laRegione
10.12.21 - 13:14
Aggiornamento: 21:10

Svizzera, più spazio alla mobilità lenta nelle città

Il Consiglio federale ha risposto a due postulati del Parlamento in materia. L’annuncio: prossimamente ci sarà una revisione del codice stradale

Ats, a cura de laRegione
svizzera-piu-spazio-alla-mobilita-lenta-nelle-citta
archivio Ti-Press
Una circolazione più sicura per chi si sposta in bicicletta

Lo spazio sulle strade urbane in futuro dovrà essere maggiormente sfruttato a favore della mobilità lenta. In linea di principio il marciapiede deve però rimanere riservato ai pedoni. Lo indica oggi il Consiglio federale rispondendo a due postulati del Parlamento e annunciando una prossima revisione del codice stradale.

Nel definire i lavori, il Governo ha fissato tre obiettivi. Si tratta ad esempio di riconoscere la crescente importanza dei veicoli a emissioni zero, meno ingombranti e più lenti, che aiutano a ridurre le emissioni di CO2 e sfruttare meglio gli spazi limitati. Si vuole anche rendere la circolazione più sicura, con particolare riguardo alla “ciclopedonalità”, da favorire già in fase di progettazione. Occorre poi puntare su “soluzioni semplici e innovative per la classificazione dei veicoli e la definizione delle norme di utilizzo”.

Alla luce di questi elementi il Governo propone alcune nuove disposizioni. Il marciapiede rimarrà di massima riservato ai pedoni, con l’estensione a pattini a rotelle, monopattini, e altri mezzi non motorizzati privi di trazione elettrica.

Nelle aree ciclabili saranno ammesse le biciclette classiche, semi e completamente elettriche. Per le e-bike veloci è prevista una deroga: i modelli con pedalata assistita e velocità massima fino a 45 chilometri all’ora potranno circolare sia in zone riservate alle bici sia su strada.

I veicoli elettrici con peso massimo di 450 chili (patente M o F) potranno utilizzare la rete ciclabile senza superare il limite di 25 km/h. Quanto alle persone con disabilità motoria e gli anziani, potranno continuare a guidare appositi ciclomotori senza patente.

Come già oggi, i microveicoli elettrici dovranno essere provvisti almeno di un manubrio o un’asta di appoggio e di due freni indipendenti. I mezzi non conformi a tali requisiti rimarranno esclusi dalle strade pubbliche.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
4 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
5 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
8 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved