laRegione
petroliera-svizzera-bloccata-da-4-anni-lascia-la-nigeria
11.12.21 - 09:41

Petroliera svizzera bloccata da 4 anni lascia la Nigeria

La partenza della “San Padre Pio” avviene conformemente a un accordo firmato nel maggio scorso tra le autorità elvetiche e quelle nigeriane

Una nave cisterna battente bandiera svizzera trattenuta in Nigeria per quasi quattro anni ha potuto lasciare il paese mercoledì. Lo ha indicato stamani il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

La partenza della “San Padre Pio” - questo il nome del bastimento, una petroliera con una capacità di 8’540 metri cubi - avviene conformemente a un accordo firmato nel maggio scorso tra le autorità elvetiche e quelle nigeriane, al termine di alcune necessarie riparazioni.

Dal momento che la nave è potuta uscire dalla zona economica esclusiva della Nigeria, la Confederazione e il paese africano porranno fine al procedimento giudiziario pendente dinanzi al Tribunale internazionale per il diritto del mare (ITLOS) di Amburgo, come previsto dai patti sottoscritti.

Si è così giunti a una soluzione finale della controversia: stando al DFAE questo è merito della diplomazia svizzera, “che si è intensamente impegnata in vista di questo esito positivo”, si legge nella nota.

La nave era stata bloccata dalle autorità nigeriane nel gennaio 2018 perché, trasportando petrolio davanti alle sue coste, avrebbe violato il diritto locale. Berna sosteneva per contro che il bastimento non si trovasse in acque territoriali e non potesse quindi essere requisito.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
nigeria petroliera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
10 ore
Statuto S: per gli aiuti si terrà conto di salario e patrimonio
Le raccomandazioni sono state adeguate dalla Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali
Svizzera
11 ore
Furti con scasso a Silvaplana e Müstair
La Polizia cantonale grigionese chiede alla popolazione di segnalare eventuali persone sospette
Svizzera
11 ore
Genitori multati per aver fatto saltare la scuola alla figlia
È successo nel Canton Zurigo. La famiglia ha fatto iniziare le vacanze estive della bambina tre settimane in anticipo
Svizzera
11 ore
Impianti di risalita: la stagione estiva si conferma molto buona
In Ticino, però, si registra una diminuzione dell’affluenza rispetto all’anno scorso
Svizzera
12 ore
Ubriaco rimane bloccato con l’auto su un ponticello pedonale
Ha dichiarato di aver preso una scorciatoia per rincasare. Gli è stata rilevata un’alcolemia dell’1,4 per mille
Svizzera
12 ore
Il clima obbliga la viticoltura vallesana a ripensarsi
Siccità e temperature elevate, oppure gelo e piogge abbondanti: gli eventi estremi mettono a dura prova il settore. Studi in corso, il Cantone investe
Svizzera
13 ore
Stelle cadenti, venerdì notte il clou dello spettacolo
A Sud delle Alpi le nuvole potrebbero ostacolare l’osservazione. La luminosità della Luna potrebbe offuscare le Perseidi meno appariscenti
Svizzera
13 ore
Si scioglie il ghiaccio, il passo riaffiora dopo 2’000 anni
Il passo del Tsanfleuron, piccola porzione di terra che collega Vaud e Vallese a quota 2’800 metri, è riemerso dai ghiacci e tornato parzialmente sgombro
Svizzera
14 ore
Le associazioni padronali: tre ‘sì’ e un ‘no’ il 25 settembre
A esprimersi oggi sulle prossime votazioni quattro associazioni economiche. Il ‘no’ riguarda l’iniziativa sull’allevamento intensivo
Svizzera
14 ore
L’aumento dei tassi non sta impattando il mercato degli alloggi
Lo rilevano gli economisti di Raiffeisen. I tassi più alti influenzano invece le scelte delle modalità di finanziamento per acquisti o rinnovi di mutui
© Regiopress, All rights reserved