgano per tutti, ha aggiunto per difendere la posizione del Consiglio federale.

Della nuova variante Omicron sappiamo ancora troppo poco, ha aggiunto Parmelin, precisando che alcune indicazioni suggeriscono che è molto più contagiosa, ma non ci sono ancora abbastanza indizi su quanto sia pericolosa.

Parmelin ha quindi ribadito che il Consiglio federale vuole evitare il più possibile un confinamento, anche parziale. Ha poi sottolineato l’importanza della vaccinazione per uscire dalla crisi, pur assicurando che la Svizzera non vuole introdurre un obbligo.

Ufsp, c’è preoccupazione

Preoccupazione per la situazione negli ospedali è stata espressa da Anne Lévy, direttrice dell’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), sulle colonne del SonntagsBlick. Già confrontati con un forte carico di lavoro, ora devono far fronte anche alla nuova variante Omicron. Da un punto di vista epidemiologico, l’introduzione di misure rapide diventa ancora più urgente, ha rilevato.

Se Omicron prende piede, la Svizzera deve essere pronta, ha aggiunto Lévy. Quest’ultima si aspetta che la nuova variante possa essere dominante al più tardi all’inizio del 2022, forse anche prima. Visto il numero crescente di casi, la Svizzera non potrà probabilmente evitare di introdurre il 2G a livello nazionale, ha proseguito.

Questa regola offre un certo grado di sicurezza alle persone vaccinate e guarite, perché non sono più così facilmente infettabili. Nelle ultime settimane, sono così tante le persone non vaccinate finite negli ospedali che il 3G non rappresenta più un’opzione, secondo Lévy.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
covid crisi guy parmelin pandemia vaccinato
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’
Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
11 ore
Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente
Il governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
13 ore
C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi
È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
14 ore
Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo
L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
15 ore
Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno
Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
15 ore
Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica
L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
15 ore
Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage
Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
16 ore
Due vittime sul Grand Combin, travolte da seracchi
Il crollo dei blocchi di ghiaccio sull’‘Himalaya della Svizzera’ ha travolto una quindicina di persone; nove quelle rimaste ferite
Svizzera
21 ore
Iniziativa contro gli F-35: raccolte 100’000 firme
L’alleanza ‘STOP F-35’ afferma di aver raccolto le firme necessarie per l’iniziativa che chiede di vietare l’acquisto dei jet da combattimento
Svizzera
1 gior
‘Ammettiamo gli studenti degli Stati terzi fuggiti dall’Ucraina’
La petizione inviata al Consiglio federale chiede di aprire le porte delle università anche a loro
© Regiopress, All rights reserved